By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

24. Lifting of the buttocks with the elastic thread and the two-tipped cannula through two 5 mm incisions

KEYWORDS: Buttocks lifting, Butt lift, Buttocks suspension with elastic threads, gluteoplasty, elastic suture, Jano cannula.

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Elastic lifting of the buttocks is achieved by raising and compacting the subcutaneous tissues by means of the elastic thread. This thread does not cut into the tissues, is impalpable and becomes integrated into the tissues.
Two EP5 elastic threads are implanted in each buttock through a 35 cm cannula with two rounded tips. Using the two-tipped cannula offers the advantage of being able to implant the thread at a constant depth.
The pathway of the first elastic thread is drawn; this starts from the upper attachment of the gluteus and descends along the lateral margins, remaining about a hand’s width from the gluteal sulcus. Encirclement with the first elastic thread lifts and compacts the upper portion of the gluteus.
The second elastic thread will follow the same pathway as the first in the upper tract, but extends downwards to a distance of about two fingers from the gluteal sulcus. Encirclement with the second elastic thread serves to raise the sulcus.

24.0

Elastic lifting is indicated to correct the drooping and loss of shape of the buttocks. Even if the volumes of the buttocks are modest, compacting yields a pleasing result.
A 5 mm incision is made at the highest point of the buttock. A deep cavity is then created to house the knot. Elastic lifting of the buttocks is carried out under local anaesthesia. For this purpose, cannulas or micro-cannulas are used.
The two-tipped cannula is inserted into the small incision. The operator follows the preoperative design, keeping the cannula at the pre-established depth, normally 2 cm. After completing a quarter of a circle, the tip of the cannula rises towards the surface of the skin. The assistant makes a tiny incision with a N° 11 blade so that the cannula can be partially extracted. The elastic thread is pulled through. As always, a Klemmer is fixed to the end of the elastic thread.
The two-tipped cannula is now extracted until its posterior tip reaches the pre-established depth of implantation. The cannula is now rotated through 180°. The posterior tip becomes anterior and the cannula continues to follow the preoperative design. The second quarter of the circle is completed. The tip rises towards the surface of the skin and the assistant makes a small 2 mm incision to allow it to emerge. The cannula is partially extracted and the elastic thread is pulled through. When the posterior tip is at the pre-established depth, the two-tipped cannula is rotated through 180° and continues to follow the line drawn preoperatively. If the patient has deposits of excess fat in other regions, lifting of the buttocks may be preceded by one or two sessions of Lipofilling.
The elastic thread is pulled through. The two-tipped cannula is partially extracted through a 2 mm incision. The elastic thread is placed under tension. The two-tipped cannula is rotated and travels towards the entry incision, where it emerges. The elastic thread is placed under tension. Particular care must be taken to prevent the elastic thread from getting stuck. If this happens, great delicacy is required; the elastic thread must not be gripped with surgical instruments, as pinching might damage its elastic component. The thread must be freed very delicately. It should be borne in mind that one of the assistant’s tasks in this procedure is to prevent the long thread from ravelling. As always, the elastic thread must be bathed with an antibiotic solution, gentamycin or clindamycin, or with lidocaine, before it is implanted. The elastic thread is knotted. The first encirclement is complete. If the buttock is voluminous, each encirclement with the elastic thread is duplicated.
The pathway of the second elastic thread is drawn; the knot will be housed in the 5 mm incision made in the lateral region. The second elastic thread is now implanted; this will lift the gluteal sulcus. Its pathway lies about two fingers above the gluteal sulcus.
The cannula is inserted through the lateral incision. When the tip is at a depth of 2 cm, the cannula follows the pathway drawn. The first tract is completed.
The cannula is partially extracted through a tiny incision. The patient has a slight feeling of discomfort and a little more anaesthetic is administered. The elastic thread is pulled through. The assistant carefully prevents the elastic thread from ravelling. The two-tipped cannula is extracted up to the second to last depth-mark; it is then rotated through 180° and continues along its pre-established pathway. The tip now emerges from the tiny 2 mm incision. The cannula is partially extracted and the elastic thread is pulled through. The cannula is rotated and continues along its pathway in the medial region of the gluteus. The cannula partially emerges from the small incision where the first thread entered. Once the pre-established depth has been reached, the cannula is rotated and travels towards the entry incision, where it emerges. The elastic thread is tightened and knotted. Implantation of the second elastic thread is complete.
A stitch is used to suture the small incisions. Within a few weeks, the elastic thread will have been transformed into a natural ligament. The elasticity of the thread, its size and the fact that it is transformed into a natural ligament will prevent it from cutting into the tissues. This enables a stable, long-lasting result to be achieved.

24.1

Capurro S. (2013): Lifting of the buttocks with the elastic thread and the two-tipped cannula through two 5 mm incisions. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section. http://www.crpub.org

FAQ

What precautions need to be taken in this Elastic Plastic Surgery procedure?

In all procedures involving the use of either the sharp two-tipped needle or the blunt two-tipped cannula, care must be taken to ensure that the cannula travels at a uniform depth. Slight up-and-down movements of the cannula help the operator to check that the pathway is not too superficial. If it is, the skin will be introflected and the cannula will have to be pulled back and repositioned at greater depth.The elastic thread must be bathed before being implanted; in this procedure, we prefer to use an antibiotic, such as gentamycin or clindamycin. Moreover, the elastic thread is delicate and must not be gripped with surgical instruments.  The cannula must not be bent; rather, the tissues are bent. Normally, a quarter of a circle is completed at a time.  The cannula with two rounded tips emerges from small 2 mm incisions made with a N° 11 blade. When the two-tipped cannula is being extracted through these micro-incisions, the operator must hold the attachment of the thread to the needle with his fingers. The attachment of the thread to the cannula must not be strained. The traction on the elastic thread as the cannula passes through an incision of a few mm is very great; this traction must not be transmitted to the attachment of the thread to the cannula because the elastic thread might be cut by the edge of the anchorage hole and be detached from the cannula.  Finally, the volumes to be lifted should be considered. If the volumes are considerable or the patient is tall, it is preferable either to run the elastic thread round twice at each encirclement, or to implant two separate elastic threads with two knots, both of which will be housed in the same incision. This ensures greater holding over time. 

Which patients can undergo this ambulatory procedure?

All patients with drooping buttocks.

What precautions does the patient need to take in the post-operative period?

For at least two months, the patient must avoid straining the threads; she will have to sit down gently, sleep in a prone position or on a side, and wear a push-up girdle. The girdle effectively helps to eliminate post-operative pain. Within a short time, the elastic thread will be colonised by fibrohistiocytic cells and the result will remain stable.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

24. Lifting dei glutei con il filo elastico e la cannula a due punte, tramite due incisioni di 5 mm

KEYWORDS: Lifting dei glutei, sospensione elastica dei glutei, sutura elastica, Jano cannula.

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Il lifting elastico dei glutei si ottiene sollevando e compattando i tessuti sottocutanei con il filo elastico che ha la caratteristica di non tagliare i tessuti, di essere impalpabile e di integrarsi con i tessuti.
In ciascun gluteo sono impiantati due fili elastici EP5 tramite una cannula a due punte smusse lunga 35 cm. La cannula a due punte ha il vantaggio di impiantare la sutura ad una profondità costante.
Il disegno del primo cerchiaggio parte dall’attaccatura superiore del gluteo e scende lungo i margini laterali mantenendosi circa a un palmo dal solco gluteo.
Il primo cerchiaggio con il filo elastico solleva e compatta la porzione superiore del gluteo. Il disegno del secondo filo elastico segue in alto il percorso del primo filo elastico e si prolunga in basso, fino ad arrivare a circa due dita dal solco gluteo.
Il secondo cerchiaggio ha lo scopo di sollevare il solco.

24.0

Il lifting elastico ha come indicazione la ptosi e la perdita di forma dei glutei. Anche se il paziente ha volumi modesti il risultato della compattazione è piacevole. Si esegue un taglio di 5 mm, nel punto più alto della natica. Si realizza una cavità profonda per l’alloggiamento del nodo. Il lifting elastico dei glutei si effettua in anestesia locale. Si utilizzano a tale scopo cannule o micro-cannule.
La cannula a due punte entra nel piccolo taglio. L’operatore segue il disegno mantenendosi alla profondità prestabilita, normalmente 2 cm. Dopo aver percorso un quarto di cerchio la punta si dirige verso la superficie e fa salienza sulla cute. L’Aiuto esegue un minuscolo taglio con una lama numero 11 per far uscire parzialmente la cannula. Il filo elastico è ritirato. Una Klemmer è fissata come sempre all’estremità del filo elastico.
La cannula a due punte è estratta fino a quando la punta posteriore non raggiunge la profondità di impianto prestabilita.
Adesso la cannula ruota di 180°. La punta posteriore diventa anteriore e la cannula progredisce seguendo il disegno. Si esegue il secondo quarto di cerchio. La punta fa salienza sulla cute e l’Aiuto esegue un piccolo taglio di 2 mm per farla uscire. La cannula a due punte è estratta parzialmente e il filo elastico è ritirato. Quando la punta posteriore è alla profondità prestabilita la cannula a due punte ruota di 180° e continua il suo decorso seguendo il disegno prefissato. Se il paziente ha eccessi adiposi in altre regioni è possibile far precedere il lifting gluteo da uno o due lipofilling. In questo caso il lifting elastico dei glutei è eseguito dopo circa due mesi dall’ultimo lipofilling.
Il filo elastico è ritirato. La cannula a due punte è fatta uscire parzialmente con un taglio di 2 mm. Il filo elastico è messo in tensione. La cannula a due punte ruota ed è diretta nel taglio di ingresso dove esce.
Il filo elastico è messo in tensione. Una particolare attenzione è necessaria per evitare che il filo elastico si incavigli. SE ciò accade è necessario essere delicati. Il filo elastico non deve essere pinzato con gli strumenti chirurgici perché la pinzatura potrebbe danneggiare la componente elastica. Il filo deve essere sbrogliato con estrema delicatezza. Ricordiamo che in questo intervento l’Aiuto ha il compito di impedire che il lungo filo si ingarbugli. Come sempre prima dell’impianto il filo elastico deve essere bagnato con una soluzione antibiotica, gentamicina o clindamicina, o con lidocaina. La sutura elastica è annodata. Il primo cerchiaggio è completato. Se il gluteo è voluminoso ogni cerchiaggio con la sutura elastica è duplicato.
Si disegna il decorso dell’impianto del secondo filo elastico, il nodo sarà alloggiato nella incisione di 5 mm, eseguita nella regione laterale.
Si posiziona ora il secondo filo elastico che solleverà il solco gluteo. Il disegno è circa due dita sopra il solco gluteo.
La cannula è introdotta nel taglio laterale. Quando la punta è alla profondità di 2 cm la cannula segue il percorso tracciato. Il primo tratto è completato.
La cannula è fatta uscire parzialmente con un piccolo taglio. La paziente ha una leggera sensazione di fastidio ed è eseguita ancora un po’ di anestesia. Il filo elastico è ritirato. L’ Aiuto presta attenzione affinché il filo elastico non si ingarbugli. La cannula a due punte è estratta fino alla penultima tacca, poi è ruotata di 180° e prosegue il suo decorso seguendo il disegno. Ora la punta esce dal minuscolo taglio di due millimetri. La cannula è estratta parzialmente e il filo elastico è ritirato. La cannula è ruotata per continuare il suo decorso nella regione mediale del gluteo. La cannula esce parzialmente dal piccolo taglio di ingresso della prima sutura. Raggiunta la profondità prestabilita ruota e si dirige al taglio di ingresso dove esce. Il filo elastico è trazionato e annodato. La seconda suture elastica è completata.
Si suturano con un punto le piccole incisioni. Il filo elastico si trasformerà in poche settimane in un legamento naturale. L’elasticità del filo, le sue dimensioni e la sua trasformazione e integrazione impediranno che esso tagli i tessuti. Questo consente di ottenere un risultato stabile nel tempo.
Risultato a due anni

24.1

Capurro S. (2013): Lifting dei glutei con il filo elastico e la cannula a due punte, tramite due incisioni di 5 mm. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section. http://www.crpub.org

FAQ

Quali sono le avvertenze per questo intervento dell’Elastic Plastic Surgery?

In tutti gli interventi con l’ago a due punte acuminate o con la cannula a due punte smusse è necessaria una particolare attenzione ad eseguire i passaggi della cannula ad una profondità uniforme. Movimenti alto basso della cannula aiutano ad evidenziare un tragitto troppo superficiale. In questo caso la cute si introflette e la cannula deve essere ritirata e riposizionata più in profondità.  Il filo elastico deve essere bagnato prima dell’impianto, in questo intervento preferiamo utilizzare un antibiotico ad esempio la gentamicina o la clindomicina. Il filo elastico è delicato e non deve essere pinzato con gli strumenti chirurgici.  La cannula non deve essere piegata, piuttosto si piegano i tessuti. Normalmente si esegue un quarto di cerchio per volta.  La cannula a due punte smusse esce da piccole incisioni di 2 mm eseguite con una lama n°11. Durante l’estrazione della cannula a due punte smusse dai microtagli l’operatore deve tenere con le dita l’attacco del filo all’ago. Bisogna che l’attacco del filo alla cannula non sia forzato. La trazione del filo elastico durante il passaggio della cannula attraverso un’incisione di pochi mm è molto elevata. La trazione non deve trasmettersi all’attacco del filo elastico alla cannula perché il filo elastico potrebbe essere tagliato dai margini del foro di fissaggio e staccarsi dalla cannula.  Bisogna infine considerare i volumi da sollevare. Se i volumi sono notevoli o la paziente è alta è preferibile eseguire per ciascun cerchiaggio due giri del filo elastico, oppure due suture separate con due nodi che trovano alloggiamento nella medesima incisione. Questo garantisce una maggior tenuta nel tempo.

Quali pazienti possono essere sottoposti a questo intervento ambulatoriale?

Tutti i pazienti con i glutei cadenti

Quali precauzioni deve avere il paziente nel post-operatorio?

Il paziente per almeno due mesi non deve stressare i fili, deve sedersi in maniera composta, dormire prona o sui fianchi e deve indossare una guaina push up. La guaina contribuisce efficacemente ad eliminare il dolore post-operatorio. In breve tempo il filo elastico è colonizzato dalle cellule fibroistiocitarie e il risultato rimane stabile.  

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet