By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

43. Elastic gluteoplasty with the Elasticum thread and Jano cannula under local anesthesia: basic procedure

KEYWORDS: elastic gluteoplasty, butt lift, gluteal lifts surgery, Elasticum suture, Jano canula

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

This patient's bottom looks hollowed and drooping. An elastic gluteoplasty procedure will lift and firm up the soft tissues of the buttocks. This is done by means of the EP4 Elasticum thread and the two-tipped Jano cannula.
The preoperative design of the pathways of the elastic threads to be implanted is the same as the one we used in the first elastic gluteoplasty with two circular sutures, which was published on CRPUB in 2013.
Two loops are drawn – one upper and one lower. The upper loop extends from the point where the skin of the buttock meets that of the lumbar region down to about a palm's width from the gluteal sulcus. This loop lifts and firms the upper portion of the buttock.
The lower loop partially follows the same pathway as the upper loop, but extends further down - to about 3 cm from the gluteal sulcus. This second loop lifts the lower portion of the buttock.
Local anesthesia with 2% mepivacaine is carried out at the two points of incision where the knots of the threads will be lodged. Anesthesia is also carried out in depth.
The operator now carries out local anesthesia along the preoperative design, where the threads will be implanted. Before the elastic threads are implanted, a dilute anesthetic solution is prepared by adding three 10 mL vials of 2% mepivacaine and 1 mg of epinephrine to 500 mL of lactate Ringer or physiological solution. This is injected by means of a 10 mL syringe and a 21G needle.
The solution is injected 5 mL at a time along the pathways of the elastic threads, in both directions.
Using a finger, the operator feels for the points where the anesthetic has already taken effect, and continues to inject at these points, so that the injections will be painless.
Having completed local anesthesia along the pathways of the elastic threads, the operator uses a number 15 blade to make two skin incisions of about 5 mm. A Klemmer is then used to create a space that will be deep enough and wide enough to house the knots.
Now, pre-tunnelling begins. This is done with a two-tipped rod, which has depth marks on the shaft. The rod is inserted perpendicularly into the skin incision and travels through the subcutaneous tissues at the depth at which the elastic thread will be implanted, about 2 cm. When the two-tipped rod has to emerge or change direction, the tip comes into contact with the dermis; the assistant uses an SM67 microsurgery scalpel to make an incision parallel to the rod, so that the tip can emerge. These tiny incisions of little more than 2 mm will no longer be visible after a few months.
The elastic thread will be implanted at the greatest depth (2 cm) in the lower horizontal pathways. If the buttocks are heavier and have a thicker adipose layer, the depth of implantation may be increased slightly.
The depth marks on the shaft of the rod enable the rod to be kept at the desired depth. When the fourth depth mark is visible, which means that 2 cm of the tip remains in the tissues, the rod is rotated and follows the preoperative design. If moving the rod slightly up and down creates skin introflections, the pathway is too superficial. In this case, the operator draws the rod back and reinserts it into the subcutaneous tissue at a greater depth.
The aim of pre-tunnelling is to facilitate the subsequent implantation of the elastic thread. In the more fibrous subcutaneous tissue, further down, where the patient sits, the rod is passed through several times, in order to create an easier pathway for the two-tipped cannula to which the elastic thread is attached.
Having completed pre-tunnelling of the larger loop, the operator finishes pre-tunnelling of the smaller loop, which will make the upper portion of the buttock firmer. Two more small incisions are made with the microsurgery scalpel.
During the procedure, the operator moves from one side of the bed to the other, so as to pass the two-tipped rod more easily through the subcutaneous tissue.
If carried out correctly, pre-tunnelling saves time and avoids straining the Jano cannula and the elastic thread as they pass through the fibrous subcutaneous tissues.
Once pre-tunnelling is complete, the elastic thread is implanted. The operator carefully inserts the Jano cannula along the same pathway created by the two-tipped rod. It is essential to follow exactly the same pathway created during pre-tunnelling.
As always, a Klemmer is fixed to the end of the elastic thread.
The Jano cannula is inserted perpendicularly into the main incision, where the knots will be lodged. When the desired depth has been reached, the cannula turns through 90° and passes through the subcutaneous tissue, following the preoperative design.
The operator pinches the skin, so that the tip of the cannula can emerge at the correct depth.
The two-tipped cannula partially emerges from the small incision. It is very easy to maintain the correct depth where the pathway of the elastic thread changes direction. The Jano cannula is extracted until the point of attachment of the thread becomes visible and the posterior tip of the cannula has entered the subcutaneous tissue. The elastic thread is pulled through. The cannula is extracted up to the fourth depth mark, which means that 2 cm of the tip remains in the subcutaneous tissue. The Jano cannula then rotates and continues along its pathway.
The elastic thread is pulled through and placed under tension. The assistant makes sure that the thread does not become knotted and that there is nothing to prevent the thread from passing through the small incisions.
The Jano cannula must be extracted gradually, without snatching; otherwise, the elastic thread could become detached or be damaged.
The cannula is extracted up to the fourth depth mark; it then rotates and continues along its pathway, emerging from the entry incision.
The two ends of the elastic thread are placed under tension. The operator checks that there are no evident skin introflections. If there are any visible defects, the thread should be extracted and reimplanted.
A closed Klemmer is inserted perpendicularly into the incision to facilitate knotting of the elastic thread in depth. The operator ties five or six simple loops and presses the knot down into the cavity.
The upper portion of the buttock has been lifted and firmed up.
The operator now implants the elastic thread that lifts the gluteal fold. The Jano cannula is inserted vertically into the incision and follows the preoperative design. By means of this second suture, the operator can slightly modify the curvature of the buttock.
The elastic thread is pulled through and placed under tension.
When the fourth depth mark becomes visible, the Jano cannula rotates and continues along its pathway. The cannula must be handled with care, so as to avoid bending. If it is difficult to pass through the subcutaneous tissue, the operator grasps the anterior half of the cannula with a gauze.
If the subcutaneous tissue is particularly fibrous, making it difficult to advance the cannula, the operator inserts the two-tipped rod through the next small incision and runs it back and forth a few times, in order to facilitate advancement of the cannula. In the areas that offer the greatest resistance to the passage of the Jano cannula, when the point of attachment of the elastic thread to the cannula emerges from the skin, it is advisable for the operator to grasp both the thread and the cannula with two fingers, so as to prevent the strong traction exerted from causing the thread to detach or snap. However, to avoid exerting excessive traction, the elastic thread is pulled through only after the posterior tip of the cannula has entered into the subcutaneous tissue. During pre-tunnelling, the operator should, in any case, run the two-tipped rod several times through the very fibrous areas of the subcutaneous gluteal tissue, in order to facilitate passage of the cannula.
As the Jano cannula is rotated, it encounters an accumulation of tissue and must be pushed through forcibly.
As the tip emerges, the cannula must not be allowed to shift gradually toward the surface; rather, it must reach the dermis from beneath. This is easy to do when the pathway changes direction: that is to say, at the corners. As we have already said, in curved pathways, this is achieved by pinching the tissues. This manoeuvre prevents skin introflections from forming at the turning points when the threads are placed under tension.
Along the lower horizontal lines, the elastic thread is not normally implanted at a depth of less than 2 cm. Along the medial vertical lines, however, it may be implanted at a lesser depth; this will place greater traction on the superficial tissues. It must be borne in mind that the thread always follows the tip of the cannula, and that the cannula must be rotated when the tip is at the desired depth.
The second loop has now been completed. The two ends of the elastic thread are placed under tension and knotted under the guidance of a Klemmer, which is inserted perpendicularly into the entry incision. The knot is pressed down into the cavity. Lifting of the right buttock is now complete.
Before being implanted, the elastic thread is soaked in physiological solution containing a small quantity of iodo-vinylpyrrolidone. This accelerates colonisation of the elastic thread by fibrohistiocytic cells, facilitating its transformation into a ligament. The elastic thread consists of a silicone monofilament sheathed in four layers of polyester. It has the same consistency as the subcutaneous tissues, is impalpable and does not cut into the tissues. Its transformation into a ligament ensures that the result remains stable over time.

Excess fat in the lower and medial portions of both buttocks is drawn off by means of liposuction. If necessary, liposuction can also be carried out in the lower and lateral portions. In this patient, it is not necessary. In some patients, liposuction is performed immediately before the elastic threads are implanted. An antibiotic ointment is applied to the incisions and to the sticking plasters.

For a few months, the patient will need to wear "push-up" panties, which lift the buttocks. This lifting effect ensures that the threads and the tissues are not under tension and reduces post-operative pain. For a few days after the procedure, the patient will have to sleep face down or on her side, and sit on her ischial bones. She must also refrain from riding a bicycle or doing physical exercises that stretch the gluteal muscles.
The slight skin alterations will disappear within a few months. The buttocks appear rejuvenated and have a more pleasing shape. The results of basic elastic gluteoplasty can be further improved by means of liposuction and Adipofilling, which enhance the shape and symmetry of the buttocks, or even by implanting further elastic threads.

ELASTIC GLUTEOPLASTY

Capurro S. (2019): Elastic gluteoplasty with the Elasticum thread and Jano cannula under local anesthesia: basic procedure. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section, www.crpub.org.

FAQ

 How does this new video publication differ from the previous 2013 publication Capurro S. (2013): Lifting the buttocks by means of the elastic thread and the two-tipped cannula through two 5 mm incisions. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section.

First of all, only one entry incision is used in order to create both loops. The small incisions are made with an SM67 microsurgery scalpel, which is more precise than a number 11 blade.
Secondly, pre-tunnelling, which greatly facilitates the passage of the Jano cannula through the fibrous subcutaneous tissues of the buttock, had not yet been adopted. Thirdly, the elastic thread is soaked several times in dilute iodo-vinylpyrrolidone, and not in much more costly antibiotic solutions. Fourthly, the skin sutures are all absorbable. Finally, the new video publication clearly explains how to rotate the Jano cannula so as to change direction or to follow a curved pathway without shifting towards the surface. Indeed, as the cannula is rotated and the posterior tip becomes anterior, any shift towards the surface will result in a skin introflection, which must be avoided.

Was the elastic gluteoplasty in the video performed under local anesthesia?

Yes. Sometimes, we administer 10 drops of benzodiazepine to keep the patient calm. We carry out  anesthetist-assisted local anesthesia only on request.

Is there any risk of infection?

There are always risks in this region. You have to disinfect the operating field thoroughly with iodo-vinylpyrrolidone and to prescribe antibiotic therapy, starting on the evening before the procedure. In addition, a mupirocin-based antibiotic ointment must be applied to all the incisions for a few weeks.
Finally, the patient must scrupulously maintain local hygiene by using specific products. She should also take a few days off work; going to work the day after the procedure will increase the risk of infection.

What needs to be done if there is an infection?

Infection is very rare. However, if it does arise, you have to follow the protocols on soft tissue infections. This normally means using two antibiotics: one for Gram-positive and one for Gram-negative bacteria. Locally, you can inject dilute teicoplanin or dilute gentamicin plus clindamycin, both with a small amount of lidocaine. If the infection tends to recur, despite antibiotic treatment, it will be necessary to remove the threads through two small incisions.

How do you treat post-operative pain?

The pain is subjective. At the end of the procedure, an analgesic can be injected: 1 mL of tramadol + ketorolac tromethamine. If the pain persists the following day, another 1 mL dose can be injected. For the next three days, the patient takes sublingual ketorolac tromethamine. If localised pain is still felt after these three days, intradermal neural therapy is implemented with procaine exactly at the point where the pain is felt. However, this eventuality is rare. We add a small amount of epinephrine to the procaine, to eliminate the vagal effects of this anaesthetic.
In any case, after a few days, the pain of gluteoplasty is tolerable.

 

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

43. Gluteoplastica elastica in anestesia locale, con la sutura Elasticum dotata di Jano cannula; intervento base

KEYWORDS: gluteoplastica elastica, but lifting, Elasticum, Jano cannula

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

I glutei di questa paziente appaiono svuotati e caduti. Si esegue una gluteoplastica elastica che alzerà e compatterà i tessuti molli delle natiche. Si utilizza a tale scopo la sutura Elasticum EP4 dotata di cannula a due punte Jano.
Il disegno preoperatorio dell’impianto dei fili elastici non differisce da quello da noi ideato nella prima gluteoplastica elastica con due suture circolari, pubblicata su CRPUB nel 2013.
Si disegnano due cerchi, il superiore parte al confine del gluteo con la cute lombare e arriva in basso a circa un palmo dal solco gluteo.
Questo cerchiaggio solleva e compatta la parte alta del gluteo.
Il secondo cerchio segue il cerchio più alto e arriva in basso a circa 3 cm dalla piega glutea. Questo cerchiaggio solleva la parte bassa del gluteo.
Si esegue l’anestesia locale con mepivacaina 2% nelle due aree di incisione dove saranno affondati i nodi. L’anestesia è eseguita anche in profondità.
L’operatore esegue ora l’anestesia locale lungo il disegno preoperatorio, dove passeranno i fili. Una soluzione di 500 ml di Ringer lattato o soluzione fisiologica, con 3 fiale di 10 ml di mepivacaina 2% e 1 mg di epinefrina è preparata prima dell’impianto dei fili elastici. La soluzione anestetica diluita è iniettata con una siringa da 10 ml e un ago 21 G.
Sono iniettati 5 ml per volta lungo il decorso dei fili elastici, nelle due direzioni. Con il dito l’operatore rileva la presenza dell’anestetico e inietta dove questo ha già agito, in maniera da rendere indolore le punture.
Terminata l’anestesia locale nel decorso dei fili elastici l’operatore esegue con una lama del numero 15 le due incisioni cutanee. Con una Klemmer crea uno spazio profondo e largo adeguato all’alloggiamento dei nodi.
Inizia ora la pre-tunnellizzazione, con la barra a due punte dotata di tacche di profondità. La barra a due punte entra perpendicolare nell’incisione cutanea e attraversa i tessuti sottocutanei alla profondità di impianto del filo elastico, circa 2 cm. Quando la barra a due punte deve uscire o cambiare direzione la punta entra in contatto con il derma e, l’Aiuto con un bisturi microchirurgico SM 67 esegue una incisione parallela alla barra per far uscire la punta. I micro-tagli, poco più di 2 mm dopo alcuni mesi non risultano visibili.
Il filo elastico sarà impiantato alla profondità maggiore (2 cm) nei tragitti orizzontali bassi. Nei glutei più pesanti, con un maggiore pannicolo adiposo, è possibile aumentare leggermente la profondità di impianto.
Le tacche della barra a due punte consentono di rimanere alla profondità prestabilita. Quando è visibile la quarta tacca di profondità, che corrisponde a 2 cm di punta ancora nei tessuti, la barra ruota seguendo il disegno preoperatorio. Piccoli movimento alto basso rilevano, creando introflessioni della cute, un percorso troppo superficiale. In questo caso l’operatore ritira la barra e ripassa più in profondità nel tessuto sottocutaneo.
Lo scopo della pre-tunnellizzazione è facilitare il successivo impianto della sutura elastica. Nel tessuto sottocutaneo più fibroso, situato in basso, dove il paziente si siede, si passa la barra più volte per realizzare una via facilitata al passaggio della cannula a due punte dotata di filo elastico.
Terminata la pre-tunnellizzazione del cerchiaggio maggiore si completa la pre-tunnellizzazione del cerchiaggio superiore che compatterà la porzione alta del gluteo. Si eseguiranno con la lama microchirurgica ancora due piccole incisioni.
In questo intervento l’operatore si sposta a destra e a sinistra del letto operatorio per attraversare agevolmente con la barra a due punte il tessuto sottocutaneo.
La pre-tunnellizzazione, se è realizzata correttamente, rappresenta un guadagno di tempo ed evita che la Jano cannula e il filo elastico siano stressati dal passaggio attraverso tessuti sottocutanei fibrosi non precedentemente tunnellizzati.
Completata la pre-tunnellizzazione si impianta la sutura elastica. L’operatore ripete con precisione, con la Jano cannula, il tragitto della barra a due punte usata nella pre-tunnellizzazione. È necessario mantenere un percorso rotatorio identico a quello effettuato nella pre-tunnellizzazione.
Una Klemmer è, come sempre, pinzata all’estremità del filo elastico.
La Jano cannula entra perpendicolarmente nell’incisione principale, dove saranno alloggiati i nodi. Raggiunta la profondità desiderata ruota di 90° e attraversa il tessuto sottocutaneo seguendo il disegno preoperatorio.
L’operatore piega la cute per far uscire la punta alla corretta profondità di impianto.
La cannula a due punte esce parzialmente dalla piccola incisione. Il mantenimento della profondità corretta è molto facile dove il tragitto di impianto del filo cambia direzione. La Jano cannule è estratta fino a quando è visibile l’attacco del filo e la punta posteriore è entrata nel tessuto sottocutaneo. Il filo elastico è ritirato. La cannula è estratta fino alla 4ᵅ tacca di profondità. Rimangono 2 cm di punta nel tessuto sottocutaneo. La Jano cannula ruota e prosegue il suo percorso.

Il filo è ritirato e messo in tensione. L’Aiuto sta attento che il filo elastico non faccia nodi e che non ci siano impedimenti nel passaggio del filo elastico attraverso le piccole incisioni.
L’estrazione della Jano cannula deve essere graduale senza strappi che potrebbero staccare o danneggiare il filo elastico.
La cannula è estratta fino alla 4 tacca, poi ruota e continua il suo percorso fino ad uscire dalla incisione di ingresso
I due capi del filo elastico sono trazionati. L’operatore controlla che non vi siano evidenti introflessioni della cute. Se risultassero difetti evidenti la sutura dovrebbe essere estratta e reimpiantata.
Una Klemmer chiusa è introdotta perpendicolarmente nell’incisione per favorire l’annodamento profondo del filo elastico. Si eseguono 5 o 6 semichiavi. Il nodo è spinto in profondità.
La porzione superiore del gluteo è stata compattata e sollevata.
Si impianta il filo elastico che solleva la piega glutea. La Jano cannula è introdotta verticalmente nell’incisione e segue il disegno preoperatorio. Con la seconda sutura l’operatore può modificare leggermente la curvatura del gluteo.
Il filo elastico è ritirato e messo in tensione.
Alla 4ᵅ tacca la Jano cannula ruota e continua il suo percorso. La Jano cannula deve essere manipolata con attenzione è necessario stare attenti a non piegarla. Se il tessuto sottocutaneo è difficile da attraversare l’operatore afferra la cannula nella metà anteriore con una garza.
Se il tessuto sottocutaneo è particolarmente fibroso e rende difficoltoso l’avanzamento della Jano cannula l’operatore, attraverso la piccola incisione successiva, attraversa più volte con la barra a due punte il tessuto sottocutaneo, per rendere facile il passaggio.
Nelle aree che oppongono più resistenza al passaggio della Jano cannula con il filo elastico è buona norma che l’operatore, quando esce il punto di attacco del filo elastico alla cannula afferri con due dita filo e cannula, per evitare che la forte trazione ne provochi il distacco per rottura.
Per evitare eccessive trazioni il filo elastico è ritirato solo dopo che la punta posteriore della cannula è nel tessuto sottocutaneo. Le aree del tessuto sottocutaneo gluteo molto fibrose dovrebbero essere comunque attraversate più volte dalla barra a due punte durante la pre-tunnellizzazione, per rendere facile Il passaggio della cannula.
Durante la rotazione c’è un accumulo di tessuto che deve essere forzatamente attraversato.
Durante l’uscita della punta, la Jano cannula non deve superficializzarsi gradualmente ma deve arrivare al derma dalla profondità. Questo è facile nei cambi di direzione del percorso ossia negli angoli; nei percorsi curvilinei si ottiene, come abbiamo detto, piegando i tessuti. La manovra evita la introflessione della cute nei punti di rotazione quando i fili sono trazionati.
Il decorso del filo elastico nelle linee orizzontali basse normalmente non è mai ad una profondità inferiore a 2 cm. Nelle linee mediali verticali può passare a profondità inferiori tirando in questo modo maggiormente i tessuti superficiali. È necessario tenere presente che il filo segue sempre la punta e che la rotazione deve avvenire con la punta alla profondità prestabilita. Il secondo cerchiaggio è completato. I due capi del filo elastico sono trazionati e, sotto la guida di una Klemmer, introdotta perpendicolarmente nell’incisione di accesso, sono annodati. Il nodo è affondato in profondità.

Prima dell’impianto il filo elastico è messo a bagno in una soluzione fisiologica con una piccola quantità di iodiovinilpirrolidone. Bagnare il filo elastico accelera la colonizzazione da parte delle cellule fibroistiocitarie e la sua trasformazione in legamento. Il filo elastico è un monofilamento di silicone ricoperto da quattro strati di poliestere. Ha la stessa consistenza dei tessuti sottocutanei, è impalpabile e ha la caratteristica di non tagliare i tessuti. La trasformazione in legamento rende stabile nel tempo il risultato.
Si esegue la liposuzione dell’eccesso volumetrico della parte bassa e mediale di entrambi i glutei. Se è necessario si esegue la liposuzione anche nella porzione bassa e laterale del gluteo. In questa paziente non è necessario. In alcuni pazienti la liposuzione è eseguita immediatamente prima dell’impianto dei fili elastici. Si applica un unguento antibiotico sulle incisione e i cerotti.
Il paziente per alcuni mesi dovrà indossare mutandine push up che sollevano i glutei. Il push up fa sì che i fili e i tessuti non siano trazionati, e questo riduce il dolore postoperatorio. Nei primi giorni dopo l’impianto il paziente deve dormire prono o sui fianchi e sedersi sugli ischi. Deve evitare gli esercizi ginnici che stirano i muscoli glutei e la bicicletta.
Le piccole alterazioni cutanee spariranno in qualche mese. Il gluteo appare ringiovanito e di forma più gradevole. La gluteoplastica elastica base può essere ulteriormente migliorata con la liposuzione e l’Adipofilling che migliorano forma e simmetria ed eventualmente con l’impianto di ulteriori fili elastici.

ELASTIC GLUTEOPLASTY

Capurro S. (2019): Gluteoplastica elastica in anestesia locale, con la sutura Elasticum dotata di Jano cannula; intervento base. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section, www.crpub.org.

FAQ

 In cosa differisce questa nuova video pubblicazione rispetto alla precedente del 2013: Capurro S. (2013): Lifting dei glutei con il filo elastico e la cannula a due punte, tramite due incisioni di 5 mm. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section.

Per prima cosa le due circonferenze sono realizzate con un solo accesso. Le piccole incisioni sono effettuate con una lama microchirurgica SM67, più precisa della lama numero11.
La pre-tunnellizzazione, molto utile per penetrare facilmente con la Jano cannula nei tessuti fibrosi sottocutanei del gluteo, non era stata ancora pensata. Il filo elastico è bagnato più volte con lo iodiovinilpirrolidone diluito e non con gli antibiotici molto più costosi. Le suture cutanee sono tutte riassorbibili. La nuova video pubblicazione spiega chiaramente come la Jano cannula ruota per cambiare direzione o per continuare il suo percorso curvilineo senza superficializzarsi. Ogni superficializzazione residua nella rotazione, quando la punta anteriore diventa posteriore, un’introflessione cutanea che è necessario evitare.

La gluteoplastica elastica del video è stata realizzata in anestesia locale?

Sì. A volte diamo 10 gocce di una benzodiazepina per calmare il paziente. Solo su richiesta eseguiamo una anestesia locale assistita dall’anestesista.

Ci sono rischi di infezione?

I rischi ci sono sempre in questa regione. È necessario disinfettare bene con iodiovinilpirrolidone il campo operatorio e prescrivere una antibioticoterapia dalla sera che precede l’intervento. Un unguento antibiotico a base di Mupiricina deve essere applicato su tutte le incisioni per alcune settimane.
La paziente deve mantenere un elevato igiene locale con prodotti specifici e prendere alcuni giorni di riposo. Se va a lavorare il giorno dopo, aumentano i rischi di infezione.

Cosa bisogna fare se si infetta?

L’infezione è rarissima se avviene si seguono i protocolli per le infezioni dei tessuti molli. Si utilizzano normalmente due antibiotici, uno per i Gram+ e uno per Gram-.
Localmente si può iniettare con una cannula 25 G Teicoplanina diluita o Gentamicina più Clindamicina diluite, entrambe con una piccola quantità di lidocaina. Se l’infezione tende a recidivare nonostante i trattamenti antibiotici è necessario rimuovere i fili attraverso due piccole incisioni.

Il dolore postoperatorio, come si tratta?

Il dolore è soggettivo. Alla fine dell’intervento si fa una iniezione antidolorifica di 1 ml con Tramadolo + Ketorolac trometamina. Se il giorno dopo il paziente ha dolore si ripete l’iniezione dell’altro ml.
Il paziente continua nei tre giorni successivi con il Ketorolac trometamina sublinguale. Se dopo tre giorni si manifestano dolori localizzati si esegue una neuralterapia intradermica con procaina esattamente nel punto doloroso, questa evenienza è rara. Nella procaina mettiamo una piccola quantità di epinefrina per eliminare gli effetti vagali di questo anestetico.
Comunque il dolore della gluteoplastica dopo alcuni giorni è sopportabile.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet