By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

09. Elastic Neck lift in elderly patients

KEYWORDS: neck lift, elastic suture, two-tipped needle.

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

This patient was 85 years old.
Before elastic lifting of the neck is performed in elderly patients, the amount of excess adipose tissue in the neck and cheeks must be evaluated. This will be removed by means of liposuction. First, local anaesthesia with 1% lidocaine with epinephrine is carried out along the U-shaped incision in the lower half of the pavilion of each ear. The areas in which liposuction is to be performed are then anaesthetised with a dilute solution of anaesthetic. Anaesthesia is also carried out along the line of the cervico-mandibular angle, where the elastic thread will be implanted.
After performing limited dissection of the skin around the ears (a little more than twice the skin that is to be removed), the operator begins liposuction. This is carried out by means of a fine cannula and a 10 ml syringe, first in the region under the chin and then in the lower portion of the cheeks.
On completion of liposuction, the elastic thread (Elasticum® EP 3.5 Korpo SRL) is anchored to Loré’s fascia, in the anterior region of the ear. The two-tipped atraumatic Jano neeedle® is inserted into the preauricular pocket and follows the preoperatively drawn line that marks the cervicomental angle. The needle is kept in the deep portion of this angle. By moving the needle slightly up and down, the operator can judge whether the needle is travelling at the correct depth; if it is too superficial, it is withdrawn slightly and its trajectory is corrected.
The tip of the needle emerges in the anterior cervical region. The needle is extracted until the elastic thread emerges; the thread is then pulled through. A Klemmer at the end of the thread prevents the thread from being extracted inadvertently. At this point, the operator carefully observes the depth-marks on the shaft of the two-tipped needle. When the posterior tip of the Jano needle® is about 5 mm from the surface of the skin, the needle is rotated and the posterior tip becomes anterior. The operator continues to implant the elastic thread in the subcutaneous tissue, along the line marking the cervico-mandibular angle. The needle emerges through the preauricular pocket and passes through Loré’s fascia; it then re-enters the fascia in order to anchor the thread.
The Jano needle® now returns, enters the preauricular pocket and travels through the subcutaneous tissues, following the preoperative line that marks the cervico-mandibular angle; the needle is kept at the same depth in a superior position to that of the first pathway of the elastic thread. The two parallel elastic threads are about 5 mm apart. As before, the tip of the 16.5 cm Jano needle emerges in the anterior cervical region. The elastic thread is pulled through and the needle is extracted until about 5 mm of the tip remain in the tissue. At this point, the needle is rotated through 180°, its posterior tip now becoming anterior. The needle continues along its pathway, at the correct depth, until it emerges from the preauricular pocket, where the thread is anchored to Loré’s fascia in proximity to the point of entry of the thread. The Elasticum® thread is placed under tension and knotted. The cervico-mandibular angle is now perfectly defined. No dissection of the cervical region is necessary.
The amount of skin to be removed is now assessed; this will be less than the amount foreseeable before implantation of the Elasticum® thread. Indeed, a larger area of skin is required in order to cover the restored cervicomental angle. The skin is then excised.
An elastic suspension created by means of a short Jano needle® helps to define the angle of the jaw. Skin suturing is completed.
After removal of the preauricular stitches one week later, the result is very satisfactory. The long-term result remains stable as the elastic thread does not cut into the tissues and is colonised by fibrohistiocytic cells, thus being transformed into a ligament.

9.0

9.1

Elastic Neck lift with the elastic thread and Jano needle

Elastic neck lifting is a minimally traumatic ambulatory procedure that is perfectly well tolerated by elderly patients. This mini-invasive operation rejuvenates the face, an effect which is not easily achieved by means of invasive procedures that necessitate dissection of the entire cervical region from side to side. Being minimally traumatic, elastic neck lifting is also suitable for younger patients who would be unable to tolerate a traditional neck-lifting procedure.

Capurro S. (2009): Elastic neck lift in elderly patient. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic surgery section. http//www. crpub.org

FAQ

Does the patient experience a sensation of constriction after implantation of the elastic thread?

The patient may feel swollen and drawn for the first two or three days, but once the oedema has subsided she will feel well. There is no respiratory constriction because the Elasticum® thread is anchored in an anterior position and lifts the slack tissues of the neck. The elastic thread raises these tissues and reconstructs the cervicomental and cervicomandibular angles that have been lost over the years. The elasticity of the Elasticum® thread obviously plays an important role. 

Through this technique of Elastic Plastic Surgery, an operation that used to require dissection of the cervical region from one side to the other can now be carried out in an ambulatory setting. How is it possible?

Try to imagine the neck tissues as a heavy curtain held in place by a lot of individual curtain-rings. During ageing, most of the rings come adrift and the curtain sags; the cervicomental angle disappears and two folds are formed (if four rings remain) or one large fold (if two rings remain). When the elastic thread is implanted, all the rings are raised and attached to a robust structure that will not sag: Lorè’s fascia.

Will these patients remain satisfied?

Certainly. It is not unusual to see a pleasant, smooth face; what is more difficult is to see one above a handsome neck. A well-defined cervicomandibular angle confers an extraordinarily youthful appearance.

POST-PUBLICATION REVIEW

In video publication (9) an incision has been made in front of the lower portion of the ear. We regard this as unnecessary and to be avoided. After implantation of the elastic thread between the two fasciae of Loré, the excess lateral skin is seen to be minimal and does not warrant leaving a visible scar.
Today, the operating plan would be as follows: an 8mm incision behind each earlobe in order to implant the elastic thread between the two fasciae of Loré and for the two elastic threads that apply traction to the submental platysma; an incision of a few millimeters would then be made immediately behind the uppermost portion of the sterno-cleido-mastoid muscle in both lateral cervical regions in order to perform elastic lifting of the lower neck, which is necessary in patients with drooping skin.
In elderly patients, the neck needs to be stabilized; only the implantation of elastic threads can do this. In the most severe cases, the cutaneous tissues can be redistributed by implanting further threads, shorter than the previous ones and parallel to them. For example, the first threads applying traction to the submental platysma exert traction at a point 2 cm from the anterior line of the neck, while the coaxial threads exert traction at about 4 cm from the anterior line of the neck.
A technical note: when the traction thread is being anchored to the platysma, once the point of traction has been reached the tip of the Jano needle is shifted by ½ cm or 1 cm; this movement must be on the same subcutaneous plane (if it is on a different plane, a skin introflection may form). The two-tipped needle then travels back in the opposite direction and emerges from the entry incision, where the thread is tightened and knotted.
During the implantation of the threads described above, elastic lifting of the lower neck can be carried out at the same time, the great efficacy of which is determined by the triangular shape of the implant. (30/07/15)

Italian

09. Lifting elastico del collo nell’anziano

KEYWORDS: lifting cervicale, ago a due punte, sutura elastica

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

La paziente ha ottantacinque anni.
Il lifting elastico del collo nei pazienti anziani necessita, come prima cosa, di una valutazione dell’eccesso di tessuto adiposo presente nel collo e nelle guance, che sarà asportato con la liposuzione.
Eseguita l’anestesia locale con lidocaina all’1% con epinefrina lungo il taglio a U nella metà inferiore dei padiglioni auricolari, si esegue, con una soluzione anestetica diluita, l’anestesia delle aree che saranno liposuzionate. L’anestesia è effettuata anche lungo la linea dell’angolo cervico-mandibolare, dove sarà impiantato il filo elastico (Elasticum® EP 3,5 Korpo SRL).
Dopo aver eseguito un limitato scollamento cutaneo intorno alle orecchie, poco più del doppio della cute che sarà rimossa, s’inizia la liposuzione.
La liposuzione si esegue con una cannula sottile e una siringa da 10 ml. Terminata la liposuzione della regione sottomentoniera, si esegue la liposuzione della porzione inferiore delle guance. Completata la liposuzione, si fissa il filo elastico alla fascia di Loré, nella regione anteriore dell’orecchio. L’ago atraumatico a due punte Jano neeedle® è introdotto nella tasca preauricolare e segue il disegno prefissato che segna l’angolo cervico mentoniero. L’ago a due punte si mantiene nella porzione profonda di quest’angolo. Piccoli movimenti dell’ago dall’alto verso il basso, segnalano all’operatore che il passaggio del filo è alla giusta profondità e non è troppo superficiale. In questo caso l’ago a due punte è ritirato leggermente e rintrodotto più in profondità.
La punta del Jano needle® esce nella regione cervicale anteriore. L’ago è estratto fino all’attacco del filo elastico che è ritirato. Una Klemmer all’estremità del filo impedisce che possa inavvertitamente essere sfilato. L’operatore a questo punto si concentra sull’ago e osserva le tacche di profondità incise sull’ago a due punte. Quando la punta posteriore del Jano needle® è a circa 5 mm dalla superficie cutanea, l’ago a due punte cambia direzione e la punta posteriore diventa anteriore. L’operatore continua l’impianto del filo elastico nel tessuto sottocutaneo, lungo la linea che segna l’angolo cervico-mandibolare. L’ago a due punte esce dalla tasca preauricolare e attraversa la fascia di Loré, poi ripassa nell’interno della fascia per completare il fissaggio del filo.
Il Jano needle® ora torna indietro, entra nella tasca preauricolare e attraversa i tessuti sottocutanei seguendo il disegno pre-operatorio dell’angolo cervico-mandibolare, mantenendosi in una posizione superiore rispetto al primo passaggio del filo elastico. Circa 5 mm separano i due fili elastici paralleli. Come nel primo passaggio il Jano needle di 16,5 cm, fuoriesce nella regione cervicale anteriore. Il filo elastico è ritirato e l’ago a due punte estratto fino a quando nel tessuto rimangono circa 5 mm di punta. A questo punto l’ago è ruotato di 180°, la punta posteriore diventa anteriore e l’ago continua il suo percorso, alla corretta profondità fino a uscire dalla tasca preauricolare dove si fissa alla fascia di Loré, in prossimità dell’ingresso del filo. La sutura è messa bene in tensione e il filo Elasticum® è annodato. L’angolo cervico-mandibolare è ora perfettamente definito. Non è stato necessario alcuno scollamento della regione cervicale.
Si valuta la cute da asportare che è inferiore a quella preventivabile prima dell’impianto del filo Elasticum®. Una maggiore superficie cutanea, infatti, è richiesta per tappezzare il ripristinato angolo cervico-mandibolare
La cute è escissa.
Una sospensione elastica eseguita con un Jano needle® corto (11,5 cm) contribuisce a definire l’angolo mandibolare. Si completa la sutura cutanea.
Il risultato dopo una settimana, alla rimozione dei punti preauricolari, è molto soddisfacente. Il risultato a distanza si mantiene stabile perché il filo elastico non taglia i tessuti ed è colonizzato dalle cellule fibroistiocitarie, trasformandosi in un legamento.

9.0

9.1

Elastic Neck lift con il filo elastico e il Jano needle

L’Elastic Neck lift è un intervento ambulatoriale poco traumatico perfettamente sopportabile dai pazienti anziani. Con questo intervento mininvasivo si ottiene un effettivo ringiovanimento del volto, non facilmente ottenibile con interventi demolitivi che scollano tutta la regione cervicale da parte a parte. La stessa bassa traumaticità giustifica l’Elastic Neck lift anche nei pazienti più giovani, che mai si sottoporrebbero a un lifting del collo tradizionale.

Capurro S. (2009). Lifting elastico del collo nell’anziano CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section. http//www.crpub.org

FAQ

La paziente ha una sensazione di costrizione dopo l’impianto del filo elastico?

Nei primi due o tre giorni la paziente potrà sentirsi gonfia e tirata, poi quando l’edema diminuisce, starà bene. Non c’è costrizione respiratoria, perché il fissaggio della sutura Elasticum® è anteriore e realizza una sospensione dei tessuti lassi del collo. Il filo elastico li riposiziona verso l’alto e ricostruisce l’angolo cervicomentoniero e cervicomandibolare perso con gli anni. L’elasticità di Elasticum® gioca naturalmente un ruolo importante.

Questa tecnica dell’Elastic Plastic Surgery, ha reso perfettamente ambulatoriale un intervento che prima richiedeva lo scollamento della regione cervicale da parte a parte, com’è possibile?

Bisogna immaginare i tessuti del collo come una pesante tenda tenuta in sede da tanti anelli singoli. Con l’invecchiamento la maggior parte degli anelli si stacca dal suo sostegno che cede, l’angolo cervico-mentoniero scompare e si formano due pieghe (residuano quattro anelli) o una grossa piega (residuano due anelli). Con l’impianto del filo elastico tutti gli anelli sono nuovamente sollevati e fissati a una struttura robusta che non cede, la fascia di Lorè.

I pazienti saranno molto soddisfatti?

Certo, è facile vedere un viso piacevole e liscio, ma è più difficile vederlo su un bel collo. Un angolo cervicomentoniero ben definito, è uno straordinario elemento di giovinezza.  

POST-PUBLICATION REVIEW

Nella pubblicazione video (9) è stata eseguita un’incisione davanti alla porzione inferiore dell’orecchio che riteniamo non necessaria e da evitarsi. Dopo l’impianto del filo elastico tra le due fasce di Lorè, l’eccesso cutaneo laterale risulta minimo e non giustifica una cicatrice cutanea visibile.
Il piano operatorio oggi sarebbe questo: una incisioni di 8 mm dietro i due lobi delle orecchie, per l’impianto del filo elastico tra le due fasce di Loré e per i due fili di trazione del platisma sottomentoniero. Una incisione di pochi millimetri, subito dietro la porzione più alta del muscolo sterno-cleido-mastoideo in entrambe le regioni cervicali laterali, per eseguire il lifting elastico del collo basso, necessario nei pazienti con cute cadente.
Il collo dei pazienti anziani necessita di una stabilizzazione che solo l’impianto dei fili elastici necessari può dare. Nei casi più severi si può pensare di ridistribuire i tessuti cutanei con l’impianto di fili paralleli ai precedenti ma più corti. Ad esempio i primi fili di trazione del platisma sottomentoniero hanno il punto di trazione a 2 centimetri dalla linea anteriore del collo, e i fili coassiali di trazione a circa 4 centimetri dalla linea anteriore del collo.
Una nota tecnica: nell’impianto del filo di trazione del platisma, quando si raggiunge il punto di trazione, si esegue uno spostamento della punta del Jano needle di ½ cm o di 1 cm; questo spostamento deve essere sullo stesso piano sottocutaneo (se è su un piano diverso si può formare una introflessione cutanea). Dopo lo spostamento l’ago a due punte ritorna indietro ed esce dalla incisione di ingresso per essere trazionato ed annodato.
Contemporaneamente ai fili sopra descritti può essere eseguito il lifting del collo basso, la cui grande efficacia è determinata dalla forma geometrica triangolare dell’impianto. (30/07/15)