By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

03. Elastic lifting of the eyebrow by means of small incisions and minimal blunt dissection

KEYWORDS: lifting of the eyebrow, Elasticum®, elastic suture, two-tipped needle, Jano needle®.

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

This patient, who had already undergone eyebrow lifting with skin excision, wanted the outer corners of her eyebrows to be raised by another few millimetres. To achieve this, we used the two-tipped Jano needle® to implant a new elastic thread (Elasticum®, Korpo SRL) through two small, inconspicuous incisions. The preoperative design is first drawn and local anaesthesia carried out. The first incision is made at the hairline, above the temporal muscle, and the Jano needle® is inserted in the direction of the eyebrow. The anterior tip of the needle emerges from the skin just beyond the eyebrow. The needle is partially extracted and the elastic thread is pulled through. The depth-marks on the needle indicate the depth of the posterior tip. When the posterior tip of the needle is about 5 mm from the surface of the skin, it becomes anterior and the needle travels back towards the hairline, where it emerges from integral skin in a position lateral to the entry incision. The needle is extracted far enough for the elastic thread to be pulled through. When the posterior tip of the needle is at a depth of a few millimetres, the needle is rotated and changes direction. The tip passes through the temporal fascia, anchoring the thread to this robust anatomical structure. The needle is then withdrawn through the small incision where it entered and the elastic thread is knotted. The knot is then tucked into this small wound. A fragment of haemostatic collagen is used to keep the knot at the desired depth and away from the surface of the skin. The wound is sutured with a few stitches. A small medial incision is now made, again on the hairline. The operator then inserts the periosteal dissector into the incision and begins dissection, which extends downward beyond the orbital border in order to facilitate lifting of the eyebrow. The extent of dissection of the region is proportional to the degree to which the eyebrow is to be raised. In our patient, dissection involved a width of about 3 or 4 cm, enabling the eyebrow to be raised by a few millimetres. Dissection regularises the surface of the skin and contributes to achieving a long-lasting result.
The same procedure is now carried out on the other eyebrow.
A small incision is made at the hairline, above the temporal muscle. The elastic thread is anchored to the temporal fascia; it cannot be adequately anchored medially, where there is no muscle fascia. The Jano needle® is inserted into the small incision, travels across the forehead and emerges partially from the eyebrow. The thread is pulled through. The needle is extracted until only the last few millimetres of the posterior tip remain in the skin. This manoeuvre is facilitated by the depth-marks on the needle. The posterior tip of the needle now becomes anterior and travels back towards the hairline, emerging in a position lateral to the entry incision. The two-tipped needle is extracted far enough to allow the thread to be pulled through. It is now extracted further, though not completely. The depth-marks enable the operator to maintain 5 mm of the tip inside the tissues so that the needle can be rotated and made to penetrate into the muscle fascia in order to anchor the elastic thread. The needle emerges from the entry incision and the thread is knotted. A fragment of haemostatic collagen keeps the knot at the desired depth inside the small incision. A small medial incision is now made in order to perform subperiosteal dissection. Dissection does not involve any risks as it is carried out below the temporal branch of the facial nerve. On completion of the periosteal dissection, the second incision is sutured. The elasticity of the thread ensures that traction on the eyebrow is maintained and enables the periosteum to fix itself in a more elevated position, thus making the result stable.

3.0

The elastic thread is implanted before subperiosteal dissection and dissection of the deep temporal fascia. On completion of dissection, the eyebrow rises owing to the elasticity of the thread under tension.

Rava C. (2007): Elastic lifting of the eyebrow by means of small incisions and minimal blunt dissection. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section. http://www.crpub.org

FAQ

What sort of medication is required?

The patient wears an elasticated headband for a few days, which accelerates the disappearance of swelling.

Does the direction of traction always have to be vertical?

The elastic thread has to be fixed to the temporal muscle fascia. Traction may be almost vertical, as in this patient, or oblique, in accordance with the patient’s wishes. If the traction is very oblique, dissection is carried out immediately above the deep temporal fascia.

POST-PUBLICATION REVIEW

The procedure shown in video publication (3) has been replaced by elastic lifting of the eyebrows and temporal regions without dissection (21 and 30).
In our experience, dissection above or below the periosteum is of no use. In this procedure, the suspensive triangle has too acute an angle, which does not offer sufficient guarantee that the result will be maintained over time. As the cavity housing the knot has been created on the bone surface, the knot is palpable and may cause ulceration. The cavity housing the knot must always be deep and sufficiently broad: on the temporal fascia, in the soft tissues or muscle tissues, or at the bottom of bony fossae (30) – never on the bone surface.
The current procedure, which has replaced elastic lifting of the eyebrows by means of small incisions and minimal dissection (3), is carried out through an incision of a few millimeters; the incision is made at the hairline, in the upper part of the temporal fascia, and lifts not only the eyebrows but also the temporo-orbital region, thereby brightening the patient’s look. In this procedure, the lifting effect is exerted on the palpebral skin and not on the skin of the forehead.
If there is considerable distance between the eyebrows and the hairline, a second thread is implanted in order to distribute the excess skin. If the temporal fossa is conspicuous or presents irregularities, it is levelled by grafting adipose and stromal cells (Adipofilling). (30/07/15)

Italian

03. Sollevamento elastico del sopracciglio con piccoli tagli e minimo scollamento

KEYWORDS: lifting del sopracciglio, Elasticum®, filo elastico, ago a due punte, Jano needle®

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Questa paziente, già sottoposta al sollevamento delle sopracciglia con escissione cutanea, desiderava un ulteriore sollevamento di alcuni millimetri della coda del sopracciglio. Per ottenere tale scopo abbiamo pensato di impiantare la nuova sutura elastica dotata di ago atraumatico a due punte Jano needle (Elasticum®, Korpo SRL), tramite due piccoli tagli poco visibili. Eseguito il disegno e l’anestesia locale, è stato effettuato il primo taglio all’attaccatura dei capelli, sopra il muscolo temporale, ed è stato introdotto il Jano needle® in direzione del sopracciglio. Superato il sopracciglio, la punta anteriore dell’ago a due punte fuoriesce dalla cute. L’ago atraumatico a due punte è parzialmente estratto e il filo elastico è ritirato. Le tacche incise sul Jano needle® indicano la profondità della punta posteriore. Quando l’estremità della punta è a circa cinque millimetri dalla superficie della cute, la punta posteriore diventa anteriore e l’ago a due punte è diretto verso l’attaccatura dei capelli. La punta esce dalla cute integra. Dopo aver estratto più della metà dell’ago a due punte, il filo elastico è ritirato. Quando l’estremità della punta posteriore è a pochi millimetri di profondità, l’ago a due punte è ruotato e cambia direzione. La punta attraversa la fascia temporale profonda fissando il filo a questa robusta struttura anatomica. L’ago a due punte è fatto uscire dal piccolo taglio dove era entrato. Il filo elastico è annodato. Il nodo s’inserisce nella piccola ferita. Un frammento di collagene emostatico mantiene il nodo alla profondità desiderata e a distanza dalla cute. Il taglio è suturato con pochi punti di sutura. Si esegue ora un piccolo taglio mediale, sempre sulla linea dell’attaccatura dei capelli. S’introduce lo scollaperiostio nel taglio e s’inizia lo scollamento sottoperiosteo che in basso si estende oltre al margine orbitario, per facilitare il sollevamento del sopracciglio. L’ampiezza dello scollamento della regione è proporzionale all’innalzamento del sopracciglio che si desidera ottenere. In questo caso lo scollamento ha una larghezza di circa 3 o 4 cm, e consente un sollevamento delle sopracciglia di alcuni millimetri. Lo scollamento regolarizza la superficie cutanea e contribuisce a realizzare un innalzamento delle sopracciglia stabile nel tempo.
S’interviene ora sulla sopracciglia di destra. Si esegue il piccolo taglio all’attaccatura dei capelli, sopra il muscolo temporale. Il filo elastico è fissato alla fascia temporale. Medialmente dove non c’è la fascia muscolare, il filo non può essere adeguatamente fissato.
Il Jano needle® è introdotto nel piccolo taglio, attraversa la fronte e fuoriesce parzialmente dal sopracciglio. Il filo è ritirato. L’ago a due punte è estratto ma gli ultimi millimetri della punta rimangono nella cute. Questa procedura è facilitata dalle tacche di profondità. La punta posteriore rimasta nei tessuti diventa ora anteriore e l’ago a due punte è diretto verso l’attaccatura dei capelli, in una posizione laterale rispetto al taglio d’ingresso dell’ago a due punte. La punta fuoriesce dalla cute e l’ago a due punte è estratto fino a consentire il ritiro del filo. Poi l’ago a due punte è estratto ma non completamente. Le tacche di profondità consentono all’operatore di mantenere 5 mm di punta nei tessuti per ruotare l’ago e farlo penetrare nella fascia muscolare allo scopo di fissare il filo elastico.
Il Jano needle esce dal taglio d’ingresso. Il filo elastico è annodato. Un frammento di collagene emostatico mantiene il nodo in una posizione profonda, all’interno del piccolo taglio. Si esegue ora un piccolo taglio mediale per eseguire lo scollamento sottoperiosteo. Lo scollamento sottoperiosteo non presenta rischi perché è sotto il ramo temporale del facciale. Completato lo scollamento, si sutura il secondo taglio. L’elasticità del filo mantiene una continua trazione sul sopracciglio e consentirà al periostio di fissarsi in una posizione più elevata rendendo stabile il risultato.

3.0

Il filo elastico è impiantato prima dello scollamento sottoperiosteo e dello scollamento sulla fascia temporale profonda. Completato lo scollamento, il sopracciglio si solleva per l’elasticità del filo messo in tensione.

Rava C. (2007): Sollevamento elastico del sopracciglio con piccoli tagli e minimo scollamento. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section. http://www.crpub.org

FAQ

Com’è eseguita la medicazione di questo intervento?

Per alcuni giorni la paziente indossa una fascia elasticizzata che consente la rapida scomparsa dell’edema.

La direzione della trazione deve essere sempre verticale?

Il filo elastico deve essere fissato alla fascia del muscolo temporale La trazione può essere quasi verticale come in questo intervento o obliqua, in relazione ai desideri della paziente. Se la trazione è molto obliqua, lo scollamento è eseguito immediatamente sopra la fascia temporale profonda.  

POST-PUBLICATION REVIEW

L’intervento della pubblicazione video (3) è stato sostituito dal sollevamento elastico delle sopracciglia e delle regioni temporali senza scollamento (21 e 30).
Nella nostra esperienza lo scollamento sopra o sotto periosteo non è di alcuna utilità. Il triangolo sospensivo in questo intervento presenta un angolo troppo acuto e non dà sufficiente garanzia di tenuta nel tempo. La cavità dove è affondato il nodo è stata eseguita sul tavolato osseo e pertanto il nodo risulta palpabile e può decubitare. Le cavità per l’alloggiamento del nodo devono sempre essere profonde e sufficientemente ampie, sulla fascia temporale, nei tessuti molli e muscolari, o nel fondo di fosse ossee (30) ma mai su tavolati ossei.
L’intervento che ha sostituito il Sollevamento elastico del sopracciglio con piccoli tagli e minimo scollamento (3), è eseguito attraverso un’incisione di pochi millimetri, alla attaccatura dei capelli, nella parte più alta della fascia temporale e solleva non solo le sopracciglia ma anche la regione temporo-orbitaria, dando in questo modo più luce allo sguardo. In questo intervento la sospensione avviene sulla cute palpebrale e non sulla cute della regione frontale.
Se c’è molta distanza tra le sopracciglia e l’attaccatura dei capelli si impianta un secondo filo per distribuire l’eccesso cutaneo; se la fossa temporale è evidente o presenta irregolarità, la si livella con cellule adipose e stromali (Adipofilling). (30/07/15)