By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

30. Lifting of the upper lip and eyebrows with the elastic thread

KEYWORDS: Brow Lift, Temporal Lift, Lip Lift, Elastic Plastic Surgery, Elasticum suture, Jano needle

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

This patient has already undergone elastic MACS and neck lifting. Today, we are carrying out elastic lifting of the eyebrows together with lifting of the upper lip.

An upper lip that is too long is a sign of old age and needs to be corrected. Indeed, like all the soft tissues of the face, the lip is also subjected to gravitational ptosis. The traditional procedure performed to shorten the white portion of the upper lip leaves a scar at the base of the columella and the nostrils. This scarring is not acceptable to all patients.

Scarring can be avoided by using the elastic thread and the two-tipped Jano needle. By means of an incision only a few mm long, which will not remain visible, the upper lip can be shortened and its subsequent lengthening prevented.

The procedure begins with the suspension of the eyebrows and the temporal region. A small incision is made in the highest portion of the temporal fossa, and the Jano needle is pushed through the galea capitis, following the design. The two-tipped needle partially emerges. When ½ cm of the tip remains in the tissues, the needle is rotated through 90° and again travels through the galea capitis along the first 2 cm of the vertical line in order to create an anchor point. The needle then moves closer to the surface, passes under the eyebrow and partially emerges from the upper lip. The elastic thread is placed under tension. The two-tipped needle is extracted until ½ cm of the posterior tip remains in the tissues; it is then rotated and follows the previously drawn design. The elastic thread is pulled through. Again, the two-tipped needle is extracted until ½ cm of the posterior tip remains in the tissues; it is then rotated and travels towards the entry incision. While following this pathway, the Jano needle must be kept immediately above the superficial fascia, and therefore in a relatively deep position, but always mobile in relation to the underlying plane. The two-tipped needle emerges from the small incision at the hairline. The elastic thread is placed under tension. The eye appears visibly elongated and has a more open look. Within a few weeks, the thread will be transformed into a suspensive ligament, making the result stable over time. This procedure does not require any blunt dissection.

Once lifting of the contralateral eyebrow has been carried out, lifting of the lip begins. A N° 11 blade is used to make an incision a few mm long in the fold between the anterior portion of the wing of the nose and the lip. Once the skin has been incised, a Klemmer is utilized to create a cavity that reaches the bottom of the small bony fossa present in this region. This will house the knot.

The Jano needle is inserted into the small incision and travels horizontally through the deep pre-maxillary tissues. The two-tipped needle partially emerges through the skin in the contralateral region, at a point corresponding to the entry point.

The elastic thread is pulled through. The depth-marks on the shaft of the needle are counted. When ½ cm of the posterior tip remains in the tissues, the needle is rotated in order to follow the design, which extends to about 5 mm below the midline of the lip. The needle is brought closer to the surface as it travels along its pathway. The tip of the needle emerges just below the design. The elastic thread is placed under tension. The teeth immediately become visible. The depth-marks on the needle are counted. When ½ cm of the posterior tip remains in the tissues, the needle is rotated and travels towards the entry incision, where it emerges. The elastic thread is placed under tension and knotted.

Elastic lifting of the lip is a simple procedure which completes rejuvenation of the patient. As the elastic threads are transformed into ligaments, they efficaciously counteract gravitational ptosis. If the lip is very long, two elastic threads will be needed; the second will be implanted a few mm from the vermilion border. The correction of this aesthetic defect by means of the traditional techniques may cause problems for both the patient and the surgeon. By contrast, Elastic Plastic Surgery offers a simple and efficacious solution.

30.0

Capurro S. (2015) Lifting of the upper lip and eyebrows with the elastic thread. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section. http://www.crpub.org

FAQ

What are the limits to this new technique of elastic plastic surgery, elastic lifting of the upper lip?

As this is a recent procedure, we do not know its limits yet. Nevertheless, it clearly exerts a preventive action on gravitational ptosis of the upper lip. This procedure can be recommended for young subjects with a familial tendency to lengthening of the upper lip. A severely drooping upper lip always requires two threads, both of which extend to the lower half of the lip.

Can the elastic thread also be utilized in the traditional procedure involving skin excision?

With elastic suspension of the lip, the scar left by the traditional procedure can be of better quality. We always aim to avoid leaving scars. We strive to facilitate retraction of the skin, which is no longer subjected to the weight of the underlying tissues, by means of physical and/or chemical methods. Our current studies are focused on achieving this objective.

Is the elastic thread anchored to the maxillary tissues?

The Jano needle travels through the premaxillary fibrous tissues to anchor the elastic thread. The operator skims the bone and checks the anchorage by moving the two-tipped needle. The resistance felt as the needle travels through the tissues lets the operator know that the pathway is correct.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

30. Lifting del labbro superiore e delle sopracciglia con la sutura elastica

KEYWORDS: lifting delle sopracciglia, lifting temporale, lifting del labbro superiore, Elastic Plastic Surgery, Elasticum, Jano needle

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

La paziente è stata già sottoposta a un MACS e Neck lift elastico. Oggi esegue il lifting elastico delle sopracciglia insieme al lifting del labbro superiore.

Eseguita una piccola incisione nella porzione più alta della regione temporale all’attaccatura dei capelli, l’operatore con una Klemmer crea lo spazio per l’alloggiamento del nodo. L’ago a due punte Jano needle fissa il filo alla galea capitis. Il filo elastico è ritirato e messo in tensione. L’ago a due punte è estratto fino a quando rimangono 5 mm di punta nei tessuti, poi è ruotato e penetra nella galea capitis per circa 2 cm. Dopo, il Jano needle si superficializza, passa sotto il sopracciglio ed esce parzialmente sulla palpebra. Il filo elastico è ritirato e messo in tensione. L’ago a due punte è estratto fino a quando rimangono 5 mm di punta nei tessuti, poi ruota ed esce parzialmente seguendo il disegno prefissato. Si contano le tacche di profondità. Quando rimangono 5 mm di punta nei tessuti il Jano needle ruota e si dirige nella piccola incisione di ingresso. In questo tragitto l’ago a due punte è subito sopra la fascia superficiale. Quando manca un centimetro all’incisione l’ago si approfonda. L’ago esce dalla piccola incisione e il filo elastico è trazionato e annodato. Il nodo è affondato con il porta aghi. La piccola incisione suturata.

Si solleva ora il sopracciglio e la regione temporale controlaterale. Completato il lifting del terzo superiore si solleva il labbro.

Un labbro superiore troppo lungo è un segno di vecchiaia e deve essere corretto. Anche il labbro infatti è soggetto alla ptosi gravitazionale dei tessuti molli del volto. L’intervento tradizionale per accorciare la parte bianca del labbro superiore residua una cicatrice alla base della columella e delle narici. Questa cicatrice non è accettata da tutti i pazienti.

Con la sutura elastica e l’ago a due punte la cicatrice può essere evitata. Il filo elastico con l’ago a due punte può accorciare il labbro superiore e può prevenire il suo successivo allungamento, con un taglio di pochi millimetri che risulta non visibile.

L’intervento inizia con la sospensione delle sopracciglia e della regione temporale. Eseguita una piccola incisione nella porzione più alta della fossa temporale si attraversa la galea capitis con il Jano needle seguendo il disegno. L’ago a due punte fuoriesce parzialmente. Quando rimane ½ cm di punta nei tessuti il Jano needle ruota di 90° fissandosi nuovamente alla galea capitis nei primi due cm della linea verticale, poi si superficializza, passa sotto il sopracciglio uscendo parzialmente dalla palpebra superiore. Il filo elastico è messo in tensione. L’ago a due punte è estratto fino a quando rimane ½ cm di punta nei tessuti poi è ruotato seguendo il disegno prefissato. Il filo elastico è ritirato. Nuovamente l’ago a due punte è estratto fino a quando non rimane nei tessuti ½ cm di punta poi è ruotato e si dirige nell’incisione dove è entrato. In questo tragitto il Jano needle deve essere subito sopra la fascia superficiale, quindi in una posizione relativamente profonda ma sempre mobile rispetto al piano sottostante. L’ago a due punte esce dalla piccola incisione alla attaccatura dei capelli. Il filo elastico è trazionato. L’occhio appare visibilmente allungato e lo sguardo è più aperto. In poche settimane il filo si trasforma in un legamento sospensivo rendendo stabile il risultato. L’intervento non richiede alcun scollamento.

Completato il lifting del sopracciglio controlaterale si inizia il lifting del labbro. Con una lama n° 11 si esegue un’incisione di pochi millimetri nella piega tra la porzione anteriore dell’ala del naso e il labbro. Dopo aver inciso la cute, si utilizza una Klemmer per creare una cavità che raggiunga il fondo della fossetta ossea presente in questa regione. Nella fossetta alloggerà il nodo.

Il Jano needle penetra nella piccola incisione e si dirige orizzontalmente attraversando i tessuti profondi premascellari. L’ago a due punte esce parzialmente attraverso la cute, nella regione controlaterale, in un punto corrispondente a quello di ingresso.
Il filo elastico è ritirato. Si contano le tacche di profondità. Quando rimane ½ cm di punta nei tessuti il Jano needle ruota per seguire il disegno, che arriva circa 5 mm più in basso della metà del labbro. L’ago nel suo decorso si superficializza. La punta del Jano needle esce poco sotto il disegno. Il filo elastico è messo in tensione. Immediatamente i denti appaiono ben visibili. Si contano le tacche di profondità. Quando rimane nei tessuti ½ cm di punta il Jano needle è ruotato e si dirige per uscire dall’incisione di ingresso.

Il filo elastico è trazionato e annodato.

Il lifting elastico del labbro è un intervento semplice che completa il ringiovanimento del paziente. I fili elastici trasformandosi in legamenti costituiscono una efficace prevenzione alla ptosi gravitazionale.

Se il labbro è molto lungo è necessario preventivare due suture elastiche, la seconda a pochi millimetri dal vermiglio. L’Elastic Plastic Surgery risolve un inestetismo la cui correzione con le tecniche tradizionali può rappresentare un problema per il paziente e per il chirurgo.

30.0

Capurro S. (2015) Lifting del labbro superiore e delle sopracciglia con la sutura elastica. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section. http://www.crpub.org

FAQ

Quali sono i limiti di questa nuova tecnica dell’Elastic Plastic Surgery, il lifting elastico del labbro superiore?

I limiti di questo recente intervento non li conosciamo ancora ma appare evidente la sua importante azione preventiva nei confronti della ptosi gravitazionale del labbro superiore. Nei soggetti giovani che tendono famigliarmente all’allungamento del labbro superiore è possibile oggi consigliare questo intervento. Il labbro superiore molto ptosico richiede sempre due suture, entrambe estese alla metà inferiore del labbro.

La sutura elastica può essere utile anche nell’intervento tradizionale con escissione cutanea?

Con la sospensione elastica del labbro la cicatrice dell’intervento tradizionale può essere di migliore qualità.
Il nostro orientamento è sempre quello di non residuare cicatrici. Noi pensiamo di aiutare la retrazione della cute, non più sottoposta al peso dei tessuti sottostanti, con metodiche fisiche e/o chimiche. I nostri studi attuali sono indirizzati a raggiungere questo obiettivo.

Il filo elastico è fissato ai tessuti mascellari?

Il Jano needle attraversa i tessuti fibrosi premascellari  fissando  il filo elastico. L’operatore rasenta l’osso e controlla il fissaggio muovendo l’ago a due punte. La resistenza determinata dal passaggio dell’ago attraverso i tessuti fa comprendere all’operatore che il percorso eseguito è corretto.

Il lifting elastico delle sopracciglia e della regione temporale utilizza un solo filo?

No. L’operatore valuta la distanza fra il sopracciglio e l’attaccatura dei capelli. Se la distanza è piccola impianta un solo filo elastico se è superiore a 3 cm l’operatore valuta la possibilità di impiantare un secondo filo elastico per distribuire meglio la cute. Infine se la fossa temporale è evidente è necessario riempirla con l’Adipofilling.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet