By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.


13. Transconjunctival blepharoplasty by means of rapid pulsed timedsurgical cutting

KEYWORDS: Transconjunctival blepharoplasty with the Timed, Transconjunctival blepharoplasty with two micro-incisions, rapid pulsed timedsurgical cutting, Timed apparatus

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Transconjunctival blepharoplasty eliminates adipose pouches from the lower eyelids without leaving skin scars. Adipose pouches of the lower eyelid are congenital, but become more evident with age. These pouches give the patient a tired appearance; removing them makes the patient look younger.
Transconjunctival blepharoplasty is performed by means of rapid pulsed timedsurgical cutting. A few drops of topical anesthetic are applied to the conjunctiva. After a few minutes, local anesthesia is carried out. This is done by adding 1/2 mg of epinephrine to a 10 ml vial of mepivacaine and injecting the solution through the anesthetized conjunctiva. The operation begins about 10 minutes after the local anesthesia has been administered.
The adipose pouches are removed through two horizontal incisions of about 1 cm, one lateral and one medial, which do not require stitches. The lateral incision is made in the mucosa, 3 or 4 mm from the conjunctival fornix. A 0.10 mm diameter EM 10 Green electromaniple is used, in the rapid pulsed timedsurgical cutting function at 38 Watt. A fine Klemmer is used to delicately part the tissues until the adipose pouch covered by its fascia appears. The operator's assistant keeps the surgical field dry. The operator incises the fasciae that retain the adipose pouch. With a Klemmer, the operator then grasps the adipose pouch and injects a small amount of anesthetic solution into it. The injection of local anesthetic not only eliminates the reflex pain caused by the traction of the pouch; together with timedsurgical cutting, it also contributes to making the procedure bloodless. The operator removes the adipose pouch with an EM 10 Gray electromaniple in the rapid pulsed timedsurgical cutting function at a power of 50 Watt. The fact that the procedure is bloodless is important, as good visibility is necessary so that the operator can remove all the fat that has herniated outside its natural site, the orbit.
The fat is removed selectively; this is made possible by the small size of the 0.15 mm electrode, which allows optimal visibility. The conical tips of the electromaniples are flexible and have a triangular cross-section. Timedsurgical cutting does not burn the tissues, and, because of the shape of the electrode, only the last few millimetres of the tip are active.
The operator must ensure that all the adipose pouches are removed. Particular care must be taken when the most lateral pouch is removed; if it is not removed completely, the procedure may need to be repeated.
The medial incision is now made with the EM 10 Green electromaniple at 27 Watt. A thin Klemmer is used to part the tissues until the adipose pouch appears. The fascia that retains the pouch is incised. The pouch is extracted and the anesthetic solution containing epinephrine is injected into it. The adipose pouch is removed by means of the EM 10 Gray electromaniple in the rapid pulsed timedsurgical cutting function at 50 Watt. Once the fasciae have been incised, the adipose pouch emerges from the small incision. The operator patiently removes the adipose pouches in the medial compartment. It is necessary to remove all the herniated pouches, which manifest themselves owing to the congenital weakness of the orbital septum.
A cotton-wool bud soaked in physiological solution is now used to check that the pouches have been completely removed, leaving a regular concavity. This maneuver reveals the presence of any lateral volume excess. The operator checks for excess fat by delicately pressing the upper eyelid. As mentioned above, the adipose pouches must be completely removed. The fat in the pouches, in addition to being dislocated in an anomalous position outside the orbit, has the unpleasant tendency to swell in response to the diet, for example owing to an excess of dietary salt. The operator locates the lateral pouch revealed by the above-mentioned maneuvers, and injects and removes it. The maneuver with the cotton-wool bud is repeated. A small fragment of fat is detected in the medial region.
The contralateral eye is now treated. First, the mucosa in the medial region of the conjunctiva is incised. An EM 10 Green electromaniple is used and Timed apparatus is set to rapid pulsed timedsurgical cutting at 38 Watt. The thinner the electrode, the greater its cutting effect will be; a larger electrode has a greater coagulating effect. The tissues are parted by means of a Klemmer, in order to identify the adipose pouch. After replacing the EM 10 Green electromaniple with an EM 10 Gray electromaniple, the operator increases the power to 50 Watt and incises the sheath that contains the fat. The adipose pouch can now be gripped with pincers and extracted. At the base of the fat, a few larger vessels are visible; these must be coagulated. This is done by using pincers with a very fine tip and delivering a current of the same power as that used in rapid pulsed cutting (50 Watt), but this time in the coagulation function. The pincers are the same as those used in microsurgery and are similar to those of a watchmaker.
Once hemostasis has been carried out, the adipose pouch is removed. If the patient has any feeling of discomfort, the operator injects the adipose pouch with a small amount of anesthetic solution containing epinephrine. At the beginning of the procedure, the patient has been instructed to signal any feeling of pain, even if it is tolerable. If the patient feels even the slightest pain, this means that the anesthetic has not had the proper effect. If the effect is insufficient, this means that the anesthetic does not contain enough epinephrine to ensure the vessel constriction necessary for hemostasis with pulsed timedsurgical cutting.
Drying the operating field prevents dispersion of the high-frequency current and ensures that cutting remains efficacious. Having removed the pouch, the operator again uses the Klemmer to search for herniated fat. The sheaths that retain the lobules of fat are incised, and the lobules are removed by means of rapid pulsed timedsurgical cutting. All the fat in the pouches is removed. Removal is highly selective. The last fragment of fat in the compartment is removed.
The operator now replaces the EM 10 Gray electromaniple with the thinner EM 10 Green electromaniple and reduces the power to 38 Watt. The conjunctiva is incised and a thin Klemmer is used to spread the tissues until the lateral adipose pouch is exposed. In blepharoplasty, we always remove all the herniated fat; in this way, the skin adapts to a concave surface, and excision or mixed peeling are rarely necessary.
The adipose pouch is now clearly visible. The fascia that covers it is incised. The pouch can be grasped with the Klemmer. A small amount of anesthetic solution containing epinephrine is injected.
The EM 10 Green electromaniple is replaced by the larger EM 10 Gray, and the power is increased to 50 Watt. The fat removed is collected so that it can be compared with that removed from the contralateral eyelid. The operator now closes the eyelid and presses slightly on the eyeball, in order to squeeze out the residual fat. The patient reports feeling pain in the upper eyelid. This is a reflex pain, as mentioned above. The operator injects the anaesthetic solution.
Particular care must be taken when removing the most lateral adipose pouches. Now, the fat that is extracted by means of the Klemmer displays the features of deep fat; it is smooth and less lobular. This deep fat must also be removed. The operator now continues to remove the pouches. The procedure is almost over, but the most important part remains to be done: the operator must check that the pouches have been completely removed.
To check that the pouches have been completely removed, the operator wipes a cotton-wool bud over the eyelid. If the pouches have been completely removed, the bud will leave a uniform furrow. In the present case, this maneuver reveals a slight swelling in the central region; this requires further investigation.
The Klemmer is used to explore the eyelid through the medial conjunctival incision, but no pouch can be seen. The operator then approaches through the lateral incision. The tissues are delicately shifted with the Klemmer. This search is meticulous, but the pouch is finally found. This last pouch is also removed.
Now the amount of fat from each of the two eyelids is compared. The adipose pouches removed are equivalent.
The transconjunctival blepharoplasty procedure is now over. No stitches are necessary. A cold mask is applied for about 30 minutes. At home, the patient will apply cold chamomile.
The result of transconjunctival blepharoplasty by means of rapid pulsed timedsurgical cutting is optimal and rejuvenates the patient's face in a natural way.

Transconjunctival blepharoplasty by means of rapid pulsed timedsurgical cutting

Capurro S. (2018): Transconjunctival blepharoplasty by means of rapid pulsed timedsurgical cutting. CRPUB Medical Video Journal. Timedsurgery section.


What advantages does rapid pulsed timedsurgical cutting have over laser therapy or the scalpel?

A laser beam burns the tissues and is difficult to control. Palpebral surgery can certainly be performed with the scalpel and scissors, but we prefer rapid pulsed cutting. This type of cutting does not burn the tissues, is hemostatic, does not deform the tissues, allows extreme precision, and offers perfect visibility; in addition, in comparison with incisions made with a scalpel, healing times are halved. Moreover, when used on the mucosa, for example on the vermilion border, pulsed timedsurgical cutting does not leave visible scars. However, the greatest advantage of performing transconjunctival blepharoplasty by means of rapid pulsed timedsurgical cutting is that it is extremely selective and scantly invasive. For us, preserving the integrity of the tissues is very important in every procedure! Indeed, it is irrational to perform transconjunctival blepharoplasty by dissecting the whole area, as is done in blepharoplasty through an external incision, an approach that we abandoned decades ago! In the procedure demonstrated here, the adipose pouches were isolated and removed selectively, without damaging the surrounding tissues.

What are the features of the electromaniples used?

The EM10 electromaniples have a flexible tip, which is conical in shape and has a triangular cross-section. These electromaniples come in different sizes (EM10 White 0.08 mm, EM10 Green 0.10 mm, EM10 Gray 0.15 mm, EM10 Yellow 0.20 mm, EM10 Black 0.30 mm; the EM15 has a 1.5 mm cylindrical tip) and are used in the numerous (over 70) standardized Timedsurgery procedures. 

In the lower eyelid, are the adipose pouches completely removed?

Yes. A feature of the adipose pouches of the eyelids is that they retain water and swell in response to the amount of sodium in the diet or to dietary intolerance. If there is little subcutaneous tissue in the region, we can perform Adipofilling, which is able to correct the lachrymal sulcus and rings under the eyes and enhance the malar region.

Some surgeons say that adipose pouches of the lower eyelid should not be completely removed. What is your view?

Congenital weakness of the orbital septum allows the retrobulbar adipose tissue to herniate through to the surface. The adipose pouches therefore occupy an anatomically anomalous position. This is a sufficient reason to remove them. Moreover, the complete removal of the adipose pouches, in addition to eliminating the swelling of the eyelids, creates a hollow that distends the skin. This is very useful in transconjunctival blepharoplasty, in which the skin is almost never removed. If we wished to be a bit malicious, we might say that removing all the pouches during lower blepharoplasty requires a degree of patience that not everyone has.

We know that you remove adipose pouches from the lower eyelids only by means of transconjunctival blepharoplasty. Why is this?

I believe it is important to remove these pouches completely, without causing scarring of the skin or muscles. In this way, we avoid those frequent surgical artefacts, rounded eyes and an altered appearance. Very rarely, and mainly in cases of asymmetry, we remove a small strip of skin a few months after transconjunctival blepharoplasty. Complete removal of the pouches restores the natural introflexion of the eyelids that is typical of youth and distends the skin. If the patient has unsightly festoons, we carry out timedsurgical mixed peeling, which smooths the skin and eliminates crow's feet, even if they are deep.
Finally, it should be borne in mind that transconjunctival blepharoplasty should be performed at a young age, as adipose pouches of the lower eyelids are congenital and familial.

What advice would you give to someone who wants to begin performing these procedures?

Thorough anamnesis and careful preparation. Measure the patient's pressure before the procedure and reduce it if necessary. Use the doses of epinephrine indicated and inject the adipose pouches as the operation proceeds. Epinephrine can also be used to control more persistent bleeding. You need to be resolute in order to remove all the adipose pouches, which is the aim of the procedure.
Finally, you must avoid the ample dissection used in traditional transconjunctival blepharoplasty procedures, as this needlessly damages the tissues.

Is the post-operative course painful?

No, there is no pain.

What do you think of the Colorado needle?

A piece of iron.


No comments yet


13. Blefaroplastica transcongiuntivale con il taglio timedchirurgico pulsato rapido

KEYWORD: Blefaroplastica transcongiuntivale con il Timed, taglio timedchirurgico pulsato rapido, Timed, borse adipose

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

La blefaroplastica transcongiuntivale elimina le borse adipose delle palpebre inferiori senza cicatrici cutanee. Le borse della palpebra inferiore sono congenite ma diventano più evidenti con l’età. Le borse adipose donano ai pazienti un aspetto stanco. L’eliminazione delle borse ringiovanisce lo sguardo. La blefaroplastica transcongiuntivale è eseguita con il taglio timedchirurgico pulsato rapido.
Alcune gocce di un anestetico topico sono instillate nella congiuntiva.
Dopo alcuni minuti si esegue l’anestesia locale. In una fiala da 10 ml di mepivacaina si introduce 1/2 mg di epinefrina e si inietta la soluzione attraverso la congiuntiva anestetizzata.
L’intervento inizia dopo circa 10 minuti dalla anestesia locale.
L’asportazione delle borse adipose avviene attraverso due incisioni orizzontali di circa 1 cm, una laterale e una mediale che non necessitano di punti di sutura. Si esegue l’incisione laterale di 1 cm nella mucosa, a 3 o 4 mm dal fornice congiuntivale. Si utilizza la funzione di taglio timedchirurgico pulsato rapido a 38 Watt, con l’elettromanipolo EM 10 Verde di 0,10 mm di diametro. Con una Klemmer fine si divaricano delicatamente i tessuti fino a quando non appare la borsa adiposa ricoperta dalla sua fasce. L’Aiuto mantiene asciutto il campo operatorio. L’operatore taglia le fasce che trattengono la borsa adiposa. Con una Klemmer l’operatore afferra la borsa adiposa e inietta nel suo interno una piccola quantità di soluzione anestetica. L’iniezione di anestetico locale non solo elimina i dolori riflessi che derivano dalla trazione delle borse adipose ma contribuisce, insieme al taglio timedchirurgico, a realizzare una chirurgia esangue.
L’operatore asporta la borsa adiposa con un elettromanipolo EM 10 Grigio, alla potenza di 50 Watt, nella funzione di taglio timedchirurgico pulsato rapido. Una chirurgia esangue è importante per avere la visibilità necessaria ad asportare tutto il grasso erniato al di fuori della sua sede naturale, l’orbita.
L’asportazione del grasso è selettiva; a questo concorre le dimensioni dell’elettrodo di 0,15 mm di diametro, che consente una visibilità ottima. Gli elettromanipoli sono conici, a sezione triangolare e dotati di elasticità. Il taglio timedchirurgico, non ustiona i tessuti e l’elettrodo, per la sua conformazione, è attivo solo negli ultimi millimetri della punta.
L’operatore deve avere una particolare attenzione ad asportare tutte le borse adipose.
Una particolare attenzione si deve avere nella asportazione della borsa più laterale che rappresenta, se non è completamente rimossa, una delle cause più frequenti di reintervento.
Si esegue ora l’incisione mediale a 27 Watt, con l’elettromanipolo EM10 Verde. Con una Klemmer sottile si divaricano i tessuti fino alla comparsa della borsa adiposa. Si incide la fascia che trattiene la borsa. Si estrae la borsa che si inietta con la soluzione anestetica con epinefrina. La borsa adiposa è asportata con un taglio timedchirurgico pulsato rapido a 50 Watt con l’elettromanipolo EM 10 Grigio. Tagliate le fasce che la trattengono la borsa adiposa fuoriesce dalla piccola incisione. L’operatore asporta con pazienza le borse adipose del comparto mediale. Si devono ricercare tutte le borse palpebrali erniate, che si manifestano per la debolezza congenita del septum orbitae.
Ora con un bastoncino cotonato bagnato con soluzione fisiologica si controlla se l’asportazione delle borse è completa e forma una concavità regolare. Questa manovra mette in evidenza la presenza di un eccesso volumetrico laterale. L’operatore si accerta dell’eccesso di grasso premendo delicatamente la palpebra superiore. Le borse adipose, come abbiamo detto devono essere rimosse completamente. Il grasso delle borse oltre ad essere dislocato in una posizione anomala fuori dall’orbita, sua sede naturale, ha la spiacevole caratteristica di gonfiarsi per motivi alimentari, ad esempio, per l’eccesso di sale nella dieta. L’operatore reperisce la borsa laterale evidenziata dalle manovre effettuate, e dopo averla iniettata la rimuove. Si ripete la manovra con il bastoncino cotonato. Un piccolo frammento di grasso si reperisce nella regione mediale.
Si passa ora all’occhio controlaterale. Si inizia incidendo la mucosa nella regione mediale della congiuntiva. Il taglio timedchirurgico pulsato rapido è regolato a 38 Watt e si utilizza un elettromanipolo EM 10 Verde. Più l’elettrodo è sottile più aumenta l’effetto di taglio. Se l’elettrodo è di maggiori dimensioni aumenta l’effetto di coagulazione. Con la Klemmer si divaricano i tessuti per identificare la borsa adiposa. L’operatore dopo aver sostituito l’elettromanipolo EM 10 Verde con un elettromanipolo EM 10 Grigio, aumenta la potenza a 50 Watt e incide la guaina che contiene il grasso. La borsa adiposa può essere ora afferrata con la pinza ed estratta. Alla base del grasso sono visibili alcuni vasi di maggiori dimensioni che devono essere coagulati. A tale scopo si utilizza una pinza con estremità molto fini e la stessa corrente del taglio pulsato rapido, 50 Watt, in Coag. Si tratta di una pinza microchirurgica simile a quelle degli orologiai.
Eseguita l’emostasi si asporta la borsa adiposa. Se la paziente ha una minima sensazione di fastidio l’operatore inietta la borsa adiposa con una piccola quantità di soluzione anestetica con epinefrina. La paziente all’inizio dell’intervento è stata avvisata di segnalare il minimo dolore anche se sopportabile. Se la paziente ha una seppur minima sensazione di dolore significa che l’anestesia non ha agito correttamente. Se l’anestesia non ha agito correttamente significa che l’epinefrina non è in quantità sufficiente a garantire il restringimento dei vasi necessario per l’emostasi con il taglio timedchirurgico pulsato. Asciugare il campo operatorio evita le dispersioni della corrente ad alta frequenza e il taglio si mantiene efficace. Asportata la borsa si ricerca ancora con la Klemmer il grasso erniato. L’operatore incide le guaine che trattengono i lobuli di grasso e li asporta con il taglio timedchirurgico pulsato rapido. Tutto il grasso delle borse è asportato. La asportazione è super selettiva. Si asporta l’ultimo frammento di grasso del comparto.
Si sostituisce ora l’elettromanipolo EM 10 Grigio con il più sottile EM 10 Verde e la potenza è abbassata a 38 Watt. Si incide la congiuntiva, con una Klemmer sottile si divaricano i tessuti fino a scoprire la borsa adiposa laterale. Nella blefaroplastica asportiamo sempre tutto il grasso erniato, in questo modo la cute si adatta a una superficie concava e, raramente, necessita di una escissione o di un peeling misto.
Ora è ben visibile la borsa adiposa. Si incide la fascia che la ricopre. La borsa può essere afferrata con la Klemmer. Si inietta una piccola quantità di soluzione anestetica con epinefrina.
L’elettromanipolo EM 10 Verde è sostituito con uno EM 10 Grigio di maggiori dimensioni e la potenza è aumentata a 50 Watt. Il grasso rimosso è raccolto per poterlo paragonare con quello asportato della palpebra destra. Ora l’operatore chiude la palpebra premendo leggermente il bulbo oculare per fare uscire il grasso residuo. La paziente dichiara di sentire dolore alla palpebra superiore. Si tratta di un dolore riflesso già citato. L’operatore inietta la soluzione anestetica.
Una particolare attenzione è riservata all’asportazione delle borse adipose più laterali. Adesso il grasso che è estratto con la Klemmer ha le caratteristiche del grasso profondo, liscio e meno lobulare. Anche questo grasso profondo è asportato. Si continua ad asportare le borse. L’intervento è quasi finito. Manca la parte più importante: il controllo della completa asportazione delle borse.
La rimozione delle borse adipose è controllata visivamente facendo passare il bastoncino cotonato lungo la palpebra. Se l’asportazione delle borse è stata completa il solco sarà uniforme. In questo caso la manovra evidenzia un piccolo rigonfiamento nella regione centrale che richiede un ulteriore controllo.
Con la Klemmer si esplora la palpebra entrando dall’incisione congiuntivale mediale, ma non si vede alcuna borsa. Si prova a guardare attraverso l’incisione laterale. Delicatamente con la Klemmer spostiamo i tessuti, la ricerca è indaginosa ma ecco la borsa adiposa che cercavamo! Anche questa ultima borsa è asportata.
Ora è necessario confrontare la quantità di grasso asportato dalle due palpebre. Adesso le borse adipose rimosse sono equivalenti.
La blefaroplastica transcongiuntivale con il taglio timedchirurgico pulsato rapido è terminata.
Non si danno punti di sutura. La paziente rimane per circa 30 minuti con una maschera fredda. Poi a casa applicherà camomilla fredda.
Il risultato della blefaroplastica transcongiuntivale con il taglio timedchirurgico pulsato rapido è ottimale e contribuisce al ringiovanimento naturale della paziente.

Blefaroplastica transcongiuntivale con il taglio timedchirurgico pulsato rapido

Capurro S. (2018): Blefaroplastica transcongiuntivale con il taglio timedchirurgico pulsato rapido. CRPUB Medical Video Journal. Timedsurgery section.


Che vantaggi ha il taglio timedchirurgico pulsato rapido rispetto al bisturi e al laser?

Il laser ustiona i tessuti, ed è di difficile controllo. Il bisturi e le forbici si possono certamente utilizzare ma per la chirurgia palpebrale preferiamo utilizzare il taglio pulsato rapido. Questo taglio non ustiona i tessuti, è emostatico, non deforma i tessuti, consente una estrema precisione, una perfetta visibilità e tempi di guarigione dimezzati rispetto al taglio effettuato con il bisturi. Il taglio timedchirurgico pulsato usato sulle mucose, ad esempio sul vermiglio, non residua cicatrici visibili.
Il vantaggio maggiore è comunque la estrema selettività e la scarsa invasività della blefaroplastica transcongiuntivale eseguita con il taglio timedchirurgico pulsato rapido. Il rispetto dei tessuti è per noi molto importante in tutti gli interventi! É irrazionale eseguire una blefaroplastica transcongiuntivale scollando tutta l’area come si fa nella blefaroplastica con il taglio esterno, che tra l’altro non facciamo più da decenni. Con l’intervento che abbiamo mostrato si isolano e si asportano selettivamente le borse, senza lesioni ai tessuti limitrofi.

Che caratteristiche hanno gli elettromanipoli?

Gli elettromanipoli EM10 hanno una punta elastica conica di sezione triangolare e di diverso diametro per le diverse applicazioni (EM10 Bianco 0,08 mm, EM10Verde 0,10 mm, EM10 Grigio 0,15 mm, EM10 Giallo 0,20 mm, EM10 Nero 0,30 mm. L’EM15 ha una punta cilindrica di 1,5 mm). Gli elettromanipoli realizzano le numerose tecniche standardizzate (più di 70) della Timedsurgery.

Nella palpebra inferiore sono asportate completamente le borse adipose?

Sì, asportiamo completamente le borse adipose. Le borse adipose delle palpebre hanno la caratteristica di trattenere l’acqua e di gonfiarsi in relazione al contenuto di sodio alimentare o alle intolleranze. Se la regione ha poco tessuto sottocutaneo possiamo eseguire un Adipofilling che potrà correggere il solco lacrimale, l’occhiaia e aumentare la regione malare.

Alcuni chirurghi dicono che le borse adipose della palpebra inferiore non devono essere rimosse completamente, cosa ne pensa?

La debolezza congenita del septum orbitae consente al tessuto adiposo retro bulbare di erniare in superficie. Le borse adipose sono pertanto in una posizione anatomica anomala. Questo è un motivo sufficiente per la loro rimozione. L’asportazione completa delle borse adipose, oltre a eliminare il gonfiore delle palpebre, crea un incavo che distende la pelle. Questo fatto è molto utile nella blefaroplastica transcongiuntivale dove la cute non viene quasi mai asportata. Se vogliamo essere maliziosi dobbiamo dire che l’asportazione di tutte le borse nella blefaroplastica inferiore richiede una pazienza che non tutti hanno.

Sappiamo che lei esegue solo blefaroplastiche trans congiuntivali per asportare le borse delle palpebre inferiori perché?

Ritengo che sia importante asportare completamente le borse, senza residuare cicatrici cutanee e muscolari. Si evitano in questo modo i frequenti artefatti chirurgici, gli occhi tondi e le modifiche dello sguardo. Molto raramente e prevalentemente nelle asimmetrie asportiamo alcuni mesi dopo la blefaroplastica transcongiuntivale una piccola striscia cutanea. L’eliminazione completa delle borse ricrea la naturale introflessione palpebrale tipica della giovinezza e distende la cute. In caso di festoni inestetici eseguiamo il peeling timedchirurgico misto che rende la pelle liscia ed elimina le zampe di gallina anche profonde.
Ricordo infine che questo intervento dovrebbe essere eseguito in giovane età, perché le borse delle palpebre inferiori sono congenite e famigliari.

Quali consigli darebbe a chi inizia a fare questi interventi?

Un’anamnesi e una preparazione accurata. Misurare la pressione del paziente prima dell’intervento e diminuirla se è necessario. Utilizzare le dosi indicate di epinefrina e iniettare le borse adipose mentre si procede nell’intervento. L’epinefrina può essere utilizzata anche nei sanguinamenti più difficilmente controllabili. È necessario forza d’animo per asportare tutte le borse adipose, ma questo deve essere l’obiettivo dell’intervento.
Infine è necessario evitare i larghi scollamenti delle blefaroplastiche transcongiuntivale tradizionali, che danneggiano inutilmente i tessuti.

Il postoperatorio è doloroso?

Non c’è alcun dolore.

Cosa pensa del Colorado needle?

Un pezzo di ferro.


No comments yet