By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

12. Upper blepharoplasty without skin incisions, by means of mixed peeling 0.5

KEYWORDS: eyelids chemical peeling, chemical upper blepharoplasty, ocular peeling complications, trichloroacetic acid peeling, mixed peeling 0.5, upper blepharoplasty without skin incisions, resorcinol, timedsurgery

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

A recent physical-chemical mixed peeling procedure enables us to rejuvenate the skin of the upper eyelids, without skin incisions and without risk.
Rejuvenating the eyelids means eliminating wrinkles and making the skin firmer, more supple and thicker. Thickening the skin makes any adipose pouches less visible. Rejuvenating the skin of the eyelids is an important part of rejuvenating the overall appearance of the face.
Mixed peeling 0.5 is also used after surgical blepharoplasty if the skin appears to be old, or if the two upper eyelids need to be made symmetrical.
It is well known that physical treatments are not very efficacious. Even if the patient undergoes several treatment sessions, the desired result is unlikely to be achieved.
The average chemical peeling procedures, for example with 35% trichloroacetic acid, require numerous sessions in order to obtain modest results. Moreover, as is known, peeling of the eyelids has to be carried out in depth if it is to be effective.
Most practitioners in the English-speaking world use 50% trichloroacetic acid or phenol. However, these two peeling procedures cannot be standardized, carry a risk of scarring, require a long period of convalescence, and may give rise to hyperpigmentation or hypopigmentation.
To overcome these problems, we designed mixed peeling procedures that use pulsed timedsurgical de-epithelialization, followed by the application of a saturated solution of resorcin; these are used to treat roughness of the lower eyelid and to eliminate lip wrinkles and dermal/epidermal blemishes.
Mixed peeling by means of de-epithelialization is specific to the lower eyelid. To treat the upper eyelids, we use the above-mentioned recent technique: mixed peeling 0.5, which involves rendering the epidermis permeable and then applying a saturated solution of resorcin. This technique is also used to treat fine wrinkles and skin blemishes of the face of patients with an irregular complexion.
Until today, there have been no standardized methods with this degree of safety and efficacy.
Mixed peeling 0.5 uses a 50 Watt or 38 Watts current, emitted half a hundredth of a second. This emission generates a micro-arc, which renders the epidermis permeable without drying the dermis. Resorcin has no effect on intact skin, but is efficacious once the skin has been made permeable by the timedsurgical current.
Mixed peeling 0.5 is as powerful as peeling by means of phenol, but does not carry the risks of aggressive peeling procedures. The characteristics of mixed peeling 0.5 also make it suitable for use in patients who have already undergone blepharoplasty who present roughness of the eyelids.
If the skin has an aged appearance, the result of a perfectly performed blepharoplasty procedure may be ruined. In a fair number of cases, mixed peeling 0.5 can achieve upper blepharoplasty without any skin incisions, thereby replacing the surgical procedure. One advantage of mixed peeling 0.5 is that there is no loss of eyelid volume. Following the reorganization of the connective fibers and the consequent reduction of the skin surface, the palpebral fold is no longer thin; rather, it acquires the thickness and rotundity typical of the youthful eye. Further advantages of mixed peeling 0.5 are the simplicity of the procedure and the rapid recovery. Even residual redness is minimal in comparison with procedures that use phenol or trichloroacetic acid (TCA).
An anesthetic made up of 2% mepivacaine with epinephrine is injected into the entire surface of the upper eyelid.
On completion of anesthesia, the Timed apparatus (Korpo – Genova – Italy) is programmed to Direct Pulsed 0.5/24.5 hundredths of a second – Coag – 50 Watt or 38 Watt – EM 15. The micro-arc renders the epidermis permeable to the subsequently applied saturated solution of resorcin. Micro-vaporizations are carried out over the entire surface of the upper eyelid, from the eyebrow to 1 mm from the eyelashes. The electrode is repeatedly cleaned with sterile glass-paper. Although mixed peeling 0.5 can also be applied to “crows’ feet”, it is less effective in this area than timedsurgical de-epithelialization followed by the application of the saturated solution of resorcin.
The treatment must not extend to the skin of the nose.
A saturated solution of resorcin is then applied.
The saturated solution of resorcin is prepared before the procedure. A small quantity of resorcin powder is poured into a container and ½ cc of twice-distilled water is added. The resorcin powder will dissolve within about 15 minutes; a few grains of undissolved powder must remain on the bottom of the container. This means that the solution is saturated.
The saturated solution of resorcin in water acts only on skin that has been rendered permeable by the current; it has no effect on intact skin. The resorcin solution causes immediate frosting; this frosting must be uniform over the entire surface of the eyelid.
Where frosting is not evident, the micro-vaporizations will need to be repeated while the resorcin remains on the skin. The micro-arc is triggered when the 1.5 mm diameter EM 15 electrode is not in contact with the skin. The high power of the current (50 Watt or 38 Watt) ionizes the air, making it conductive. The arc forms in the plasma or in the conductive air, driving the resorcin into the dermis.
The resorcin solution is left on the skin for about 4 minutes, before being washed off with physiological solution. Within a few hours, a crust forms.
Within a week, 80% of the crust will drop off; the remaining 20% will drop off within about 10 days. Once the crust has dropped off, some modest redness will remain.
After a few weeks, the upper eyelids have a rejuvenated appearance and are free from artefacts. The surface of the skin has clearly been reduced. The palpebral fold is rounded. The skin is thicker.
A year later, a second session of mixed peeling 0.5 can be carried out, if the patient’s condition requires it. In this second procedure, the operator can limit the intervention to those areas that he wishes to retract further.

Capurro S. (2017): Upper blepharoplasty without skin incisions, by means of mixed peeling 0.5. CRPUB Medical Video Journal. Timedsurgery section. www.crpub.org

FAQ

What are the indications for mixed peeling 0.5?

Mixed peeling 0.5 is particularly indicated for patients whose palpebral skin is aged, thin and drooping; for patients with asymmetrical eyelids; for young women with a slight defect of the eyelid; for those whose eyelids lack volume; for patients with aged skin who have already undergone surgical blepharoplasty; for those who do not want to risk having an artificial appearance after surgical blepharoplasty, and for those who do not wish to undergo a surgical procedure. Mixed peeling 0.5 is also indicated for upper blepharoplasty in patients with large or medium-sized orbits. If these patients have already undergone traditional surgical blepharoplasty, the shape of the eyelids will have changed, taking on a "withered", sunken and too sharply outlined appearance. If the patient had a palpebral fold when young, our aim is to restore the youthful shape of the eyelids without giving them a sunken appearance, as happens when skin is removed. It should be borne in mind that sunken eyelids, if they are not familial, are characteristic of aged eyes and always appear artificial. As a general rule, I recommend surgical blepharoplasty when the orbits are small; in medium-sized/large orbits, mixed timedsurgical peeling 0.5 certainly yields more natural results.

When is mixed peeling contraindicated?

Mixed peeling 0.5 can always be carried out in the above-mentioned conditions. It must be borne in mind that mixed peeling 0.5 is an esthetic treatment. Surgical blepharoplasty, in addition to improving the esthetic appearance, is also a functional operation; when adipose pouches are removed, the eyelids can be opened more easily and the eye appears larger. Of course, surgical blepharoplasty does not rejuvenate aged skin. The two techniques, however, can be joined. For instance, adipose pouches can be removed without removing any skin, and mixed peeling 0.5 can be carried out later; alternatively, this order can be reversed. 

What do you need to be particularly careful about in mixed peeling 0.5?

You have to perform local anesthesia with a 2% anesthetic solution. You have to be careful to remain within the palpebral area and not touch the skin of the nose. Frosting must be intense and uniform. The entire surface of the eyelid must be treated. It is advisable to keep a distance of 1 mm from the eyelashes. For what concerns “crows’ feet”, mixed peeling 0.5 is not as effective in this area as mixed peeling with de-epithelialization; unless the patient expressly asks otherwise, it is preferable to limit the area of action to the eyelids. In this way, the patient can soon return to her normal activities.

What happens if the saturated solution of resorcin comes into contact with the eyes?

We wash it out with a little physiological solution. Brief contact does not damage the tissues of the eye.

What happens in the post-operative period?

After treatment, the patient dries the area several times with a paper tissue. Edema will persist for two or three days. The patient cleans the eyelashes with chamomile and uses decongestant eyedrops. Subsequently, she can apply a non-cortisone anti-inflammatory cream. After 10-12 days, only slight redness will remain. A protective sun-cream should be used in the first few months.

How is the epidermis made permeable?

To make the epidermis permeable, we have to apply a high power (50 Watt or 38 Watt) while in the coagulation function. Emission of the current is extremely short (0.5 hundredths of a second) and powerful, creating an arc that renders the epidermis permeable to the resorcin solution. The brevity of the pulsed emission prevents the arc from reaching the dermis, as this would cause dehydration and desiccation. If the dermis were subjected to vaporization, as would happen if the emissions were more prolonged, it would no longer be able to absorb the saturated solution of resorcin. The operator’s technique also plays a role; the electrode must approach the surface through vertical movements until the arc is triggered. It is important to keep the EM 15 electromaniple clean. The return electrode must remain in contact with the skin of the chest, as close as possible to the face. If there are problems of conductivity, this area can be slightly moistened.

Why must frosting be complete?

Frosting must be complete because the rejuvenating action is exerted exclusively by chemical means – in this case, by the saturated solution of resorcin. Physical treatments are not efficacious and are also risky. To improve the action of retraction and reorganization of the connective fibers of the palpebral skin, the physical-chemical action must be exerted over the entire surface of the eyelid, from the eyebrow to a millimeter from the eyelashes.

Given that timedsurgical de-epithelialization works so well on the lower eyelid, why don’t you use it on the upper eyelid, too?

Because the upper eyelid is much more mobile, the skin is difficult to de-epithelialize. Moreover, we do not want to exert the same action at all points of the surface of the skin of the upper eyelid. For this reason, frosting is made to occur through the epidermis, which has been rendered permeable by the micro-arc. This mixed peeling is powerful (up to 4 minutes of application!), but absorption of the solution is not uniform. This ensures rapid healing and the absence of problems.
We also use mixed peeling 0.5 to remove skin blemishes – even deep ones – in patients with an irregular complexion. While pulsed timedsurgical de-epithelialization, followed by the application of a saturated solution of resorcin for 20 seconds, is able to remove a dermal-epidermal patch in a single session, mixed peeling 0.5 often requires two sessions. However, following mixed peeling carried out by means of de-epithelialization, the skin presents no blemishes and not even slight redness. In a non-homogeneous complexion, this is likely to be noticeable, which is not desirable.

What do you think of those physical methods that create a series of punctiform burns on the palpebral skin?

I think the best apparatus that can create punctiform lesions of uniform depth at stepped power settings is the Timed, which is, by the way, the only apparatus designed to be programmable. However, as I have already said, I believe that physics alone is much less efficacious than physics and chemistry combined. This is why I created these mixed peeling procedures. The result seen in this video was achieved by means of a single treatment session.

You cite power levels of 50 Watt or 38 Watt. What criterion do you use in order to choose one or the other of these two power values?

When performing permeablization of the epidermis, it is always preferable to use the lower power setting. Contrary to what one might think, this enables mixed peeling to be more efficacious. Emissions of 38 Watt for 0.5 hundredths of a second permeabilize the epidermis without drying the dermis. This allows better absorption of the saturated resorcin solution, making mixed peeling more effective. If the skin of the eyelids is particularly aged, it can be useful to apply a urea cream on the days before the peeling procedure, in order to improve the conductivity of the skin. Pulsed emissions at 38 Watt require good conductivity of the skin, a light hand and a magnifying lens. If the operator experiences any difficulty, the 50 Watt setting can be used.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

12. Blefaroplastica superiore senza incisioni cutanee con il peeling misto 0.5

KEYWORD: peeling delle palpebre superiori, blefaroplastica superiore senza incisioni cutanee, peeling timedchirurgico misto 0.5, Timedchirurgia, resorcina

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Un recente peeling misto, fisico/chimico, consente di ringiovanire la cute invecchiata delle palpebre superiori, senza incisioni cutanee e senza rischi.
Ringiovanire le palpebre significa eliminare le rugosità, compattare la cute, farla retrarre e ispessirla. L'ispessimento della cute riduce la visibilità delle borse adipose se presenti.
Ringiovanire la cute delle palpebre è importante nel ringiovanimento globale del volto del paziente. Il peeling misto 0.5 è utilizzato anche dopo la blefaroplastica chirurgica se la cute appare vecchia o se è necessario simmetrizzare le due palpebre superiori.
I trattamenti fisici come è noto sono poco efficaci. Anche se il paziente è sottoposto a numerose sedute difficilmente si ottiene il risultato desiderato.
I peeling chimici medi, ad esempio con acido tricloroacetico al 35%, richiedono numerose sedute per ottenere risultati modesti. È noto che i peeling palpebrali per essere efficaci devono essere peeling profondi. La maggior parte degli Autori anglosassoni utilizza l’acido tricloroacetico al 50% o il fenolo. Questi due peeling non sono standardizzabili, presentano rischi cicatriziali e un lungo periodo di convalescenza con la possibilità di iper e ipopigmentazione. Per questi motivi abbiamo ideato i peeling misti che utilizzano la disepitelizzazione timedchirurgica pulsata seguita dall'applicazione di una soluzione satura di resorcina, per le rugosità della palpebra inferiore per l’eliminazione delle rughe delle labbra, e delle macchie dermo- epidermiche. II peeling misto con disepitelizzazione è un trattamento specifico della palpebra inferiore. Per le palpebre superiori utilizziamo questo recente peeling misto 0.5, che consiste nella permeabilizzazione dell’epidermide seguita dall'applicazione di una soluzione satura di resorcina. La metodica è utilizzata anche per le fini rugosità e per le macchie cutanee del volto di pazienti con incarnato non uniforme. Non esistono ad oggi metodiche standardizzate con questo grado di sicurezza ed efficacia.
Il peeling misto 0.5 utilizza una corrente di 50 Watt o 38 Watt emessa per mezzo centesimo di secondo. L'emissione genera un microarco che rende permeabile l'epidermide, senza essiccare il derma. Successivamente è applicata una soluzione satura di resorcina. La resorcina è inefficace sulla cute integra ma efficace sulla cute resa permeabile dalla corrente timedchirurgica. Il peeling misto 0.5 risulta potente come un peeling al fenolo, ma senza i rischi dei peeling forti. Le caratteristiche del peeling misto 0.5, ne preconizzano l'utilizzo anche nei pazienti già sottoposti a blefaroplastica, che presentano rugosità palpebrali.
Una cute invecchiata può rovinare l'effetto di una blefaroplastica correttamente eseguita. Il peeling misto 0.5, è in grado di sostituire in una discreta percentuale di casi l'intervento chirurgico, realizzando una blefaroplastica superiore senza incisioni. Un vantaggio del peeling misto 0.5 è che non c’è alcuna perdita di volume palpebrale. Dopo la riorganizzazione delle fibre connettivali e la conseguente diminuzione della superficie cutanea, la piega palpebrale non è più sottile ma acquisisce lo spessore e la rotondità tipica dell’occhio giovane. Un ulteriore vantaggio del peeling misto 0.5 è la rapida restitutio ad integrum e la semplicità dell’intervento. Anche l’arrossamento residuo è minimo rispetto ai peeling al fenolo e all’acido tricloroacetico (TCA). L’anestesia locale Mepivacaina 2% con epinefrina, è iniettata in tutta la superficie della palpebra superiore.
Eseguita l’anestesia si programma il Timed (Korpo -Genova- Italia) su Direct Pulsed 0.5/24.5 centesimi di secondo – Coag – 50 Watt o 38 Watt – EM 15. Il microarco rende l’epidermide permeabile alla successiva applicazione della soluzione satura di resorcina. Le microvaporizzazioni sono effettuate su tutta la superficie della palpebra superiore, dalle sopracciglia fino a 1 mm dalle ciglia. L’elettrodo è pulito più volte con cartavetro sterile. L’applicazione del peeling misto 0.5 sulle zampe di gallina è facoltativo e comunque meno efficace della disepitelizzazione timedchirurgica seguita dall’applicazione della soluzione satura di resorcina. Il trattamento non deve estendersi sulla cute del naso.
La resorcina satura si prepara prima dell’intervento versando una piccola quantità di polvere di resorcina in un contenitore. Si aggiunge mezzo centimetro cubico di acqua bidistillata. Dopo circa 15 minuti la resorcina è sciolta, ma devono rimanere alcuni granuli non sciolti sul fondo. La soluzione è satura.
La soluzione satura di resorcina in acqua non ha alcun effetto sulla cute integra ma agisce solo sulla cute permeabilizzata dalla corrente. La soluzione di resorcina genera un immediato frost. Il frost deve essere uniforme su tutta la superficie palpebrale.
Dove il frost non è evidente è necessario ripetere le microvaporizzazioni con la resorcina applicata sulla cute. Il micro arco, scocca quando l’elettrodo EM 15 di 1,5 mm di diametro non è in contatto con la cute. L’elevata potenza della corrente, 50 Watt o 38 Watt, ionizza l’aria rendendola conduttiva. L’arco si forma nel plasma o aria conduttiva e spinge la resorcina in profondità nel derma.
La soluzione di resorcina rimane sulla cute per circa 4 minuti poi è lavata con soluzione fisiologica. Dopo poche ore si forma una crosta.
L’80% della crosta cade in una settimana il rimanente 20% della crosta in circa 10 giorni. Alla caduta della crosta residua un arrossamento modesto.
Dopo poche settimane le palpebre superiori appaiono ringiovanite senza artefatti. La diminuzione della superficie cutanea è evidente. La plica palpebrale è arrotondata. Lo spessore della cute è aumentato.
Dopo un anno, se le condizioni del paziente lo richiedono, può essere effettuato un secondo peeling misto 0.5. In questo secondo peeling l’operatore potrà limitare l’intervento alle aree che desidera far retrarre ulteriormente.

Capurro S. (2017): Blefaroplastica superiore senza incisioni cutanee con il peeling misto 0.5. CRPUB Medical Video Journal. Timedsurgery section. www.crpub.org

FAQ

Quali sono le indicazioni del peeling misto 0.5?

Il peeling misto 0.5 è particolarmente indicato per i pazienti con cute palpebrale invecchiata e cadente, per i pazienti con asimmetrie, per le ragazze giovani che hanno un difetto palpebrale minimo, per chi ha palpebre con poco volume, per i pazienti con cute invecchiata già sottoposti a blefaroplastica chirurgica, per chi non vuole rischiare di avere un aspetto artefatto dopo la blefaroplastica chirurgica e per chi non desidera sottoporsi a interventi chirurgici. Il peeling misto 0.5 è indicato per eseguire una blefaroplastica superiore in tutti i pazienti con orbita media o grande. Se questi pazienti sono operati di blefaroplastica chirurgica tradizionale modificano la forma delle palpebre che assumono un aspetto “secco” incavato, troppo delineato. Se il paziente da giovane aveva la plica palpebrale il nostro obiettivo è quello di mantenere la forma giovanile delle palpebre senza rendergli le palpebre incavate come avviene asportando la cute. Ricordo che le palpebre incavate, se non sono famigliari, sono caratteristiche degli occhi invecchiati e appaiono sempre artefatte. La regola generale per me è blefaroplastica chirurgica nelle orbite di piccolo diametro, nelle orbite medio/grandi il peeling timedchirurgico misto 0.5 è certamente una alternativa che dà risultati molto più naturali, senza artefatti.

Quando è controindicato il peeling misto?

Il peeling misto 0.5 si può sempre effettuare se ci sono le condizioni sopraccitate. Bisogna tenere presente che il peeling misto 0.5 è un trattamento estetico. La blefaroplastica chirurgica oltre a migliorare l’estetica è anche un intervento funzionale che permette, con l’asportazione delle borse adipose, una più facile apertura palpebrale e un occhio che appare più grande. Naturalmente la blefaroplastica chirurgica non ringiovanisce una cute invecchiata. Le due metodiche possono essere unite. Si possono asportare ad esempio le borse adipose senza rimozione cutanea e successivamente si può eseguire il peeling misto 0.5 o il contrario.

Quali sono le attenzioni che è necessario avere nel peeling misto 0.5?

Si deve eseguire l’anestesia locale con una soluzione anestetica al 2%. Bisogna fare attenzione a non fuoriuscire dall’area palpebrale intervenendo sulla cute nasale, che deve essere sempre segnata. Il Frost deve essere intenso e uniforme. Tutta la superficie palpebrale deve essere trattata. È consigliabile mantenersi a un millimetro dalle ciglia. Per quanto riguarda le zampe di gallina il peeling misto 0.5 in questa regione non è efficace come il peeling misto con disepitelizzazione. Se non è espressamente richiesto dal paziente è conveniente limitare l’area di azione alle palpebre. In questo modo si ha un rapido ritorno alle normali attività lavorative.

Cosa succede se la soluzione satura di resorcina entra a contatto con l’occhio?

Si lava con un po’ di soluzione fisiologica. Un rapido contatto non produce lesioni ai tessuti oculari.

Com’è il decorso postoperatorio?

Dopo il trattamento Il paziente si asciuga più volte con un fazzoletto di carta. Per due o tre giorni c’è edema. Il paziente pulisce le ciglia con camomilla e utilizza colliri decongestionanti. Successivamente può applicare creme antinfiammatorie non cortisoniche. Dopo 10-12 giorni rimane solo un leggero arrossamento. Una protezione solare è consigliabile nei primi mesi.

Come si permeabilizza l’epidermide?

Per rendere permeabile l’epidermide è necessaria un’elevata potenza 50 Watt o 38 Watt, nella funzione di coagulazione. L’emissione estremamente breve (0.5 centesimi di secondo) e potente realizza un arco che rende l’epidermide permeabile alla soluzione di resorcina. La brevità dell’emissione pulsata impedisce che l’arco raggiunga il derma causando una disidratazione con dissecazione dello stesso. Se il derma fosse sottoposto a una vaporizzazione, fenomeno che avverrebbe con emissioni più prolungate, non sarebbe più in grado di assorbire la soluzione satura di resorcina. Una certa rilevanza è la tecnica utilizzata. L’operatore deve essere leggero, deve sfiorare la superficie con movimenti verticali e deve far scoccare l’arco. Importante anche la pulizia dell’elettromanipolo EM 15. L’elettrodo di ritorno deve stare a contatto della cute sul torace, più vicino possibile al volto. Se ci sono problemi di conducibilità l’area può essere leggermente umidificata.

Perché il frost deve essere completo?

Il frost deve essere completo perché l’azione ringiovanente è data esclusivamente dalla chimica, nel caso specifico dalla soluzione satura di resorcina. I trattamenti fisici non sono efficaci e sono anche rischiosi. Per migliorare l’azione di retrazione e riorganizzazione delle fibre connettivali della cute palpebrale, l’azione fisico-chimica deve interessare tutta la superfice palpebrale, dalle sopracciglia a un millimetro dalle ciglia.

Perché sulla palpebra superiore non si usa la disepitelizzazione timedchirurgica tanto efficace nella palpebra inferiore?

Perché la palpebra superiore è molto più mobile, la sua cute è difficile da disepitelizzare e soprattutto perché non desideriamo agire con la stessa efficacia su tutti i punti geometrici della superfice cutanea della palpebra superiore. Per questo motivo il frost che realizziamo avviene attraverso l’epidermide resa permeabile dal microarco. Questo peeling misto è potente (fino a 4 minuti di applicazione!) ma non è uniforme come assorbimento. Questo ci garantisce una rapida guarigione e l’assenza di problemi.
Lo stesso peeling 0.5 è da noi utilizzato per rimuovere le macchie cutanee anche profonde nei pazienti con incarnato non uniforme. È noto che la disepitelizzazione timedchirurgica pulsata seguita dalla applicazione per 20 secondi di una soluzione satura di resorcina è in grado di rimuovere una macchia dermoepidermica in una sola seduta, mentre con il peeling misto 0.5 sono necessarie due o più sedute, ma la cute che residua al peeling misto eseguito con la disepitelizzazione non presenta alcuna macchie e nessun lieve arrossamento della cute, insomma su un incarnato non omogeneo potrebbe notarsi, cosa che non desideriamo.

Cosa ne pensa delle metodiche fisiche che realizzano una serie di ustioni puntiformi sulla cute palpebrale?

Penso che il migliore apparecchio in grado di realizzare lesioni puntiformi di potenza discretizzata e di profondità sempre uguale sia il Timed, che tra l’altro è l’unico apparecchio progettato per essere programmabile. Eseguire sulla palpebra lesioni puntiformi è poco efficace. Inoltre come ho già detto ritengo che la fisica sia molto meno efficace rispetto alla fisica unita alla chimica. Questo è il motivo per cui ho ideato i peeling misti. Il risultato di questo video è ottenuto con un solo trattamento.

Lei cita come potenza 50 Watt o 38 Watt con quale criterio è scelta una o l’altra di queste due potenze?

In questo intervento di permeabilizzazione dell’epidermide è sempre preferibile, al contrario di quello che si può pensare, la potenza inferiore che consente al peeling misto di essere più efficace. 

Le emissioni di 38 Watt per 0,5 centesimi di secondo, permeabilizzano l’epidermide senza disseccare il derma, questo consente un miglior assorbimento della soluzione di resorcina satura. Il peeling misto è quindi più efficace. Nelle palpebre con cute particolarmente invecchiata può essere conveniente applicare nei giorni che precedono il peeling una crema all’urea per migliorare la conducibilità cutanea Le emissioni pulsate a 38 Watt richiedono una mano leggera e una lente di ingrandimento.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet