By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

11. Timedsurgical mixed peeling of the lower eyelids

KEYWORDS: peeling misto palpebre, blefaroplastica, Timed

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Timedsurgical mixed peeling is the technique of choice for the permanent elimination of lip wrinkles, even if they are deep. Mixed peeling can also be used to eliminate the effects of ageing on the skin of the lower eyelids; these effects may range from slight roughness to evident wrinkles and large folds, as in this patient.
The effects of skin ageing in the palpebral region are difficult to correct by means of surgical techniques. However, if the overall appearance of the face is to be successfully rejuvenated, skin ageing of the eyelids needs to be treated. Just think of a face that has been rejuvenated by means of elastic lifting, but which still has aged skin in the palpebral regions. Poor quality of the palpebral skin can even spoil the result of perfectly performed surgical blepharoplasty. Indeed, to be effective, facial rejuvenation must be complete and must therefore also involve the skin of the eyelids.
The mixed peeling shown in this video consists of pulsed timedsurgical de-epithelialisation, followed by the application of a solution of resorcin. Mixed peeling is a safe technique and its efficacy is ensured.
The skin area to be rejuvenated is marked out with a dermographic pen. The outline also encompasses the crow’s feet, if they are particularly evident. The local anaesthesia used is a solution of lidocaine and epinephrine.
The Timed apparatus (Timed – Korpo, Italy) is programmed with the following settings: DIRECT PULSED 4/9 hundredths of a second, 2 Watts, Coag, EM 10 Yellow (edge of the angle).
De-epithelialisation is carried out with the edge of the angle of an EM 10 Yellow electromaniple. The operator bends the electrode in order to obtain a suitable surface. The angle of the electrode brushes the skin in small circular movements. The specific current of the Timed apparatus detaches the epidermis from the dermis, while preserving the integrity of the dermal papillae and of the capillary-papillary complex. The procedure is performed under a magnifying lens.
The electrode is cleaned frequently. The contact surface between the electrode and the skin must be minimal, in order to concentrate the energy efficaciously. To improve conductivity, the operator moistens the skin with gauze soaked in physiological solution. The deactivated electrode is used to remove the epidermis that has been detached by the timedsurgical current. Once the epidermis has been removed, the dermis is seen to be intact. There is no bleeding, as we are working above the capillary plexus of the dermal papillae. First performed more than 15 years ago, this procedure is still perfectly up-to-date and is the first of a series of procedures to rejuvenate the skin of the eyelids that will be published on the Medical Video Journal. It will be interesting to evaluate the indications and the results of the different timedsurgical mixed peeling procedures in the palpebral regions. The procedures will also involve the upper eyelid and the possibility to perform cutaneous “blepharoplasty” by means of one of the most recent mixed peeling techniques. As we know, mixed peeling elicits the reorganization of the connective fibres and the permanent thickening and retraction of the skin. In this way, we can correct the unsightly effects caused by ageing of the palpebral skin, by drooping, by the movements of the eyelids, by volume loss and by all those factors that cause stretching and thinning of the skin and the formation of wrinkles.
Pulsed timedsurgical de-epithelialisation was designed to repigment the skin in cases of vitiligo and piebaldism, in which it enables the achromic epidermidis to be replaced by a graft of autologous keratinocytes and melanocytes cultivated from a 1 cm² fragment of intact skin.
On completion of de-epithelialisation, a resorcin solution is applied. Before the procedure begins, a small amount of resorcin in powder form is placed in a container together with a few drops of physiological solution. Having terminated the de-epithelialisation phase, the operator should see a little resorcin powder on the bottom of the container; this shows that a saturated solution has been made. The operator then aspirates 1 ml of saturated resorcin solution and 1 ml of physiological solution with a syringe. This new 50% solution is placed in another small container and applied to the de-epithelialised area with a cotton-wool bud. Resorcin is neither acidic nor alkaline, and has no effect on intact skin; it only acts on de-epithelialised skin.
After about 20 seconds, “frosting” will be seen. The resorcin is then removed by means of a gauze soaked in physiological solution.
The contralateral lower eyelid is then de-epithelialised.
The edge of the angle of the 0.2 mm diameter EM10 Yellow electromaniple brushes the surface of the skin in small circular movements. The epidermis is detached from the dermis by the specific current of the Timed apparatus; it must not be removed mechanically. When activated, the electrode must not touch the dermis, but only the epidermis. If the current touches the dermis, it may dehydrate it, thereby preventing the resorcin from being absorbed uniformly. Mixed peeling is so called because it blends physics and chemistry. The mixed peeling procedure that you can see is highly efficacious, as de-epithelialisation enables the solution to act on all the geometric points of the de-epithelialised surface. De-epithelialisation is particularly indicated for the elimination of lip wrinkles and for the rejuvenation of the lower eyelid. Both of these regions are well-circumscribed aesthetic units. In the following videos, we will see mixed peeling procedures that enable us to act in a non-uniform manner.
The resorcin solution is applied.
A thin crust forms after a few hours. The patient should frequently dry the treated areas with a paper tissue. Creams and other substances must not be applied. After 10 or 15 days, the crust drops off, leaving reddened skin without wrinkles; the area can easily be masked by means of a coloured cream.
The procedure is over.
The patient before and after timedsurgical mixed peeling.

Mixed peeling of the lower eyelids

Capurro S. (2016): Timedsurgical mixed peeling of the lower eyelids. CRPUB Medical Video Journal. Timedsurgery section.

FAQ

This video clearly illustrates the importance of rejuvenating the palpebral skin. What other techniques are able to do this?

Rejuvenating the skin of the upper and lower eyelids is of great importance to rejuvenating the overall appearance of the face. I believe that mixed peeling procedures will be widely used once the importance of skin rejuvenation has been fully grasped. The only technique that is able to retract and thicken the skin is mixed peeling, which is a standardised and consistently efficacious procedure; no other technique can do this. The result of mixed peeling can be further improved through volume enhancement, which is achieved by means of injecting adipose and stromal cells (Adipofilling).

What is the difference between mixed peeling of lip wrinkles and mixed peeling of the lower eyelid?

The de-epithelialisation is the same. To eliminate lip wrinkles, a saturated solution of resorcin is applied to the de-epithelialised skin. To treat the eyelid, the resorcin solution is not saturated; it is diluted to 50%. The application times are also different: from 1 to 2 minutes on the lips, and about 20 or 30 seconds on the eyelids. The operator has to judge by the frosting effect.

Why is no type of medication used?

The resorcin solution exerts a coagulating effect. Within a few hours, a crust forms, which prevents infection. The patient has to dry the area repeatedly during the first few hours, in order to keep the crust thin.

In this video, while the resorcin solution is being washed off, a little resorcin gets into the patient’s eye…

Yes. We always keep a vial of physiological solution handy so that the eye can be washed if this happens. But resorcin is very safe. When applied to intact skin, it has no effect; on the mucosa, it can cause discomfort, but not damage.

What are the indications for this timedsurgical procedure?

Roughness of the lower eyelid, palpebral folds, crow’s feet and pigmentation of rings under the eyes.

Does mixed peeling eliminate pigmentations?

The technique used to treat the lower eyelids also eliminates dermal pigmentations.

Is de-epithelialisation also carried out on the upper eyelids?

We have never done it. In the upper eyelids, we prefer to use another mixed peeling technique (0.5), which perfects surgical blepharoplasty and, in many cases, replaces it. This technique will be published in 2016.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

11. Il peeling Timedchirurgico misto delle palpebre inferiori

KEYWORD: peeling misto palpebre, blefaroplastica, Timed

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Il peeling timedchirurgico misto, rappresenta la tecnica di scelta per eliminare in maniera permanente le rughe anche profonde delle labbra. Il peeling misto può essere utile anche per eliminare l’invecchiamento cutaneo delle palpebre inferiori, che si manifesta con fini rugosità o con rughe e festoni evidenti, come in questa paziente.
La cute invecchiata delle regioni palpebrali è difficilmente correggibile con le metodiche chirurgiche.
La correzione dell’invecchiamento cutaneo della cute palpebrale è importante per il ringiovanimento globale del volto. Pensate a un viso ringiovanito con i lifting elastici con una cute vecchia nelle regioni palpebrali. Una cattiva qualità della cute delle palpebre può compromettere anche il risultato di una blefaroplastica chirurgica perfettamente eseguita. Il ringiovanimento per essere efficace deve essere completo e pertanto deve interessare anche la cute palpebrale.
Il peeling misto di questo video consiste nella disepitelizzazione timedchirurgica pulsata, seguita dalla applicazione di una soluzione di resorcina. Il peeling misto è una tecnica sicura e di efficacia costante.
Si segna con la penna dermografica l’area cutanea da ringiovanire. Sono comprese nel disegno anche le zampe di gallina se particolarmente evidenti. L’anestesia locale utilizzata è una soluzione di lidocaina con epinefrina.
Si regola il Timed (Timed – Korpo, Italia) con i seguenti dati di programmazione: DIRECT PULSED 4/9 centesimi di secondo, 2 Watt, Coag, EM 10 Giallo (spigolo dell’angolo).
La disepitelizzazione si effettua con lo spigolo dell’angolo di un elettromanipolo EM10 Giallo. L’operatore piega l’elettrodo per ottenere una superficie idonea. L’angolo dell’elettrodo sfiora la cute con piccoli movimenti circolari. La specifica corrente del Timed stacca l’epidermide dal derma mantenendo l’integrità delle papille dermiche e del plesso capillare papillare. L’intervento è eseguito sotto lente di ingrandimento.
L’elettrodo è pulito frequentemente. La superficie di contatto tra l’elettrodo e la cute deve essere minima per concentrare adeguatamente l’energia. Per una migliore conducibilità elettrica l’operatore umidifica la cute con una garza imbevuta di soluzione fisiologica. L’elettrodo non attivato è utilizzato per rimuovere l’epidermide staccata dalla corrente timedchirurgica. Asportata l’epidermide appare il derma integro. Non c’è sanguinamento perché siamo al di sopra del plesso capillare delle papille dermiche. Questo intervento eseguito prima degli anni 2000 è ancora perfettamente attuale ed è il primo di una serie di interventi di ringiovanimento della cute palpebrale che saranno pubblicato sul Medical Video Journal. Sarà interessante valutare le indicazioni e i risultati dei differenti peeling timedchirurgici misti nelle regioni palpebrali. Gli interventi riguarderanno anche la palpebra superiore e la possibilità di eseguire una “blefaroplastica” cutanea con uno dei più recenti peeling misti. Come è noto il peeling misto provoca una riorganizzazione delle fibre connettivali e un ispessimento e una retrazione della cute permanente nel tempo. Si correggono in questo modo gli inestetismi che derivano dall’invecchiamento della cute palpebrale, dalla ptosi gravitazionale, dai movimenti palpebrali, dalla perdita volumetrica, tutti fattori che portano all’allungamento e all’assottigliamento della cute e alla formazione di rugosità.
La disepitelizzazione timedchirurgica pulsata è stata messa a punto per ripigmentare la cute nella vitiligine stabilizzata e nel piebaldismo, dove consente di sostituire l’epidermide acromica con un innesto di cheratinociti e melanociti autologhi coltivati da un frammento di cute integra di 1 cm².
Terminata la disepitelizzazione si applica la soluzione di resorcina. Prima di iniziare l’intervento si mette una piccola quantità di resorcina in polvere in un contenitore insieme a poche gocce di soluzione fisiologica. Completata la disepitelizzazione deve rimanere un po’ di polvere di resorcina sul fondo del piccolo contenitore. Abbiamo in questo modo realizzato una soluzione satura. Con una siringa aspiriamo 1 ml di soluzione satura di resorcina e 1 ml di soluzione fisiologica. La nuova soluzione al 50% è messa in un altro piccolo contenitore e applicata con un bastoncino cotonato sulla area disepitelizzata. La resorcina non è né acida, né basica e non ha alcun effetto sulla cute integra, agisce solo sulla cute disepitelizzata.
Dopo il frost, che avviene dopo circa 20 secondi la resorcina è rimossa con una garza bagnata con soluzione fisiologica.
Si disepitelizza la palpebra inferiore controlaterale.
Lo spigolo dell’angolo dell’elettromanipolo EM10 Giallo di 0,20 mm di diametro, sfiora la superficie cutanea con piccoli movimenti circolari. L’epidermide deve staccarsi dal derma per il contatto della specifica corrente del Timed, non deve essere asportata meccanicamente. L’elettrodo attivato non deve toccare il derma ma solo l’epidermide. Se la corrente tocca il derma può disidratarlo compromettendo l’uniforme assorbimento della resorcina. Il peeling misto si chiama in questo modo perché rappresenta l’unione della fisica con la chimica. Il peeling misto che state vedendo è molto efficace perché la disepitelizzazione consente alla soluzione di agire su tutti i punti geometrici della superficie disepitelizzata. La disepitelizzazione è particolarmente indicata per l’eliminazione delle rughe delle labbra e per il ringiovanimento delle palpebre inferiori. Entrambe queste regioni costituiscono unità estetiche ben delimitate. Vedremo nei prossimi video peeling misti che ci consentono di agire in maniera non uniforme.
Si applica la soluzione di resorcina.
Dopo poche ore si forma una sottile crosta. Il paziente deve asciugare frequentemente le aree trattate con un fazzoletto di carta. Non deve applicare creme o altre sostanze. La crosta cade dopo 10 o 15 giorni residuando una cute arrossata e senza rughe, facilmente mascherabile con una crema colorata.
L’intervento è terminato.
La paziente prima e dopo il peeling timedchirurgico misto.

Peeling misto delle palpebre inferiori

Capurro S. (2016): Il peeling Timedchirurgico misto delle palpebre inferiori. CRPUB Medical
Video Journal. Timedsurgery section. //www.crpub.org

FAQ

In questo video si mette bene in evidenza l’importanza del ringiovanimento della cute palpebrale. Quali altre metodiche esistono per ottenere questo scopo?

Questo vecchio video ci fa comprendere quanto sia importante ringiovanire la cute delle palpebre inferiori e superiori nel ringiovanimento globale del volto del paziente. Penso che i peeling misti si diffonderanno quando sarà compresa l’importanza del ripristino cutaneo che solo i peeling misti sono in grado di realizzare. Non esistono altre metodiche in grado di far retrarre la cute, di farla inspessire e di ringiovanirla con un intervento standardizzato di efficacia costante. Il risultato può essere ulteriormente migliorato con un ripristino volumetrico ottenuto con l’iniezione di cellule adipose e stromali (Adipofilling).

Che differenza c’è tra il peeling misto delle rughe delle labbra e il peeling misto delle palpebre inferiori?

La disepitelizzazione è uguale. Per eliminare le rughe delle labbra si applica sulla cute disepitelizzata una soluzione satura di resorcina. Nelle palpebre la soluzione di resorcina non è satura ma è diluita al 50%. Anche il tempo di applicazione è diverso. Sulle labbra da 1 a 2 minuti. Sulle palpebre circa 20 o 30 secondi. L’operatore deve valutare il frost.

Perché non si effettua alcun tipo di medicazione?

La soluzione di resorcina ha un effetto coagulativo. In poche ore si forma una crosta che impedisce le infezioni. Il paziente deve asciugare ripetutamente l’area nelle prime ore per mantenere una crosta sottile.

Nel video si vede che durante il lavaggio della soluzione di resorcina un po’ di resorcina entra nell’occhio…

Sì. Teniamo sempre pronta una fialetta di soluzione fisiologica per lavare l’occhio se ciò accade. La resorcina è molto sicura. Applicato sulla cute integra non ha alcun effetto, sulle mucose può essere fastidiosa ma non provoca danni.

Quali sono le indicazioni di questo intervento timedchirurgico?

Le rugosità della palpebra inferiore, i festoni palpebrali, le zampe di gallina e le pigmentazioni delle occhiaie.

Il peeling misto elimina le pigmentazioni?

La tecnica utilizzata nelle palpebre inferiori elimina anche le pigmentazioni dermiche

La disepitelizzazione si effettua anche nelle palpebre superiori?

Non l’abbiamo mai eseguita. Per le palpebre superiori preferiamo utilizzare un altro peeling misto che si chiama 0.5 e che sarà pubblicato nel 2016, che perfeziona la blefaroplastica chirurgica e in molti casi la sostituisce.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet