By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

08. Treatment of xanthelasma with timedsurgical resurfacing

KEYWORDS: xanthelasma removal, timedsurgical resurfacing, cholesterol deposits, Timed.

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

The lower eyelids of this young patient present extensive xanthelasmas. Timedsurgical resurfacing is the technique of choice for eliminating xanthelasmas, even those which recur. What you see here is one of the more than 72 techniques of Timedsurgery.
Local anaesthesia is carried out by means of mepivacaine with epinephrine. The xanthelasmas will be eliminated by means of timedsurgical resurfacing, which does not heat the deep tissues. Treatment is normally carried out in two sessions. During the second session, which is held two months after the first, a magnifying glass is used to check whether any residual areas of xanthelasma are still visible. If they are, they are treated by means of the same program data used in the first session.
The Timed apparatus is set to the resurfacing function in the coagulation mode and the power is set to 38 or 50 W. An EM 15 electromaniple is mounted. The tip of the electromaniple, which has a diameter of 1.5 mm, must be placed very close to the surface of the skin in order to generate the micro-arcs that vaporise and dry the lesion. The electromaniple must be kept moving at all times. The operator carries out several sweeps in the areas where the xanthelasma is thickest. Resurfacing must also be carried out a few mm around the visible lesion.
Treatment of the xanthelasma of the left lower eyelid has been completed. Before treating the right eyelid, the operator cleans the tip of the electrode with sterile glass-paper. During the procedure, the electrode is cleaned several times with the gloves.
The noise that can be heard in the background is caused by the impact of the micro-arcs on the surface of the lesion. It must be remembered that, in order to generate a micro-arc, there must be air between the electrode and the lesion. Air normally acts as an insulator; here, however, the high-frequency current ionises the air, causing it to become conductive. The ionised air facilitates the formation of the micro-arcs. If the electrode is in contact with the skin, the micro-arcs will not be formed and the vaporisation effect required in this procedure will not be achieved. Resurfacing finishes when the vaporised area has become dehydrated, forming a concave eschar. Unlike excision with a scalpel, timedsurgical resurfacing does not give rise to the loss of surface skin. Healing takes place beneath the crust and there is no risk of ectropion.
Unlike laser beams, the high-frequency current does not travel in a straight line, but returns to the apparatus over the surface of the tissues. This means that a high power can be used without heating or damaging the healthy underlying tissues. A high-power light beam travelling in a straight line at 300,000 km/s cannot avoid heating the deep tissues. The use of physical methods requires knowledge of the most elementary notions of physics and of the biology of living tissues.

8.0

Fig.1 Xantelasma before timedsurgical resurfacing

After the procedure, the patient will need to apply a collagenase ointment every day until a crust forms; the crust will drop off spontaneously. After about two months, the result is checked under the magnifying glass. Two small suspect areas are seen; these must be treated immediately. The persistence of xanthelasma in the treated area may constitute the starting point of a recurrence. In this timedsurgical procedure, the patient is always informed of the need to undergo two sessions a couple of months apart. The second resurfacing procedure is rapid. Timedsurgical resurfacing produces optimal results without leaving visible artefacts.

Capurro S. (2013): Treatment of xanthelasma with timedsurgical resurfacing. CRPUB Medical Video Journal. Timedsurgery section. http://www.crpub.org

FAQ

When timedsurgical resurfacing is carried out in the coagulation mode, is there no risk of causing a greater than necessary destructive effect?

Timedsurgical resurfacing exerts a potent effect, but this effect is superficial. It does not heat the healthy underlying tissues, which would cause damage. Let us remember that resurfacing is also used for haemostasis during electroshaving, a procedure in which regeneration of the skin begins immediately after the removal of the neoformation, thanks to the absence of necrosis.

Why are two sessions necessary?

As xanthelasma is due to a familial metabolic predisposition, we cannot guarantee that the lesion will disappear definitively. The operator must tell the patient that xanthelasma is due to a metabolic alteration and that its treatment will require two sessions.

In timedsurgery, are there really over 72 techniques, each with its own program data?

Timedsurgery (Technique for the Implementation of Measured Electrosurgical Data) utilises the Timed TD 50 Micropulse apparatus, which is specifically designed to be programmable. This means that we can control all the parameters that condition the effect of a high-frequency current. The high-frequency current is not influenced by the colour of the skin, but by its electrical conductivity, which is very similar from one individual to another. Each of the more than 72 applications has its own precise program data and uses a specific electromaniple. Specially designed currents have been created in order to perform operations that were previously impossible, such as de-epithelialisation of the skin, rapid or slow timedsurgical cutting, resurfacing, etc.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

08. Trattamento di Xantelasma con il resurfacing timedchirurgico

KEYWORDS: xanthelasma removal, timedsurgical resurfacing, cholesterol deposits, Timed.

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Xantelasmi palpebrali estesi sono presenti nelle palpebre inferiori di questa giovane paziente.
Il resurfacing timedchirurgico rappresenta la tecnica di scelta per l’eliminazione degli xantelasmi anche recidivi. Questa che vedete è una delle più di 72 tecniche della Timedsurgery.
Si effettua l’anestesia locale con mepivacaina con epinefrina. Gli xantelasmi saranno eliminati con il resurfacing timedchirurgico che ha la caratteristica di non scaldare i tessuti profondi. Il trattamento normalmente è in due sedute. Nella seconda seduta, che si esegue dopo due mesi, è necessario controllare sotto lente di ingrandimento se sono visibili aree residue di xantelasma. In questo caso le aree sono trattate utilizzando gli stessi dati di programmazione usati nella prima seduta.
Si imposta il Timed nella funzione di resurfacing in Coagulazione e si regola la potenza a 38 Watt o a 50 Watt. Si inserisce l’elettromanipolo EM15. La punta dell’elettromanipolo da 1,5 mm di diametro, deve essere posta molto vicino alla superficie cutanea per generare i micro-archi che vaporizzano e asciugano la lesione. L’elettromanipolo EM 15 deve essere sempre in movimento.
L’operatore esegue più passaggi nelle aree dove lo xantelasma è più spesso. Il resurfacing deve essere eseguito anche alcuni millimetri intorno alla lesione visibile.
Lo xantelasma della palpebra inferiore sinistra è terminato. Prima di iniziare lo xantelasma a destra l’operatore pulisce la punta dell’elettrodo con carta a vetro sterile. Durante la procedura l’elettrodo è pulito più volte con i guanti.
Il rumore che si sente in sottofondo è l’urto dei microarchi sulla superficie della lesione. Ricordiamo che, per generare il microarco è necessario che tra l’elettrodo e la lesione ci sia l’aria. L’aria normalmente è isolante ma il passaggio della corrente ad alta frequenza la ionizza facendola diventare conduttiva. L’aria ionizzata facilita la formazione dei microarchi. Se l’elettrodo è a stretto contatto della cute non si possono formare i microarchi e non si ottiene l’effetto di vaporizzazione richiesto in questo intervento.
Quando l’area vaporizzata si è disidratata formando un’escara concava, il resurfacing è terminato. Al contrario dell’escissione con il bisturi il resurfacing timedchirurgico non dà luogo a perdite di superficie cutanea. La guarigione avviene sotto crosta e non ci sono rischi di ectropion.
Al contrario dei laser la corrente ad alta frequenza non è rettilinea, ma ritorna all’apparecchio tramite la superficie dei tessuti. Questo significa che è possibile concentrare un’elevata potenza, senza scaldare e ledere i tessuti sani sottostanti. Un raggio luminoso ad elevata potenza viaggiando rettilineo a 300.000 km al secondo non può fare a meno di scaldare i tessuti profondi. L’utilizzo di metodiche fisiche necessita la conoscenza delle più elementari nozioni di fisica e di biologia dei tessuti viventi.

8.0

Fig.1 Xantelasma prima del trattamento con il resurfacing timedchirurgico

Una pomata a base di collagenasi sarà la medicazione che il paziente applicherà tutti i giorni fino a quando non si formerà la crosta che dovrà cadere spontaneamente.
Dopo circa due mesi la paziente ritorna per un controllo sotto lente di ingrandimento. Il controllo evidenzia la presenza di due piccole aree sospette che devono essere subito trattate. La persistenza di xantelasma nell’area trattata può essere il punto di partenza di una recidiva. In questo trattamento timedchirurgico la paziente è sempre avvisata della necessità di eseguire due sedute distanziate di alcuni mesi. Il secondo resurfacing è rapido. Il resurfacing timedchirurgico consente di ottenere un risultato ottimale senza artefatti visibili.

Capurro S. (2013): Trattamento di Xantelasma con il resurfacing timedchirurgico. CRPUB Medical Video Journal. - Timedsurgery section. http://www.crpub.org

 

FAQ

Con il resurfacing timedchirurgico in Coagulazione non c’è il rischio di produrre un’azione lesiva maggiore di quella necessaria?

Il resurfacing timedchirurgico ha una azione potente ma superficiale. Non provoca un riscaldamento profondo che danneggia i tessuti sani sottostanti. Ricordiamo che il resurfacing è anche usato per l’emostasi durante l’electroshaving, intervento in cui la rigenerazione cutanea inizia subito dopo l’asportazione della neoformazione, per l’assenza di necrosi.

Perché sono necessarie due sedute?

Lo xantelasma è dovuto a una predisposizione famigliare metabolica, pertanto è impossibile affermare che la scomparsa della lesione sarà definitiva. L’operatore dirà al paziente che il trattamento necessita due sedute e che lo xantelasma è dovuto a una alterazione metabolica.

Nella timedchirurgia esistono più di 72 tecniche con i relativi dati di programmazione?

La Timedchirurgia (Technique for the Implementation of Measured Electrosurgical Data) utilizza il Timed TD 50 Micropulse un apparecchio nato per essere programmabile. Questo significa che è possibile tenere sotto controllo tutti i parametri che condizionano l’effetto di una corrente ad alta frequenza. La corrente ad alta frequenza non risente del colore della cute ma si basa sulla conducibilità elettrica, molto simile tra individue e individuo. Ognuna delle oltre 70 applicazioni ha precisi dati di programmazione e un elettromanipolo specifico. Sono state realizzate apposite correnti per realizzare interventi prima impossibili, come la disepitelizzazione della cute, il taglio timedchirurgico rapido o lento, il resurfacing, ecc...

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet