By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

06. Removal of a dermal-epidermal patch on the face by means of timedsurgical mixed peeling

KEYWORDS: Dermal-epidermal patches, skin hyperpigmentations, mixed peeling , resorcin. solution, timedsurgical de-epithelialisation.

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Dermal-epidermal patches on the face can easily be removed by means of timedsurgical mixed peeling. This consists of pulsed timedsurgical de-epithelialisation of the skin and the subsequent application of a saturated solution of resorcin in water for 20 seconds. Treatment is carried out under local anaesthesia. De-epithelialisation is performed with the edge of the angle of the EM10 Yellow electromaniple at a power of 2 Watts in the pulsed coagulation function specifically designed for de-epithelialisation Direct Pulsed, 4/9 hundredths of a second, Coag, 2 Watts, EM 10 Yellow (bent at an angle). As the electrode skims the surface of the patch in small movements, the epidermis detaches from the dermis. Timedsurgical de-epithelialisation is carried out on the entire visible surface of the patch, extending to about 1 mm beyond it. Electrical conductivity can be improved by moistening the skin with physiological solution. Once the electrode has skimmed the entire surface of the patch and the edges have been checked, the epidermis is removed by means of the same non-activated electrode. As the epidermis is removed, the dermis appears. There is no bleeding, since the procedure is carried out above the most superficial capillary network, the capillary-papillary plexus. Following de-epithelialisation, the dermis displays several pigmented spots. The operator now checks that the area has been completely de-epithelialized. Pulsed timedsurgical de-epithelialisation enables the dermis to be kept perfectly intact. The intact dermis absorbs the saturated solution of resorcin in water uniformly. This solution is applied with a cotton-wool bud, starting from the pigmented areas. On applying the solution, frosting immediately occurs. After about 20 seconds, the resorcin solution is washed off with physiological solution. The resorcin solution is then reapplied to the most pigmented areas, and is again washed off. After treatment, the patient delicately dries the area with a paper tissue. A few hours later, a thin crust forms. This drops off spontaneously after a few days, leaving the skin slightly red. Within a few months, the patch is no longer visible.

6.0

Before and after mixed timedsurgical peeling

Capurro S. (2008) Removal of a dermal-epidermal patch on the face by means of timedsurgical mixed peeling. CRPUB Medical Video Journal. Timedsurgery section. http://www.crpub.org

 

FAQ

How does the resorcin solution act?

The saturated solution of resorcin in water has no effect on intact skin; it acts exclusively on de-epithelialized skin. Removal of the epidermis enables the resorcin to act uniformly on the entire area. During frosting, the resorcin solution exerts a toxic effect on the melanocytes. This reduction in the number of melanocytes makes resorcin the most interesting de-pigmenting agent.

How is the patient medicated?

After washing off the resorcin solution, the operator applies a solution of Betamethasone (e.g. a vial of Betametasone). Over the next few hours, the patient will dry off the area several times until a thin crust forms; this will drop off on its own. When the crust has dropped off, the area will be slightly red; this redness will disappear within a few months. During this time, the patient will apply a zinc oxide cream in the morning and at night.

How is the saturated resorcin solution made?

A little resorcin powder is placed in a dish and dissolved in a few drops of water. When a few granules of resorcin remain undissolved on the bottom, the solution is saturated.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

06. Eliminazione di una macchia dermo-epidermica del volto con il peeling timedchirurgico misto

KEYWORDS: macchie dermo epidermiche, iperpigmentazioni cutanee profonde, peeling timedchirurgico misto, resorcina, disepitelizzazione timedchirurgica.

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Le macchie dermo epidermiche del volto possono essere facilmente eliminate con il peeling timedchirurgico misto che consiste nella disepitelizzazione timedchirurgica pulsata della cute iperpigmentata e nella successiva applicazione per 20 secondi di una soluzione satura di resorcina in acqua. Il trattamento è effettuato in anestesia locale o topica Per la disepitelizzazione si utilizza lo spigolo dell’angolo dell’elettromanipolo EM10 Giallo, la potenza di 2 Watt e la funzione di coagulazione pulsata appositamente realizzata per la disepitelizzazione. (Direct pulsed, 4/9 centesimi di secondo, Coag, 2 Watt, EM10 Giallo (spigolo dell'angolo.) L’elettrodo compie piccoli movimenti sulla superficie della macchia. Sfiorando la macchia l’epidermide si stacca dal derma. La disepitelizzazione timedchirurgica è eseguita su tutta la superficie visibile della macchia e fuoriesce di circa 1 mm. La conducibilità elettrica può essere migliorata umidificando la cute con soluzione fisiologica. terminato il passaggio dell’elettrodo su tutta la superficie della macchia e, coontrollati i margini si procede con l’eliminazione dell’epidermide. A tale scopo si utilizza lo stesso elettrodo non attivato. Sollevata l’epidermide appare il derma. Non c’è sanguinamento perché siamo sopra la più superficiale rete capillare, il plesso capillare papillare. Terminata la disepitelizzazione il derma appare pigmentato in più punti. Si controlla ora la completa disepitelizzazione dell’area. La disepitelizzazione timedchirurgica pulsata consente una perfetta integrità del derma. Il derma integro ha un assorbimento uniforme della resorcina satura in acqua. La soluzione è applicata con un cotton fioc, iniziando dalle aree pigmentate. L’applicazione della soluzione di resorcina genera un immediato frost. Dopo circa 20 secondi la resorcina è lavata con soluzione fisiologica. La soluzione di resorcina si riapplica nellle aree più pigmentate. Si effettua il lavaggio della soluzione. Dopo il trattamento il paziente si asciuga con un fazzoletto di carta. Dopo poche ore si forma una sottile crosta. Dopo alcuni giorni la crosta si stacca spontaneamente e residuando una cute leggermente arrossata. Dopo pochi mesi la macchia è sparita.

6.0

Prima e dopo il peeling timedchirurgico misto

Capurro S. (2008) Eliminazione di una macchia dermo-epidermica del volto con il peeling timedchirurgico misto. CRPUB Medical Video Journal. Timedsurgery section. http://www.crpub.org

 

FAQ

Come agisce la soluzione satura di resorcina?

La soluzione satura di resorcina in soluzione acquosa è inefficace sulla cute integra ed agisce esclusivamente sulla cute disepitelizzata. L’eliminazione dell’epidermide consente alla resorcina un azione uniforme su tutta l’area. Durante il frost la soluzione satura di resorcina esercita un’azione tossica sui melanociti. La diminuzione del numero dei melanociti rende la resorcina il depigmentante più interessante.

Come si medica il paziente?

Dopo aver lavato la soluzione satura, l’operatore applica una soluzione di cortisone, ad esempio una fiala di Betametasone. Nelle successive ore il paziente si asciuga più volte con un fazzoletto di carta, fino a quando si forma una sottile crosta che dovrà essere lasciata cadere da sola. Quando la crosta cade residuerà un leggero arrossamento che scompare completamente in pochi mesi. Durante questo periodo il paziente applica mattino e sera una crema all’ossido di zinco.

Come si fa la soluzione satura di resorcina?

Una piccola quantità di polvere di resorcina è sciolta in poche gocce d’acqua. Quando alcuni granuli di resorcina rimangono sul fondo, la soluzione è satura.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet