By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

24. Permanent de-pigmentation with timedsurgical mixed peeling of normal facial skin in vitiligo universalis

KEYWORDS: Vitiligo, de-pigmentation of the skin, mixed peeling

This patient has generalized vitiligo. There are some areas of pigmented skin on the cheeks, which require de-pigmentation. For this purpose, we use timedsurgical mixed peeling with de-epithelialization, one of the standardized techniques made possible by the Timed apparatus (Patent US).
De-pigmentation is necessary because, when exposed to the sun, these areas darken and are difficult to cover with masking creams. In generalized vitiligo, the normal color of the patient's complexion appears as a hyperpigmented patch.
Once local anesthesia has been carried out, de-epithelialization begins. The epidermis of the pigmented areas is raised by the specific pulsed current of the Timed apparatus. The edge of the angle of the EM 10 Yellow electromaniple brushes the skin in small circular movements.
The Timed apparatus is programmed with the following data: Direct Pulsed 4/9 hundredths of a second, Coag, 2 Watt, EM 10 Yellow electromaniple (edge of the angle).
Timedsurgical de-epithelialization enables us not only to de-pigment the skin, but also to re-pigment it. Achromic scar areas, stable vitiligo or piebaldism can be re-pigmented by applying to the de-epithelialized area grafts of autologous keratinocytes and melanocytes cultivated from a square centimeter of intact skin that has been removed 20 days earlier.
The success of these techniques stems from the fact that de-epithelialization leaves the dermal papillae and the capillary-papillary plexus perfectly intact.
In mixed peeling with de-epithelialization, the resorcin that is subsequently applied is perfectly absorbed and acts on all the geometric points of the surface. De-epithelialization can be carried out accurately only by means of the specific current of the Timed apparatus, the power system of which has been expressly designed for this purpose. It is impossible to achieve the same result by means of a light ray that travels in a straight line at a speed of over 300,000 km/s. Indeed, the widespread use of laser technology in dermatology never ceases to amaze us, as laser beams lack precision and cause in-depth trophic damage. Our diathermic current also travels at over 300,000 km/s, but not in a straight line; it returns to the generator across the surface, without damaging the deep tissues.
Once the EM10 Yellow electrode has been brushed over the pigmented skin, the raised epidermis is removed with the same electrode, while inactivated. If any fragments of epidermis do not detach, they are again brushed with the edge of the angle of the activated electrode. The epidermis must be raised by the current, not by the mechanical action of the electrode. No bleeding occurs, as we are working above the capillary-papillary plexus. The operator uses magnifying lenses in order to identify the adjacent area of achromic skin precisely. Having removed the epidermis that has been detached by the timedsurgical current, the operator washes the area with physiological solution and then dries it.
At the beginning of treatment, a saturated solution of resorcin is prepared. A small amount of resorcin powder is placed in a small container and partially dissolved in a tiny quantity of water. A little resorcin must remain on the bottom of the container, as this indicates that the solution is saturated and that no further resorcin can be dissolved. The resorcin solution is applied to the de-epithelialized area, where it is left for 60 seconds. As soon as the solution touches the dermis, it generates a frost. This frosting enables us to identify any areas that have not been de-epithelialized. Using the activated electrode, the operator detaches any portions of epidermis that are still attached to the dermis, and then removes them. The resorcin solution is again applied to these points and then washed off.
After a few minutes, a thin crust forms; this thickens over time. No other products must be applied to the area.
If any exudation occurs, the patient simply dries the de-pigmented area with a paper tissue.
The crust that forms must be left to drop off spontaneously. If the edges begin to detach, they can be trimmed with scissors. Resorcin exerts a selective action on the melanocytes; for this reason, we use it to treat hyperpigmentation and to lighten the skin.
One day after the crust has dropped off, the patient can apply a colored cream to mask the slight reddening that occurs after treatment.
Two treatment sessions, six months apart, are normally needed in order to lighten the skin. Application of the resorcin solution always lasts 60 seconds.
In this patient, only a small pigmented area on the right cheek remains after treatment; this will be de-pigmented during the second session of mixed peeling. The result is permanent.

Permanent de-pigmentation with timedsurgical mixed peeling of normal facial skin in vitiligo universalis

Capurro S. (2022): Permanent de-pigmentation with timedsurgical mixed peeling of normal facial skin in vitiligo universalis. Timedsurgery section. https://www.crpub.org

FAQ

Mixed peeling solves the problems of normo-pigmented facial skin in patients with generalized vitiligo. What advantages does it have over other methods?

• No other methods can be compared with this extraordinary technique.
• No standardized methods are able to de-pigment the skin in one or two sessions, as timedsurgical mixed peeling does.
• No existing methods act specifically on the melanocytes, as timedsurgical mixed peeling does.
• No existing methods act on all the geometric points of the pigmented surface, as timedsurgical mixed peeling does.
• No other methods utilize a chemical substance that, when applied to intact skin, has no effect, as timedsurgical mixed peeling does.
• No other methods exist in which medications are not required, as in timedsurgical mixed peeling.
• No other methods have such little toxic effect, as timedsurgical mixed peeling does.
• No existing techniques or treatments are as safe and efficacious as timedsurgical mixed peeling.

What can you say about re-pigmentation?

De-epithelialized achromic areas are re-pigmented by grafting cultivated autologous keratinocytes and melanocytes. Only patients with stable vitiligo, piebaldism and areas of scarring can be treated. However, we no longer perform this procedure, as we no longer have a cell-culture laboratory available.

What happens if the areas treated with mixed peeling are medicated with ointments or creams?

Healing takes place underneath the crust. If we hinder the formation of the crust by applying creams, ointments or disinfectants, we will delay the healing process and probably cause problems of scarring. The crust forms within a few hours, facilitates healing and prevents infections and other complications.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

24. Depigmentazione permanente della cute normale del volto nella vitiligine generalizzata, con il peeling timedchirurgico misto

KEYWORD: Vitiligine, depigmentazione della cute, peeling misto

La paziente ha una vitiligine generalizzata. Sulle guance sono rimaste alcune aree cutanee pigmentate che richiedono una depigmentazione. Utilizziamo a tale scopo il peeling timedchirurgico misto con disepitelizzazione, una delle tecniche standardizzate rese possibili dal Timed (Patent US).
La depigmentazione è necessaria perché, con il sole, queste aree diventano scure e difficilmente mascherabili con prodotti coprenti. Nella vitiligine generalizzata il normale colore dell’incarnato della paziente appare come una macchia iperpigmentata.
Eseguita l’anestesia locale inizia la disepitelizzazione. L’epidermide delle aree pigmentate è sollevata dalla specifica corrente pulsata del Timed. Lo spigolo dell’angolo dell’elettromanipolo EM 10 Giallo sfiora la cute con piccoli movimenti circolari. I dati di programmazione del Timed sono: Direct Pulsed 4/9 centesimi di secondo, Coag, 2 Watt, EM 10 Giallo (spigolo dell’angolo).
La disepitelizzazione timedchirurgica consente di depigmentare la cute e anche di ripigmentarla. Si possono ripigmentare le area acromiche cicatriziali, la vitiligine stabile o il piebaldismo applicando sull’area disepitelizzata innesti di cheratinociti e melanociti autologhi coltivati da un centimetro quadrato di cute integra, prelevato 20 giorni prima.
Il successo di queste tecniche è determinato dal fatto che la disepitelizzazione mantiene la perfetta integrità delle papille dermiche e del plesso capillare papillare.
Nel peeling misto con disepitelizzazione la resorcina applicata successivamente ha un assorbimento perfetto e agisce su tutti i punti geometrici della superficie. Una accurata disepitelizzazione è possibile oggi solo con la specifica corrente del Timed, il cui sistema di potenza è stato espressamente progettato anche a questo scopo. È impensabile di ottenere lo stesso risultato con un raggio luminoso che viaggia rettilineo a più di 300.000 Km al secondo. Ci siamo sempre stupiti della diffusione dei laser in campo dermatologico dove provocano danni trofici in profondità e sono poco precisi. La corrente diatermica viaggia anch’essa a più di 300.000 Km al secondo, ma non è rettilinea e ritorna al generatore sulle superfici, senza ledere i tessuti in profondità.
Completato il passaggio dell’elettrodo sulla cute pigmentata si asporta l’epidermide sollevata con lo stesso elettrodo EM10 Giallo non attivato. Se alcuni frammenti di epidermide non si staccano si sfiorano nuovamente con lo spigolo dell’angolo dell’elettrodo attivato. L’epidermide deve sollevarsi con la corrente, non con l’azione meccanica dell’elettrodo. Non c’è sanguinamento perché siamo al di sopra del plesso capillare papillare. L’operatore utilizza lenti di ingrandimento per individuare con precisione l’area di cute acromica confinante. Terminata la rimozione dell’epidermide staccata dalla corrente timedchirurgica, l’operatore lava con soluzione fisiologica l’area e la asciuga.
La preparazione della resorcina satura inizia all’inizio del trattamento. In un piccolo contenitore si mette un po’ di polvere di resorcina che viene sciolta parzialmente con una minuscola quantità di acqua. Sul fondo del recipiente deve rimanere un po’ di resorcina. Questo significa che la soluzione è satura e non è possibile sciogliere altra resorcina. La resorcina rimane sull’area disepitelizzata 60 secondi. Appena la soluzione tocca il derma genera un frost. Il Frost evidenzia le aree che non sono state disepitelizzate. Con l’elettrodo attivato l’operatore stacca l’epidermide ancora attaccata al derma e la rimuove. Applica nuovamente la resorcina in questi punti e successivamente la lava.
Dopo pochi minuti, si forma una sottile crosta che si ispessisce con il tempo. Sull’area non deve essere applicato alcun prodotto. Se c’è essudazione il paziente deve asciugare l’area depigmentata con un fazzoletto di carta. La crosta che si forma deve cadere spontaneamente. Se si solleva dai margini il paziente può tagliarla con una forbice. La resorcina ha una azione selettiva sui melanociti per questo motivo la utilizziamo per trattare le iperpigmentazioni e per la decolorazione della cute.
Dopo un giorno dalla caduta della crosta il paziente può applicare una crema colorata per nascondere il leggero arrossamento che si forma dopo il trattamento.
La decolorazione della cute normalmente necessita di due sedute la seconda dopo 6 mesi. La durata dell’applicazione della resorcina è sempre di 60 secondi In questa paziente è rimasta solo una piccola area pigmentata nella guancia destra che viene depigmentata con il secondo peeling misto. Il risultato è permanente nel tempo.

Depigmentazione permanente della cute normale del volto nella vitiligine generalizzata, con il peeling timedchirurgico misto

Capurro S. (2022): Depigmentazione permanente della cute normale del volto nella vitiligine generalizzata, con il peeling timedchirurgico misto. https://www.crpub.org

FAQ

Il peeling misto risolve le problematiche della cute normo-pigmentata del volto nei pazienti con vitiligine generalizzata. Quali sono i suoi vantaggi rispetto alle altre metodiche?

• Non esistono metodiche che possono essere confrontate con questa straordinaria tecnica.
• Non esistono metodiche standardizzate in grado di depigmentare la cute in una o due sedute come fa il peeling timedchirurgico misto.
• Non esistono metodiche che agiscono in maniera specifica sui melanociti, come il peeling timedchirurgico misto.
• Non esistono metodiche che agiscono su tutti i punti geometrici della superfice pigmentata come il peeling timedchirurgico misto.
• Non esistono metodiche in cui la sostanza chimica applicata sulla cute integra non ha alcun effetto come nel peeling timedchirurgico misto.
• Non esistono metodiche in cui non c’è bisogno di medicazioni come nel peeling timedchirurgico misto.
• Non esistono metodiche che siano cosi poco tossiche come il peeling timedchirurgico misto.
• Non esistono tecniche e trattamenti così sicuri ed efficaci come il peeling timedchirurgico misto.

Cosa mi dice della ripigmentazione?

Le aree acromiche disepitelizzate sono ripigmentate con innesti di cheratinociti e melanociti autologhi coltivati. Sono trattabili solo i pazienti con vitiligine stabile, piebaldismo, e con aree cicatriziali. Non eseguiamo più questo intervento perché non abbiamo più a disposizione il laboratorio di coltura cellulare.

Cosa avviene se le aree trattate con il peeling misto sono medicate con unguenti o creme?

I peeling misti guariscono sotto crosta. Se si impedisce la formazione della crosta con l’applicazione di creme, unguenti o disinfettanti, il rischio di ritardi e problemi cicatriziali è elevato. La crosta, che si forma in poche ore, protegge la restitutio ad integrum e impedisce le infezioni e ogni altra complicanza.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet