By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

 
 
 
 
 
 
 
 
 

English

20. Upper blepharoplasty after elastic canthopexy

KEYWORDS: Upper blepharoplasty, Timed, rapid pulsed cutting, elastic canthopexy

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

This patient underwent elastic canthopexy to elongate and raise the external angle of her eyes, correct their round appearance, and reduce exposure of the sclera. Raising the eyes increases the amount of drooping skin of the upper eyelids. This defect is eliminated by means of exclusively cutaneous upper blepharoplasty.
Local anesthesia is carried out through a 25 G cannula.
The Timed apparatus (Korpo) is set to the function of rapid pulsed cutting. A 0.08 mm diameter EM10 White electromaniple is used and the power is set to 27 Watts. This special mode of pulsed timedsurgical cutting does not burn the edges of the cut, enables millimetric precision to be achieved and exerts negligible pressure on the tissues.
On completion of the skin incision, the power is increased to 50 Watts and the EM10 White electromaniple is replaced with a 0.15 mm diameter EM10 Gray electromaniple. In the external angle of the lozenge of skin, the electrode tip penetrates a few millimeters more deeply. Removing the tissue avoids the formation of a "dog ear" at the extremity of the suture. The skin is removed superficially; no muscle tissue is removed. Hemostasis is achieved by means of extremely fine-tipped pincers, similar to those used by a watchmaker. The 5-0 nylon spiral suture begins at the lateral extremity of the skin lozenge. Only the skin is sutured. On reaching the end of the lozenge, in proximity to the internal canthus, a portion of thread is left free; this will be knotted with the end of the spiral suture in the contralateral eyelid. In this way, we avoid having to remove knots from edematous tissue. The patient must be careful not to pull the thread, which runs above the nose.
After 3-6 days, the stitches are removed. After the procedure, the patient will be unable to close her eyes by a few millimeters; this indicates that the upper blepharoplasty has been carried out correctly.
The patient now has a more charming look. Her beautiful green eyes prompt us to suggest further rejuvenation of the region through the elimination of her lower eyelid wrinkles. For this purpose, the technique of choice is timedsurgical mixed peeling and de-epithelialization. This procedure is illustrated in the Timedsurgery section of the Medical Video Journal.

Upper Blepharoplasty after Canthopexy

Capurro S. (2021): Upper blepharoplasty after elastic canthopexy. Timedsurgery section. https://www.crpub.org

FAQ

Is it correct to say that the more the canthus is raised during elastic canthopexy, the more evident the excess skin of the upper eyelid becomes?

Yes. The traction and lifting of the external angle of the eyelid make the excess skin of the upper eyelid more visible. This must be explained to the patient before elastic canthopexy is performed and the shape of the eyes is modified. It can easily be corrected by means of upper blepharoplasty.

Do traditional canthopexy procedures also increase drooping of the palpebral skin?

Of course. For this reason, traditional canthopexy is performed together with blepharoplasty. In the case of elastic canthopexy, we prefer to perform blepharoplasty later, not only exerts traction and lifts the external canthus of the eye, but also has the same effect on all the tissues contained within the Isosceles triangle, the base of which is situated at the hairline in the temporal region.

After blepharoplasty, the patient's esthetic appearance can be improved by eliminating wrinkles from the lower eyelids. Is this peeling safe?

Timedsurgical mixed peeling is a physical/chemical treatment that is extremely safe. The chemical solution that is applied after pulsed de-epithelialization of the area is neither acidic nor alkaline. If applied to intact skin, it has no effect; it acts exclusively in the area from which the epidermis has been removed, and causes no damage to the dermis. The only important thing to know is that no ointments, creams or other products must be applied to the treated area. After the procedure, a crust forms in a few hours. Any exudate must simply be dried.

In which regions is mixed peeling carried out?

There are three types of mixed peeling. The mildest is Electroporo-Cosmesis, followed by permeabilization of the epidermis, and then pulsed timedsurgical de-epithelialization. This last technique also finds application in the treatment of the lips, from which it permanently eliminates wrinkles. The mixed peeling procedures are indicated for cleansing and firming up the facial skin and reducing blemishes, and for treating melasma and lateral erythrosis of the neck. On the abdomen or arms, Electroporo-Cosmesis reduces wrinkles and makes the skin more compact. Permeablization is used in non-ablative blepharoplasty and the treatment of patches (face, body and hands).

 

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

20. Blefaroplastica superiore dopo cantopessi elastica

KEYWORD: Blefaroplastica superiore, Timed, taglio pulsato rapido, cantopessi elastica

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

La paziente è stata sottoposta a cantopessi elastica per allungare e sollevare l’angolo esterno degli occhi, ridurre lo scleral show e correggere gli occhi tondi. Sollevando gli occhi aumenta la cute cadente delle palpebre superiori. Questo difetto si elimina con una blefaroplastica superiore esclusivamente cutanea.
L’anestesia locale è eseguita con una cannula 25 G.
Il Timed (Korpo) è programmato sulla funzione di taglio pulsato rapido. L’elettrodo utilizzato è l’EM10 Bianco di 0.08 mm di diametro. La potenza è 27 Watt. Lo speciale taglio timedchirurgico pulsato non ustiona i margini cutanei, consente una precisione millimetrica ed esercita un peso irrilevante sui tessuti.
Completata l’incisione cutanea la potenza è aumentata a 50 Watt e l’elettromanipolo EM10 Bianco è sostituito con l’elettromanipolo EM10 Grigio di 0.15 mm di diametro. Nell’angolo esterno della losanga cutanea ci si approfonda per alcuni millimetri. Il tessuto asportato evita che, all’estremità della sutura, si formi una orecchio di cane (dog ear). La rimozione della cute è superficiale. Non si esegue alcuna asportazione muscolare. L’emostasi si effettua con una pinza con estremità molto sottili, simile alle pinze da orologiaio. La sutura a spirale di nylon 5-0 inizia all’estremità laterale della losanga. Si sutura esclusivamente la cute. Arrivati alla fine della losanga, in prossimità del canto interno, si lascia un tratto di filo che sarà annodato con il filo terminale della sutura a spirale della palpebra controlaterale.
Si evita in questo modo di dover rimuovere nodi in un tessuto edematoso. Al paziente si raccomanda di non tirare il filo che gli passa sopra il naso.
La rimozione dei punti avviene dopo tre - sei giorni. Dopo l’intervento la paziente non chiude gli occhi per alcuni millimetri e questo garantisce la corretta esecuzione della blefaroplastica superiore.
Lo sguardo ora è più fascinoso. I bellissimi occhi verdi ci spingono a suggerire un ulteriore ringiovanimento della regione: l’eliminazione delle rughe della palpebra inferiore. Il peeling timedchirurgico misto con disepitelizzazione è la tecnica di scelta. Il trattamento è visibile nella sezione Timedsurgery del Medical Video Journal.

Upper Blepharoplasty after Canthopexy

Capurro S. (2021): Blefaroplastica superiore dopo cantopessi elastica. Timedsurgery section. https://www.crpub.org

FAQ

Dopo la cantopessi elastica, più si solleva il canto, più si evidenza l’eccesso cutaneo della palpebra superiore, è corretto?

Sì. La trazione e il sollevamento dell’angolo esterno delle palpebre rendono più visibile l’eccesso di pelle delle palpebre superiori. Questo è spiegato al paziente prima di eseguire la cantopessi elastica con modifica della forma degli occhi. La correzione è una semplice blefaroplastica superiore.

L’aumento della caduta della pelle palpebrale avviene anche nelle cantopessi tradizionali?

Certo. Per questo motivo la cantopessi tradizionale si fa insieme alla blefaroplastica. Nella cantopessi elastica preferiamo farla dopo, perché questo intervento non solo traziona e solleva il canto esterno degli occhi, ma ha la stessa azione su tutti i tessuti compresi nel triangolo isoscele, che ha la sua base alla attaccatura dei capelli nella regione temporale.

Dopo la blefaroplastica la paziente può essere esteticamente migliorata con l’eliminazione delle rughe delle palpebre inferiori. È un peeling sicuro?

Il peeling timedchirurgico misto è un peeling fisico/chimico estremamente sicuro. La soluzione chimica che applichiamo dopo la disepitelizzazione pulsata dell’area non è né un acido e neppure una base e, applicata sulla cute integra, non ha alcun effetto. Essa agisce esclusivamente nell’area in cui abbiamo rimosso l’epidermide, senza aver provocato alcuna lesione del derma. L’unica cosa importante da sapere è non applicare sull’area trattata alcun prodotto, unguento o crema. Se c’è essudazione questa deve essere semplicemente asciugata. La crosta si forma dopo poche ore, e dovrà cadere spontaneamente.

In quali regioni si applica il peeling misto?

I peeling misti sono tre. Il più leggero è l’Electroporo Cosmesis, che realizza microfori nella cute, segue la permeabilizzazione dell’epidermide, peeling misto 0.5, in grado di eliminare le macchie cutanee, infine la disepitelizzazione timedchirurgica pulsata che trova applicazione anche sulle labbra, dove elimina in maniera permanente le rughe. I peeling misti sono indicati per la pulizia e compattezza cutanea del volto e per riduzione delle macchie, per il melasma e l’eritrosi laterale del collo. Sull’addome l’Electroporo Cosmesis compatta la cute addominale e riduce le rughe. La stessa azione ha sulle braccia.  La permeabilizzazione è utilizzata per le piccole macchie (viso, corpo e mani) e per la blefaroplastica non ablativa. Il peeling misto con disepitelizzazione è in grado di depigmentare la cute. La disepitelizzazione timedchirurgica pulsata seguita dall’applicazione di cheratinociti e melanociti autologhi coltivati è in grado di ripigmentare le aree acromiche della vitiligine stabile, del piebaldismo e le aree cicatriziali.

 

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet