By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

17. Eliminating dark eye-rings with timedsurgical mixed peeling

KEYWORDS: dark circle, hyperpigmented dark circles, timedsurgical mixed peeling, timedsurgical de-epithelialization, xanthelasma vaporization, Timed apparatus, resorcinol

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Timedsurgical mixed peeling eliminates dark rings from under the eyes. These dark rings are due to an increase of melanin in the dermis, which is sometimes accompanied by dilatation of the blood vessels. This esthetic defect is often congenital and familial.
Mixed peeling is so called because it is a physico-chemical procedure. Before beginning the procedure, the operator uses a dermographic pen to mark out the margins of hyperpigmentation of the lower eyelid.
Local anesthesia is carried out by means of epinephrine. The skin is pierced with a 21G needle. The operator then uses a 25G cannula, 7 cm in length, to distribute the local anesthetic beneath the skin of the entire hyperpigmented area.
Once local anesthesia is complete, a resorcin solution is prepared; a small amount of resorcin powder is placed in a small container and partially dissolved in a small amount of saline solution. After 10 minutes, a syringe is used to aspirate 1ml of this saturated solution, which is then diluted with 1 ml of saline solution, in order to create a 50% resorcin solution.
Pulsed timedsurgical de-epithelialization now begins. The Timed apparatus is set to the specific program: Direct Pulsed 4/9 hundredths of a second, Coag, 1 or 2 Watts, EM10 Yellow (edge of the angle).
With the edge of the angle of the 0.20 mm diameter EM10 Yellow electromaniple, the operator brushes the skin in small circular movements.
The current detaches the epidermis, which is not removed until the electrode has been brushed over the whole area encompassed within the preoperative design. The epidermis is removed with the same electrode, while not activated.
Once the epidermis has been removed, the pigmented dermis can be seen and the xanthelasma becomes more visible. Any fragments of epidermis that remain attached must be brushed again with the activated electrode. There must be no direct contact between the activated electrode and the dermis. Timedsurgical de-epithelialization maintains the integrity of the dermal papillae and the capillary-papillary plexus. This perfect integrity enables the resorcin to be absorbed uniformly.
The resorcin is applied with a cotton-wool bud for about 30 seconds, until a uniform frost is formed; it is then washed off with physiological solution. Mixed peeling is over. The xanthelasma is now vaporized. The Timed apparatus is reprogrammed with the following program data: Direct Pulsed 0.5/24.5 hundredths of a second, Coag, 50 Watts, EM10 Black electromaniple.
The micro-vaporizations precisely destroy the xanthelasma. The resorcin reduces the number of melanocytes and, owing to its potent cross-linking effect, reorganizes the dermal fibers. As a result of the coagulating effect of the solution, a thin crust forms within a few hours. This protects the area against infection and must be allowed to drop off spontaneously. No products need to be applied to the treated area. If there is any exudation, it should simply be dried with a paper tissue.
Pulsed timedsurgical de-epithelialization of the contralateral pigmented area is now performed.
The 50% resorcin solution is applied; after about 30 seconds, it is carefully washed off. The uniform frost is seen. This eyelid also presents a xanthelasma, which is micro-vaporized.
The long-term result of mixed peeling and de-epithelialization of the eyelids is that pigmentation disappears, any vascular ectasias are eliminated, and the roughness of the skin is reduced. This technique is also used to eliminate festoons and wrinkles from the lower eyelids and to reduce "crows' feet".

DARK CIRCLE

Capurro S. (2019): Eliminating dark eye-rings with timedsurgical mixed peeling. Timedsurgery section. https://www.crpub.org

FAQ

By reducing the number of melanocytes, can timedsurgical mixed peeling with resorcin eliminate dark circles definitively?

Yes, this treatment is highly efficacious and very safe. Moreover, the results are permanent. Mixed peeling corrects hyperpigmentation and rejuvenates the lower eyelids. Removing the epidermis enables the resorcin to act on all the geometric points of the treated surface, without any risk. Let's remember that resorcin in an aqueous solution does not have any effect on intact skin.

What other indications for mixed peeling are there in this region?

There are two types of mixed peeling. In the upper eyelid, we use mixed peeling 0.5 with permeabilization of the epidermis. This technique is used to perform nonsurgical upper blepharoplasty; mixed peeling with de-epithelialization, by contrast, is used on the lower eyelid in patients with pigmented or wrinkled skin, palpebral festoons that are difficult to correct surgically, and evident crows' feet. This latter problem can also be treated with intradermal cellular Adipofilling. Mixed peeling to rejuvenate the skin of the lower eyelid is preferably performed in patients with a uniform complexion. If the complexion is not uniform, mixed peeling 0.5 with permeabilization is carried out. This type of peeling is less efficacious but leaves the complexion identical to that of the surrounding area.

We know that cellular Adipofilling can be injected under the fine palpebral skin to restore the correct volume of this region. When is it performed?

The Adipofilling suspension of living adipose and stromal cells can be injected into the dermis, in which case it has no volumetric effect, but exerts a potent regenerative action. Alternatively, it can be injected immediately beneath the skin, in which case it has a delicate volumetric effect. In the palpebral region, it corrects sunken eye-rings and distances the skin from the orbicular muscle, making the palpebral skin look brighter. After eliminating palpebral roughness by means of mixed peeling, we advise patients to undergo subcutaneous cellular Adipofilling in order to complete the rejuvenation of the region. In the treatment of the periocular region, in addition to surgical, transconjunctival and upper blepharoplasty procedures, and to mixed peeling with de-epithelialization and epidermal permeabilization, Adipofilling also has an important role to play.
Another procedure, which we are now refining for the treatment of this region, is canthopexy by means of the elastic thread. This restores the youthful elongated look of the eyes in a few minutes, without intervening directly on the canthus.

Are the program data of the Timed apparatus suitable for all patients?

Of course. These program data are based on real values and are used to perform over 70 standardized applications. The programmable Timed apparatus has been specially designed for the innovative procedures of Timedsurgery (Technique for the Implementation of Measured Electrosurgery Data). The high-frequency current used travels over surfaces at the speed of light. By contrast, light travels in a straight line. This is the main disadvantage of using laser beams in dermatology.

Italian

17. Eliminazione delle occhiaie scure con il peeling timedchirurgico misto

KEYWORD: occhiaie, occhiaie iperpigmentate, occhiaie scure, peeling timedchirurgico misto, disepitelizzazione timedchirurgica, Timed, resorcina, vaporizzazione xantelasma

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Il peeling timedchirurgico misto elimina le occhiaie scure. Le occhiaie scure sono dovute a un aumento di melanina nel derma accompagnato a volte da una dilatazione dei vasi. L’inestetismo è spesso congenito e famigliare.
Prima di iniziare il peeling misto, si chiama così perché è fisico-chimico, si segnano con una penna dermografica i margini dell’iperpigmentazione della palpebra inferiore.
Si esegue un ponfo con un anestetico locale con epinefrina e si buca con un ago 21G la cute. Con una cannula 25G lunga 7 cm si distribuisce l’anestetico locale sotto tutta l’area cutanea iperpigmentata.
Completata l’anestesia locale si prepara la soluzione di resorcina. In un piccolo contenitore si mette una piccola quantità di polvere di resorcina che si scioglie parzialmente con una piccola quantità di soluzione salina. Dopo 10 minuti con una siringa si aspira 1ml di soluzione satura che si diluisce con 1 ml di soluzione salina. Si realizza in questo modo una soluzione di resorcina al 50%.
Inizia la disepitelizzazione timedchirurgica pulsata. Il Timed è regolato con lo specifico programma: Direct Pulsed 4/9 centesimi di secondo, Coag, 1 o 2 Watt, EM10 Giallo (spigolo dell’angolo).
L’operatore sfiora la cute eseguendo piccoli movimenti circolari con lo spigolo dell’angolo dell’elettromanipolo EM10 Giallo di 0.20 mm di diametro.
La corrente stacca l’epidermide che non è rimossa fino a quando l’elettrodo non è passato su tutta la superficie palpebrale compresa nel disegno preoperatorio. L’epidermide è rimossa con lo stesso elettrodo non attivato.
Rimossa l’epidermide si vede il derma pigmentato e appare più visibile lo xantelasma. I frammenti di epidermide che non si staccano devono essere nuovamente sfiorati dall’elettrodo attivato. Nessun contatto diretto ci deve essere tra l’elettrodo attivato e il derma. La disepitelizzazione timedchirurgica mantiene integre le papille dermiche e il plesso capillare papillare. La perfetta integrità dermica consente un assorbimento uniforme della resorcina.
La resorcina è applicata con un bastoncino cotonato per circa 30 secondi, fino alla realizzazione di un frost uniforme, poi è lavata con soluzione fisiologica. Il peeling misto è terminato. Si vaporizza ora lo xantelasma. Si riprogramma il Timed con i seguenti dati di programmazione: Direct Pulsed 0.5/24.5 centesimi di secondo, Coag, 50 Watt, EM10 Nero.
Le microvaporizzazioni distruggono con precisione lo xantelasma.
La resorcina diminuisce il numero dei melanociti e, con il suo potente effetto cross-linking, riorganizza le fibre dermiche. Per il suo effetto coagulativo dopo poche ore, si forma una sottile crosta che deve essere lasciata cadere spontaneamente. La crosta protegge l’area dalle infezioni. Nessun prodotto deve essere applicato sull’area trattata. Se ci sono essudazioni devono essere semplicemente asciugate con un fazzoletto di carta.
Si esegue ora la disepitelizzazione timedchirurgica pulsata dell’occhiaia pigmentata controlaterale.
Si applica la soluzione di resorcina al 50% che si rimuove dopo circa 30 secondi. È visibile il frost uniforme. La resorcina è lavata accuratamente. Anche in questa palpebra è presente uno xantelasma che è microvaporizzato.
Il risultato a distanza di tempo è la scomparsa della pigmentazione, l’eliminazione delle ectasie vascolari non presenti in questo paziente, e la riduzione delle rugosità.
Il peeling misto palpebrale con disepitelizzazione è frequentemente utilizzato per eliminare anche i festoni,le rughe delle palpebre inferiori e per ridurre le zampe di gallina.

OCCHIAIE SCURE

Capurro S. (2018): 3D Blefaroplastica superiore non chirurgica in un solo trattamento con il peeling timedchirurgico misto 0.5. Timedsurgery section. https://www.crpub.org

FAQ

Il peeling timedchirurgico misto con resorcina, diminuendo il numero dei melanociti   corregge in maniera in maniera definitiva il dark circle?

Sì, questo trattamento è molto efficace e sicuro.  I risultati sono permanenti nel tempo. Il peeling misto corregge l’iperpigmentazione e ringiovanisce le palpebre inferiori. L’asportazione dell’epidermide consente alla resorcina di poter agire senza rischi su tutti i punti geometrici della superficie trattata. Ricordo che la resorcina in soluzione acquosa non produce alcun effetto se applicata sulla cute integra.

Quali altre indicazioni ha il peeling misto in questa regione?

Esistono due peeling misti. Utilizziamo il peeling misto 0.5 con permeabilizzazione dell’epidermide nella palpebra superiore. Questo peeling è utilizzato per eseguire la blefaroplastica superiore non chirurgica; il peeling misto con disepitelizzazione è usato nella palpebra inferiore dei pazienti con cute pigmentata o con rughe, festoni palpebrali di difficile correzione chirurgica e zampe di gallina evidenti. Queste ultime possono essere trattate anche con l’Adipofilling cellulare intradermico.  Il peeling misto per ringiovanire la cute della palpebra inferiore è eseguito preferibilmente nei pazienti con incarnato uniforme. Se l’incarnato non è uniforme è possibile utilizzare il peeling misto 0.5 con permeabilizzazione. Questo peeling è meno efficace ma residua un incarnato identico a quello circostante.

L’Adipofilling cellulare sappiamo che può essere iniettato sotto la fine cute palpebrale per ripristinare il volume corretto di questa regione. Quando lo si esegue?

L’Adipofilling di cellule adipose e stromali viventi può essere iniettato nel derma, in questo caso non ha effetto volumetrico ma un potente effetto rigenerativo, oppure può essere iniettato subito sotto la cute. In questo caso ha un delicato effetto volumetrico. Nella regione palpebrale corregge le occhiaie incavate e allontana la cute dal muscolo orbicolare rendendo la cute palpebrale più luminosa. Spesso dopo l’eliminazione delle rugosità palpebrali con il peeling misto consigliamo al paziente l’Adipofilling cellulare sottocutaneo per completare il ringiovanimento della regione. Nel restauro della regione perioculare oltre alle blefaroplastiche chirurgiche, transcongiuntivale e superiore, e ai peeling misti con disepitelizzazione e permeabilizzazione epidermica, anche l’Adipofilling ha un ruolo importante.
Un altro intervento che stiamo mettendo a punto in questa regione è la cantopessi con il filo elastico, che ripristina in pochi minuti gli occhi allungati della gioventù senza dover intervenire direttamente sul canto.

I dati di programmazione del Timed sono adatti a tutti i pazienti?

Certo, i dati di programmazione del Timed si basano su valori reali e realizzano più di 70 applicazioni standardizzate. Il Timed è un apparecchio programmabile appositamente progettato per gli interventi innovativi della Timedsurgery (Technique for the Implementation of Measured Electrosurgery Data). La corrente HF viaggia alla stessa velocità della luce scorrendo sulle superfici. La luce al contrario viaggia rettilinea. Questo è il principale inconveniente dei laser nell’ utilizzo dermatologico.