By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

07. Complete ambulatory removal of a sacro-coccygeal cyst and immediate skin suture

KEYWORDS: Pilonidal sinus surgery, pilonidal cyst, sacro-coccygeal cyst, coccygeal cyst

No laser therapy, curettage, phenol treatment, endoscopic procedures, or procedures that leave an open wound.
Echography yields erroneous indication. A small amount of methylene blue and hydrogen peroxide is injected. This is the solution.
In the event of recurrent infection, pilonidal or sacro-coccygeal cysts must be completely removed, and the skin must be sutured. No curettage, laser therapy, phenol treatment, endoscopic procedures or operations that cause an open wound should be carried out. Indeed, a sacro-coccygeal cyst can be completely removed, and the skin sutured during an ambulatory session, enabling the patient to go home immediately.
The procedure begins with the skin excision; this also encompasses the ostia of the fistulous passages, from which hairs often emerge.
With regard to echography, it should be borne in mind that this examination does not reveal the true dimensions of the chronic inflammatory tissue of the pilonidal cyst. Echography can only provide information on the peripheral fistulous passages that reach the skin. The skin ostia are visible on examination of the region.
In this procedure, the formation is completely removed and the skin is sutured. The results are very good; there are no recurrences and no open skin lesions. To achieve perfect healing, without recurrences, a small quantity of a solution of methylene blue and hydrogen peroxide must be injected into the skin ostium of a fistulous passage. The solution is prepared as follows. First, methylene blue in powder is placed in a container and dissolved in a small amount of physiological solution, and 3% hydrogen peroxide is placed in another container. Then, a 1 mL syringe is used to aspirate 0.3 mL of the hydrogen peroxide, followed by the solution of methylene blue up to a final amount of 0.8 ml.
This solution is injected, without using a needle, into an ostium of the cyst. The hydrogen peroxide in the solution drives the methylene blue into all the branches, staining the pathological tissue blue and enabling it to be distinguished. In this way, the pilonidal cyst can be completely removed. The three ostia of the fistulous passages are encompassed within the skin excision.
Once local barrier anesthesia has been carried out, the skin is incised. The narrow skin flap includes the external apertures, both open and closed, of the sacro-coccygeal cyst. In this patient, there are three.
The operator first uses a scalpel, and then scissors, to isolate the pathological tissue that has been stained by the methylene blue. No blue-stained tissue remains on the walls. The pilonidal cyst, together with its branches, is larger than indicated by the echography. Indeed, the distance between the outlets of the fistulous passages is more than twice the distance evidenced echographically. This means that the echographic image may prompt the operator to perform an excision that is not radical, which would inevitably result in recurrence and make healing slow and difficult. Once the formation has been removed, the operator checks the bottom of the area, which remains pigmented. If any areas of anomalous thickening are noted, they are removed. The operator uses a finger to check the fasciae that cover the bone, which must remain intact. Once the margins of the excision have been checked, subcutaneous suturing is carried out to eliminate the empty spaces. The skin is then sutured by means of simple interrupted stitches. No drainage is required. The patient can immediately return home after being instructed to ensure that the area is kept clean. Healing is perfect.

Complete ambulatory removal

Capurro S. (2022) Complete ambulatory removal of a sacro-coccygeal cyst and immediate skin suture. CRPUB Medical Video Journal. Other techniques section. http://www.crpub.org  

FAQ

This video provides all the elements needed in order to remove a pilonidal cyst correctly and with very good results. What else needs to be said?

Let me repeat that I would never perform this procedure without injecting a small amount (no more than 1 mL) of methylene blue in hydrogen peroxide into the cyst. As can be seen, echography is not reliable; the tissue to be removed must always be highlighted. I may add that it is advisable to shift the skin excision by a few millimeters from the gluteal fold. If an infection is present, I carry out local antibiotic therapy before removing the pilonidal cyst; I do this by inserting clindamycin or teicoplanin or gentamicin, again with 3% hydrogen peroxide, into an ostium of a fistulous passage. When the infection has resolved, the cyst can be removed.
I can also add that this is an extremely easy procedure to perform successfully. Indeed, it always amazes me to see dozens and dozens of publications, complete with tables and statistics, that describe irrational methods that inevitably lead to recurrences, complications and unsightly scars. Nevertheless, the "Nobel Prize" for irrationality must surely go to those phlebologists who treat a three-dimensional pathology by means of two-dimensional techniques (sclerotherapy, phlebectomy, saphenectomy, laser therapy, functional ligature, loctite, etc.)

POST-PUBLICATION REVIEW

 No comments yet

Italian

07. Asportazione completa ambulatoriale di una cisti sacro-coccigea con sutura immediata della cute

KEYWORDS: Pilonidal sinus surgery, cisti pilonidale, cisti sacro-coccigea,  cyst-coccygeal

No laser, no curettage, no fenolo, no interventi endoscopici o che lasciano una ferita aperta.
L’ecografia da indicazioni errate.
Bisogna iniettare una piccola quantità di blu di metilene con acqua ossigenata.
Questa è la soluzione.
Le cisti pilonidali o cisti sacro- coccige, In caso di infezioni recidive, devono essere asportate completamente e la cute deve essere suturata. Non devono essere eseguiti curetage, trattamenti laser o con fenolo, interventi endoscopici o interventi che provocano una ferita aperta. Queste metodiche non devono essere utilizzate perché la cisti sacro-coccigia può essere asportata completamente, la cute suturata e il paziente se ne va subito a casa.
L’intervento inizia comprendendo nell’escissione cutanea anche gli ostei dei tramiti fistolosi da cui spesso escono peli.
Per quanto riguarda l’ecografia è necessario tenere presente che questo esame non fa vedere le reali dimensioni del tessuto infiammatorio cronico della cisti pilonidale, L’ecografia può dare qualche informazioni solo sui tragitti fistolosi periferici che arrivano alla cute. Gli osti cutanei sono visibili con l’esame della regione.
L’intervento che consente di ottenere risultati ottimali, senza recidive o lesioni cutanee aperte, consiste nell’asportazione completa della formazione, seguita da sutura cutanea. Per ottenere una guarigione perfetta, senza recidive è necessario immettere dentro un ostio cutaneo di un tramite fistoloso una piccola quantità di soluzione di blu di metilene con acqua ossigenata. La soluzione si prepara in questo modo: blu di metilene in polvere è messo in un contenitore. La polvere è sciolta con una piccola quantità di soluzione fisiologica. In un altro contenitore si mette acqua ossigenata a dieci volumi. Si aspirano nella siringa da 1 ml, 0,3 ml di acqua ossigenata e si aspira con la siringa la soluzione di blu di metilene fino ad arrivare a 0,8 ml.
Il colorante con acqua ossigenata è immesso senza l’ago, dentro un ostio della cisti. L’acqua ossigenata spinge il blu di metilene in tutte le diramazioni, consentendo di individuare il tessuto patologico, che si colora in blu. In questo modo la cisti pilonidale potrà essere asportata completamente. I tre ostei dei tramiti fistolosi sono compresi nell’escissione cutanea
Eseguita l’anestesia locale a barriera si incide la cute. La stretta losanga cutanea comprende le aperture all’esterno, della cisti sacro-coccigea aperte e chiuse, In questo caso paziente sono tre.
Con il bisturi e, successivamente con le forbici, l’operatore isola il tessuto patologico colorato dal blu di metilene. Sulle pareti non rimane tessuto colorato. Le dimensioni della cisti pilonidale con le sue diramazioni sono maggiori di quanto risulta dall’ecografia. La distanza che c’è tra gli sbocchi dei tramiti fistolosi è più del doppio di quanto segnalato da questo esame. L’ecografia può indurre l’operatore ad eseguire un intervento non radicale che porta inevitabilmente a recidive e a guarigioni lente e difficoltose.Asportata la formazione si controlla il fondo dell’area che rimane pigmentato. Se si notano spessori anomali sono rimossi. L’operatore controlla con un dito le fasce che ricoprono l’osso che devono rimanere integre. Dopo il controllo dei margini dell’escissione si procede alla sutura sottocutanea per eliminare gli spazi vuoti. Si esegue successivamente la sutura cutanea a punti staccati. Non si mette drenaggio. Il paziente torna subito a casa con la raccomandazione di curare la pulizia della regione. La guarigione è perfetta.

Asportazione completa ambulatoriale

Capurro S. (2022) Asportazione completa ambulatoriale di una cisti sacro-coccigea con sutura immediata della cute. CRPUB Medical Video Journal. Other techniques section. http://www.crpub.org  

FAQ

In questa video pubblicazione ci sono tutti gli elementi per eseguire l’asportazione di una cisti pilonidale in maniera corretta e con risultati ottimali. Cosa può ancora aggiungere?

Ribadisco che non farei mai questo intervento senza aver immesso nella cisti sacro-coccigea una piccola quantità di blu di metilene con acqua ossigenata, non superiore a 1 ml. Come si vede l’ecografia non è affidabile per quanto riguarda il tessuto da asportare che deve sempre essere evidenziato. Posso aggiungere che l’escissione cutanea, è conveniente che sia spostata di alcuni millimetri dalla piega glutea. Se c’è infezione in corso, prima di asportare la cisti pilonidale, eseguo una antibioticoterapia locale introducendo in un ostio di un tramite fistoloso Clindamicina o Teicoplanina o Gentamicina sempre con acqua ossigenata al 3%. Quando l’infezione è guarita procedo con l’asportazione.
Posso aggiungere che questo è un intervento estremamente facile da eseguire con successo. Mi stupisco sempre di vedere decine e decine di pubblicazioni, con relative tabelle e statistiche. che descrivono metodiche irrazionali che non portano altro che a recidive, complicanze e orride cicatrici. Comunque la Palma d’oro dell’irrazionalità va certamente ai flebologi che trattano una patologia tridimensionale con metodiche bidimensionali (scleroterapia, flebectomia, safenectomia, laser, legature funzionali, loctite, ecc.)

 

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet