By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

32. Elastic lifting of Marionette Wrinkles

KEYWORDS: marionette lines wrinkles, elastic suture, Jano needle, Elasticum

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

The procedure often requires correction of both excessive mandibular volume and drooping of the cheeks. This latter is corrected by means of elastic MACS lifting, with an incision that stops at the tragus, or, as in this case, by implanting an elastic suspension thread (Elasticum, Korpo) through an incision of a few millimetres. 

A micro-incision made with a n° 11 blade enables the excess subcutaneous fat to be removed by means of liposuction through a 2 mm cannula. Liposuction is carried out in the same direction as the traction. 
Once liposuction has been completed, the incision through which the elastic thread will be implanted in order to lift the cheek is made. 
Having made the incision, the operator uses a Klemmer to create a convenient cavity to house the knot. The Jano needle is then inserted into the incision and the elastic thread EP 3,5 is anchored to the temporal fascia. The thread will form a triangle on the bisector represented by the suspension vector. This patient did not undergo elastic MACS lifting because the skin at the sideburn could not be pinched between two fingers. 
The two-tipped needle has now passed through the temporal fascia. The elastic thread is pulled through. As always, a Klemmer is fixed to the end of the elastic thread. 
The depth marks on the needle are counted. When ½ cm of the tip remains in the tissues, the Jano needle is rotated and travels in the direction of the pre-established point. Slight movements of the needle indicate that the needle has been inserted into the subcutaneous tissue at the correct depth. The Jano needle partially emerges. The elastic thread is pulled through. The two-tipped needle is extracted until the last depth mark becomes visible. The needle is now rotated and travels in the direction of the entry incision, from which it emerges. The two ends of the elastic thread are placed under tension and knotted. The knot is buried in depth by using the tip of the needle-holder. The small incision is sutured. 
An elastic thread is now implanted in order to exert traction perpendicularly to the marionette wrinkles. A 1 cm incision is made behind the lobe of the ear and the skin above the fascia of Loré is dissected with scissors. A retractor is inserted. The two-tipped needle, which has been inserted into the cavity, partially emerges from the preauricular skin. It is then rotated and inclined so as to anchor the elastic thread to the fascia of Loré. The Jano needle now follows the preoperative design. At one point, its pathway is too superficial. It is therefore pulled back and the pathway is corrected. Pinching the skin between two fingers makes it easier to insert the two-tipped needle at the correct depth. The Jano needle partially emerges at the pre-established point of traction and is extracted until ½ cm of the tip remains in the tissues. The retractor is inserted into the dissected cavity and the two-tipped needle travels in the direction of the small entry incision. 
The elastic thread is placed under tension and knotted. The skin incision is sutured. 
The contralateral side is now treated. 
Liposuction has been carried out and an elastic thread has already been implanted at the level of the mandibular angle in order to lift the cheek.
A 1 cm incision is made behind the lobe of the ear and the skin above the fascia di Loré is dissected.
A retractor is inserted into the cavity. The two-tipped needle partially emerges through the preauricular skin and is extracted until ½ cm of the tip remains in the tissues. The Jano needle is rotated and anchors the elastic thread to the fascia of Loré. The thread may be fixed to the fascia of Loré while in view, directly from the incision behind the ear lobe. In this case, the operator must take care to anchor the elastic thread at a distance of 1 mm from the incision. The Jano needle partially emerges at the pre-established point of traction and then returns to emerge from the incision. The elastic threads are knotted and the small incision is sutured. The operation is complete.

31.0

Marionette Lines. Before and after liposuction and elastic suture implant.

 

 

Capurro S. (2015) Elastic lifting of marionette wrinkles. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section. http://www.crpub.org

 

FAQ

The procedures that we have seen improve the lower third of the face in a manner that causes very little trauma. In your opinion, what else can be done in this region?

Numerous procedures can be carried out to treat the lower third of the face; one of these is volumetric revitalisation with 10% or 20% macrolane. This technique, which is performed several times, can elicit an increase in the thickness of the hypotrophic subcutaneous tissue. An even more efficacious technique is Adipofilling, which involves injecting a cellular suspension of adipocytes and stromal cells.
If there are slight bulges and volume discrepancies in the area around the marionette wrinkles, we normally adjust the outlined by means of the timedsurgery Adipolysis technique at 38 Watts (Program data: Direct Pulsed 0,3/5,3, Coag.) . Several micro-tunnels are created – always in the direction of the retraction that we wish to achieve – by means of the partially insulated EM 10 Grey and EM 10 Green Electromaniples. The same programme data are utilized in the reduction of malar pouches, though nowadays these are more frequently corrected through volumetric enhancement of the area.

What is the aim of these procedures?

To restore the triangular shape and the outline of the face. Liposuction eliminates excess volumes, and the subcutaneous retraction that it causes helps to improve the result. It should be borne in mind that the tissues in which the thread is implanted will no longer tend to stretch (as the thread is rapidly transformed into a “ligament”). The threads prevent and delay drooping.

As we have seen, when you have finished suturing, you press the suture with the needle-holder. Why?

To bring the edges together more firmly. To this end, I also advise knotting the suture alternately on one side and then on the other.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

32. Lifting elastico delle Rughe della Marionetta

KEYWORD: rughe della marionetta, sutura elastica, ago a due punte, Jano needle, Elasticum

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Le rughe della marionetta possono essere corrette con una trazione obliqua eseguita con la sutura elastica dotata di ago atraumatico a due punte (Elasticum, Korpo). L’intervento richiede spesso la correzione dell’eccesso volumetrico mandibolare e la correzione della ptosi delle guance. Questa ultima è corretta con un MACS lift elastico, con incisione che si ferma al trago oppure, come in questo caso, con un filo elastico sospensivo impiantato attraverso una incisione di pochi millimetri.
Una microincisione con una lama n° 11 consente la liposuzione con una cannula di 2 mm dell’eccesso sottocutaneo. La liposuzione è effettuata nella direzione della trazione.
Completata la liposuzione si esegue l’incisione per l’impianto del filo elastico di sospensione della guancia.
Eseguita l’incisione l’operatore con una Klemmer crea una comoda cavità per l’alloggiamento del nodo, successivamente introduce nell’incisione il Jano needle e fissa il filo elastico EP 3,5 alla fascia temporale. La sutura formerà un triangolo sulla bisettrice rappresentata dal vettore di sospensione. I tessuti sottocutanei compresi nella sutura saranno sollevati. La paziente non è stata sottoposta a MACS lift elastico perché la cute alla basetta non è risultata pinzabile tra due dita.
L’ago a due punte ha attraversato la fascia temporale. Il filo elastico è ritirato. Una Klemmer, come sempre, è fissata all’estremità del filo elastico.
Si contano le tacche di profondità. Quando rimane ½ cm di punta nei tessuti il Jano needle ruota e si dirige in direzione del punto prefissato. Piccoli movimenti dell’ago segnalano la correttezza della profondità di inserimento nel tessuto sottocutaneo. Il Jano needle esce parzialmente. Il filo elastico è ritirato. L’ago a due punte estratto fino all’ultima tacca ruota e si dirige in direzione dell’incisione di ingresso dove esce. I due capi del filo elastico sono trazionati e annodati. Il nodo è affondato in profondità con la punta del portaaghi. La piccola incisione è suturata.
Si passa ora all’impianto del filo elastico di trazione perpendicolare alle rughe della marionetta. Si esegue una incisione di 1 cm dietro il lobo dell’orecchio e si scolla con le forbici la cute sopra la fascia di Loré. Si inserisce un divaricatore. L’ago a due punte, inserito nella cavita, esce parzialmente dalla cute preauricolare, successivamente è ruotato e inclinato in maniera da fissare il filo elastico alla fascia di Loré. Il Jano needle ora segue il disegno preoperatorio. In un punto il suo decorso è troppo superficiale. L’ago a due punte è ritirato e il suo percorso corretto. Il pinzamento della cute tra due dita facilita l’inserimento dell’ago a due punte alla corretta profondità. Il Jano needle esce parzialmente nel punto di trazione prefissato ed è estratto fino a quando rimane ½ cm di punta nei tessuti. Si introduce nella cavità scollata il divaricatore e si dirige l’ago a due punte in direzione della piccola incisione di ingresso.
Il filo elastico è trazionato e annodato. L’incisione cutanea è suturata.
Si interviene ora nel lato controlaterale.
Ė stata eseguita la liposuzione ed è già stato impiantato il filo elastico di trazione della guancia a livello dell’angolo mandibolare.
Si esegue l’incisione di 1 cm dietro il lobo dell’orecchio e lo scollamento della cute sopra la fascia di Loré.
Un divaricatore è introdotto nella cavità. L’ago a due punte esce parzialmente attraverso la cute preauricolare ed è estratto fino a quando rimane ½ cm di punta nei tessuti. Il Jano needle è ruotato e fissa il filo elastico alla fascia di Loré. Il fissaggio del filo alla fascia di Loré può essere fatto anche a vista, direttamente dall’incisione dietro il lobo dell’orecchio. In questo caso l’operatore deve avere l’avvertenza di fissare il filo elastico a una distanza di 1 cm dall’incisione. Il Jano needle esce parzialmente nel punto di trazione prefissato e ritorna uscendo dall’incisione. I fili elastici sono annodati, la piccola incisione è suturata. L’intervento è terminato.

31.0

Rughe della marionetta. Prima e dopo liposuzione e impianto della sutura elastica.

 

Capurro S. (2015) Lifting elastico delle rughe della marionetta. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery section. http://www.crpub.org


FAQ

Le procedure che abbiamo visto migliorano il terzo inferiore del volto con un intervento veramente poco traumatico. Cosa altro si può fare, secondo lei in questa regione?

Numerose procedure possono essere utilizzate nel terzo inferiore del volto tra queste i filler o la rivitalizzazione volumetrica con macrolane 10% o 20%. Questa metodica, ripetuta più volte, può stimolare un aumento dello spessore del tessuto ipotrofico sottocutaneo. Una tecnica più efficace ancora è l’Adipofilling, l’iniezione di una sospensione cellulare di adipociti e cellule stromali.
Se vi sono piccole sporgenze e discrepanze volumetriche nell’area delle rughe della marionetta, normalmente aggiustiamo il contorno con una tecnica della timedchirurgia: l’Adipolisi. Si eseguono numerosi tunnel sempre nella direzione della retrazione che si desidera ottenere utilizzando un elettromanipolo parzialmente isolato EM 10 Grigio e EM10 Verde e una potenza di 38 Watt pulsata 0.3/5.3, nella funzione di Coag. La stessa programmazione è utilizzata nella riduzione delle borse malari, anche se oggi queste sono più frequentemente corrette con un aumento volumetrico dell’area.

Quale è l’obiettivo di questi interventi?

Ripristinare la triangolarità del volto e un contorno regolare. La liposuzione elimina i volumi eccessivi, la retrazione sottocutanea da essa provocata contribuisce a migliorare il risultato. L’Adipolisi timedchirurgica può perfezionare, se è necessario, il risultato. Le cellule adipose e stromali o l’acido ialuronico crosslinkato regolarizzano i contorni.
Bisogna tenere presente che i tessuti dove è impiantato il filo (che si trasforma rapidamente in un “legamento”) non tenderanno più ad allungarsi. I fili prevengono e ritardano l’invecchiamento gravitazionale.

Abbiamo visto che dopo aver terminato una sutura la schiaccia con il portaaghi, perché?

Per avere un migliore accostamento dei margini. A tale scopo consiglio anche di annodare la sutura cutanea alternativamente su un margine e l’altro.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet