By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

10. Elastic MACS and Neck Lift in Men

KEYWORDS: Elastic MACS lift, Elastic neck lift, atraumatic two-tipped needle, elastic thread

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

This patient requested an Elastic MACS lift (Minimal Access Cranial Suspension–lift) and an Elastic neck lift.
The new elastic thread (Elasticum®, Korpo srl) enables vertical face-lifting with minimal blunt dissection and neck-lifting without blunt dissection to be carried out simultaneously. This ambulatory procedure is performed under local anaesthesia.
The operation begins with liposuction of a small amount of fat from the submental region.
An incision is then made around the sideburn, which has previously been shaved back by 1 cm. The incision is undulated and forms a loop that extends to the preauricular region. In the area of the sideburn, the scalpel is inclined so as not to damage the hair bulbs. Blunt dissection, which is much less ample than in traditional MACS lift procedures, is carried out immediately beneath the hair bulbs. Blunt dissection is started with the scalpel and terminated with scissors.
On completion of blunt dissection, a demographic pen is used to mark out the points where the elastic thread is to be inserted; these points are located at 1.5 cm and 3.5 cm from the preauricular fold, on a line running from below the earlobe to the corner of the mouth.
The elastic thread (Elasticum® EP3,5 USP 0 Jano needle® 115 mm) is anchored to the deep temporal fascia. The atraumatic two-tipped Jano needle® is inserted into the subcutaneous tissue and travels towards the pre-established point. The needle emerges about 1 cm beyond the point and the elastic thread is pulled through. The two-tipped needle is extracted until the extremity of the posterior tip is about 1 cm from the point of emergence. The posterior tip now becomes anterior and the needle travels in the direction of the entry point of the thread, in the deep temporal fascia. Before cutting the thread, the operator checks that appropriate traction is being applied. The second elastic thread is now implanted. The two-tipped needle passes through the deep temporal fascia. The Jano needle® now travels in the direction of the second point of anchorage. Slight up-and-down movements of the needle-tip enable the operator to ensure that the pathway of the needle is not too superficial. The tip of the needle emerges just beyond the point marked previously, and the elastic thread is pulled through. The needle is extracted up to the last depth-mark. The posterior tip becomes anterior and the needle travels towards the entry point of the thread. The operator's assistant draws the tissues together and the two elastic threads are knotted. The excess skin is evident.
The contralateral region is now treated. The limited blunt dissection is clearly visible. The Jano needle® passes through the deep temporal fascia and travels towards the pre-established point. The tip of the needle emerges and the thread is pulled through. When the posterior tip is about 1 cm from the point of emergence, it becomes anterior and the needle travels in the direction of the entry point of the thread in the deep temporal fascia. The two ends of the elastic thread are secured by means of a Klemmer. The second Elasticum® thread is implanted. The Jano needle® passes through the deep temporal fascia and travels towards the pre-established point, where it partially emerges. The elastic thread is pulled through. The two-tipped needle now returns in the direction of the entry point in the deep temporal fascia. The edges of the incision are held together and the threads are knotted.
Elastic neck lifting is now carried out. The 16.5 cm two-tipped needle (Elasticum® EP3,5 USP 0 Jano needle® 165 mm) passes through the preauricular fascia of Loré, which provides a firm anchorage for the elastic thread. The two-tipped needle is inserted into the subcutaneous tissue and follows the line of the cervicomandibular angle drawn on the neck. Anaesthesia has been carried out exclusively along this line. The two-tipped needle emerges along the line, while the extremity of the posterior tip again remains inside the tissues. The Jano needle is rotated through 180° and the posterior tip, which has now become anterior, continues along its pathway in the deep portion of the cervicomandibular angle. The tip of the Jano needle once again emerges along the line drawn and the elastic thread is pulled through. The needle is withdrawn until the extremity of the posterior tip is less than 1 cm from the surface. In this phase, the operator must take care not to extract the two-tipped needle completely; if this happens, implantation of the elastic thread will have to be repeated from the beginning. The two-tipped needle is now rotated and continues along its pathway towards the preauricular fascia, where the thread is anchored. The needle now returns in the opposite direction, again passing through the fascia of Loré. The return pathway is parallel to the first one and about 5 mm from it, in this case above it. The tip of the Jano needle emerges from the skin and is partially extracted. The elastic thread is pulled through. When the posterior tip is less than 1 cm from the point of emergence, the needle is rotated through 180°. The posterior tip becomes anterior and the needle continues along its pathway. Again, the needle emerges and the thread is pulled through. After rotating through 180°, the Jano needle terminates its pathway at the same point where it entered, in the preauricular fascia of Loré. The elastic thread is now placed securely under tension and knotted.
In traditional procedures, the threads that pass through the neck are anchored to the mastoid. Anchoring a thread to the fascia of Loré, in a position anterior to the ear, is innovative and has two advantages: firstly, the lifting effect is more vertical; secondly, the thread does not interfere with breathing or cause a feeling of constriction. Moreover, the elastic thread itself has the advantages of not cutting into the tissues, of maintaining constant elastic traction and of being rapidly transformed into a suspensive ligament.
The excess skin is gripped with Pitanguy forceps and removed. The wound is then closed by suturing the skin in layers.
The result is optimal: the neck is perfectly defined and the face is rejuvenated; one week later, there is no ecchymosis, but only slight swelling at the site of liposuction and in the two small areas of blunt dissection.

10.0

Result of Elastic MACS lift and simultaneous Elastic neck lift, after one and four weeks.

Capurro S., Rava C., Berlanda M.(2010): Elastic MACS and neck lift in men. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery. http://www.crpub.org

FAQ

Is the operation carried out under local anaesthesia without sedation?

In this case, yes.

What is the difference between elastic neck-lifting in men and in women?

Practically none. In men, the Jano needle is rotated three times because a man's neck has a larger surface area than a woman's.

What are the advantages of such minimal blunt dissection?

The procedure is not very invasive; skin trophism is preserved as much as possible; the thread is not under tension; possible complications are extremely rare; the procedure is ambulatory and does not require hospitalisation.

Which elastic threads are used?

For elastic MACS lifting: REF E3,5J1.3R115 (ELASTICUM® EP3,5 USP0+ Jano needle 115 mm); for elastic neck lifting: REF E3,5J1.5R165 (ELASTICUM® EP3,5 USP0+ Jano needle 165 mm).

POST-PUBLICATION REVIEW

In video publication (10) an incision has been made in front of the lower portion of the ear. We regard this as unnecessary and to be avoided. In recent elastic MACS lift procedures, the incision runs around the lowest portion of the sideburn and stops at the tragus, and dissection extends only slightly beyond the zygomatic arch. Through this incision, a subcutaneous tunnel is created immediately above the fascia of Loré. The fascia of Loré is about 2 cm thick and constitutes an area of secure anchorage for the elastic threads used in neck lifting and lifting to treat “puppet” wrinkles. (30/07/15)

Italian

10. Elastic MACS e Neck lift nell’uomo

KEYWORDS: Elastic MACS lift, Elastic neck lift, atraumatic two-tipped needle, elastic thread

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Il paziente ha richiesto un Elastic MACS lift (Minimal Access Cranial Suspension–lifts) e un Elastic Neck lift.
Con la nuova sutura elastica (Elasticum®, Korpo srl) è possibile realizzare contemporaneamente un face lift verticale con minimo scollamento dei tessuti e un lifting del collo senza scollamento. L’intervento è ambulatoriale, in anestesia locale.
S’inizia con la liposuzione di una piccola quantità di grasso nella regione sottomentoniera.
Si esegue quindi l’incisione intorno alla basetta, nell’area in precedenza rasata per un centimetro. L’incisione è ondulata. Il taglio fa un’ansa e prosegue nella regione preauricolare. Nella basetta il bisturi è inclinato per non ledere i bulbi piliferi. Lo scollamento, molto ridotto rispetto ai MACS lift tradizionali, è eseguito subito sotto i bulbi piliferi. S’inizia lo scollamento con il bisturi e si termina con le forbici.
Completato lo scollamento, si marcano con una penna dermografica i punti, dove sarà eseguita la sospensione con il filo elastico, rispettivamente a 1,5 cm e a 3,5 cm dalla piega preauricolare, su una linea che parte sotto il lobo dell’orecchio e arriva all’angolo della bocca.
La sutura elastica (Elasticum® EP3,5 USP 0 Jano needle® 115 mm) è fissata alla fascia temporale profonda. L’ago atraumatico a due punte Jano needle® è introdotto nel tessuto sottocutaneo e diretto verso il punto prefissato, che oltrepassa di circa 1 cm. La punta del Jano needle fuoriesce e il filo elastico è ritirato. L’ago a due punte è estratto fino a quando l’estremità della punta posteriore è a 1 cm dal foro di uscita. La punta posteriore diventa ora anteriore e l’ago è diretto nella direzione del punto d’ingresso del filo elastico, nella fascia temporale profonda. Controllata la trazione, si taglia il filo. S’impianta ora la seconda sutura elastica. Si attraversa con l’ago a due punte la fascia temporale profonda. Il Jano needle® è diretto ora nella direzione del secondo punto di fissaggio. Piccoli movimenti dall’alto verso il basso ci fanno comprendere che l’ago non ha un decorso troppo superficiale. La punta dell’ago fuoriesce dopo il segno prefissato. Il filo elastico è ritirato. L’ago è estratto fino all’ultima tacca. La punta posteriore diventa anteriore ed è diretta verso il punto d’ingresso del filo. L’Aiuto avvicina i tessuti e le due suture elastiche sono annodate La cute in eccesso è evidente.
Si passa ora nella regione controlaterale, è ben visibile lo scollamento limitato. Il Jano needle® attraversa la fascia temporale profonda. L’ago a due punte si dirige verso il punto di sospensione prefissato. La punta fuoriesce e il filo è ritirato. Quando la punta posteriore è a 1 cm dal foro di uscita, l’ago ritorna indietro con la punta posteriore, in direzione del punto d’ingresso del filo nella fascia temporale profonda. I due capi della sutura elastica sono fermati con una Klemmer. S’impianta il secondo Elasticum®. Il Jano needle® attraversa la fascia temporale profonda e si dirige verso il punto prefissato, dove esce parzialmete. Il filo elastico è ritirato. L’ago a due punte ritorna indietro in direzione del punto d’ingresso nella fascia temporale profonda. La ferita è tenuta avvicinata e le suture sono annodate.
Si esegue ora l’Elastic Neck lift. L’ago a due punte, lungo 16,5 cm (Elasticum® EP3,5 USP 0 Jano needle® 165 mm) attraversa la fascia preauricolare di Loré che rappresenta un robusto punto di fissaggio del filo elastico. L’ago a due punte, introdotto nel tessuto sottocutaneo, segue la linea dell’angolo cervico-mandibolare disegnata sul collo. L’anestesia è stata eseguita esclusivamente su questa linea. L’ago a due punte fuoriesce lungo il disegno, mantenendo l’estremità della punta posteriore sempre nei tessuti. Il Jano needle ruota di 180° e con la punta posteriore, che diventa anteriore, continua il suo decorso nella porzione profonda dell’angolo cervico-mandibolare. La punta del Jano needle esce nuovamente lungo la linea disegnata. Il filo elastico è ritirato. L’ago è estratto fino a quando l’estremità della punta posteriore è a meno di 1 cm dalla superficie. In questa fase è necessario un po’ d’attenzione perché se si estrae completamente l’ago a due punte, è necessario ripetere l’impianto del filo elastico dall’inizio. L’ago a due punte adesso ruota e continua il suo decorso verso la fascia preauricolare, dove si fissa e torna indietro, attraversando nuovamente la fascia di Loré. Il percorso di ritorno è parallelo all’andata ma spostato di circa 5 mm, in questo caso verso l’alto. La punta del Jano needle fuoriesce dalla cute. L’ago è parzialmente estratto, il filo elastico è ritirato. Quando la punta posteriore è meno di 1 cm dal foro di uscita l’ago è ruotato di 180°. La punta posteriore diventa anteriore e l’ago a due punte continua il suo percorso. L’ago fuoriesce nuovamente e il filo è ritirato. Dopo aver ruotato di 180° il Jano needle termina il suo percorso dove è entrato, nella fascia preauricolare di Loré. Il filo elastico è ora messo bene in tensione e annodato.
Gli interventi tradizionali che utilizzano fili passanti nel collo descrivono il fissaggio degli stessi alla mastoide. L’attacco anteriore all’orecchio, alla fascia di Loré di un filo passante è una novità, e ha il vantaggio di avere una maggiore verticalità sospensiva e di non causare disturbi respiratori e sensazione di costrizione. Il filo elastico a sua volta ha il vantaggio di non tagliare i tessuti e di mantenere una trazione elastica fino alla sua rapida trasformazione in un legamento sospensivo.
L’eccesso cutaneo è marcato utilizzando la pinza di Pitanguy, la cute è asportata e suturata in più strati.
Il risultato è ottimale, il collo è perfettamente definito, il volto ringiovanito, a una settimana di distanza non ci sono ecchimosi, ma solo un leggero edema, dove è stata eseguita la liposuzione e nelle due piccole aree scollate.

10.0

Risultato dell’elastic MACS lift e del contemporaneo Elastic Neck lift dopo una e quattro settimane.

Capurro S., Rava C., Berlanda M.(2010): Elastic MACS e neck lift nell'uomo. CRPUB Medical Video Journal. Elastic Plastic Surgery. http://www.crpub.org

FAQ

L’intervento è stato effettuato in anestesia locale senza sedazione?

Sì.

Quale è la differenza tra un Neck lifting elastico nell’uomo e nella donna?

In pratica non c’è differenza. Nell’uomo il Jano needle è ruotato più volte poiché il collo maschile ha una superficie maggiore del collo femminile.

Quali sono i vantaggi di uno scollamento limitato?

La procedura è poco invasiva; il trofismo dei tessuti cutanei è preservato quanto più possibile; gli interventi sono ambulatoriali; le complicanze rare.

Che fili elastici sono usati?

Per il MACS lift elastico: REF E3,5J1.3R115 (ELASTICUM® EP3,5 USP0+ Jano needle 115 mm. Per il lifting elastico del collo: REF E3,5J1.5R165 (ELASTICUM® EP3,5 USP0+ Jano needle 165 mm.

POST-PUBLICATION REVIEW

Nella pubblicazione video (10) è stata eseguita un’incisione davanti alla porzione inferiore dell’orecchio che oggi riteniamo non necessaria e da evitarsi. Nei recenti MACS lift elastici l’incisione circonda la porzione più bassa della basetta e si ferma al trago e lo scollamento supera di poco l’arcata zigomatica. Attraverso questa incisione, si realizza un tunnel sottocutaneo subito sopra la fascia di Lorè. La fascia di Lorè ha uno spessore di circa 2 cm e rappresenta una area di fissaggio sicura dei fili elastici utilizzati nel lifting del collo e nel lifting delle rughe della marionetta. (30/07/15)