By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

07. Subcutaneous volumetric Adipofilling® and intradermal regenerative Adipofilling® for the treatment of wrinkles and aged skin

KEYWORDS: Adipofilling®, lipofilling, living adipocytes and stromal cells, skin rejuvenation, wrinkle removal, Adipopimer®, regenerative cell suspension, Parry Romberg

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

The lobular fat used in Adipofilling is preferably aspirated through a 4 mm diameter cannula. Local anesthesia uses a modified Klein solution: mepivacaine and epinephrine in a lactate Ringer solution. Liposuction is rapid. The lipoaspirate is washed with lactate Ringer in a flask equipped with a tap until the washing liquid becomes clear. Washing minimizes any residual anesthetic and epinephrine and any traces of blood. The washed lipoaspirate is poured into a beaker. A quantity of lactate Ringer equal to a third of the lipoaspirate is added. The presence of the Ringer solution enables the aspiration vortex created by the Adipopimer (Korpo srl, Italy) to fragment the lobular fat without damaging the biological material.
The lobules of aspirated fat.
The Adipopimer is immersed into the washed lipoaspirate and then switched on. The aspiration vortex fragments the lobules. In a few seconds, the lobules are reduced to tiny fragments of adipose tissue, which take root more easily.
About a third of this fragmented lipoaspirate is poured into the second beaker. On the glass wall of the beaker, we can see fragments of the lipoaspirated lobules which will be injected into the subcutaneous tissues in order to carry out volumetric Adipofilling.
This already fragmented material in the second beaker is now fragmented further by means of the Adipopimer, in order to create a suspension of living adipose and stromal cells, which has a mainly regenerative function.
On tilting the beaker, a uniform transparent layer of single cells appears.

 

7.1

 

Two suspensions have been prepared from the lobular fat: one containing fragments of adipose tissue; the other containing single cells. The operator now prepares four 20 ml syringes equipped with stoppers. The two syringes into which the suspension of single cells is to be poured are marked with a steri-strip. The volumetric suspension will be poured into the other two syringes, which are unmarked.
All four syringes are centrifuged at 400 RPM for 4 minutes (17 RCF). After centrifugation, the Ringer solution remains at the bottom of the syringe. Immediately above this, we see the layer of stromal cells, and then the heavier adipocytes; the lighter adipocytes are visible above these. Finally, at the top, a thin layer of oil forms; this shows that the procedure has not damaged the adipocytes.
With the aid of a finger, the operator eliminates the lactate Ringer solution, taking care not to allow the stromal cells to escape; these cells include the stem cells.
The suspension of living adipose and stromal cells is expelled into a beaker by pressing the plunger of the syringe. The thin layer of oil, about ½ ml, remains in the syringe. The operator then shakes the beaker to redistribute the stromal cells throughout the suspension; when the two components of the adipose tissue are both uniformly distributed in the suspension, greater efficacy is achieved. The cell suspension is now transferred to a 20 mL syringe. By means of a connecting tube, 1 mL Luer Lock syringes are filled. The suspension of single cells can be injected into the subcutaneous tissues of the most delicate areas or into the dermis, and exerts a powerful, exclusively regenerative action. Alternatively, it can be added to the volumetric suspension of tiny fragments of adipose tissue, in order to enhance rooting.
The lactate Ringer solution is now removed from the two syringes containing the volumetric suspension. The suspension is shaken in the beaker and then poured into a 20 mL syringe. From here, it is transferred to small syringes.
Some results.
A rare case of bilateral Parry-Romberg syndrome after three sessions of Adipofilling.
Hypertrophy of the inferior third of the face and a receding forehead: corrected by means of two Adipofilling sessions.
Hypertrophy of the cheeks after one session of Adipofilling.
Hypertrophy of the face after two sessions of Adipofilling.
The fact that the fragments of the fat lobules are extremely small means that the volumetric solution can be injected through a thin cannula into the subcutaneous tissues of the most delicate areas, such as the palpebral region. This region can be filled, if it is indented, or its surface can be regenerated by grafting a thin layer of fine fragments of adipose tissue.
Adipofilling can correct noses that have undergone several surgical procedures.
It can enhance the volume of the breasts or make them symmetrical.
Adipofilling rejuvenates the backs of aged hands.
In three sessions, Adipofilling has proved able to eliminate the pain caused by chronic radiodermatitis with exposure of three vertebrae.
Adipofilling with living adipose and stromal cells minimizes stretchmarks. The result one year after injection.
Adipofilling is frequently used in combination with Elastic Plastic Surgery. An elastic thread is used to conize the breast, and the apex of the mammary cone is filled with fragmented adipose tissue.
Elastic lifting of the eyebrows and the temporal region is carried out without skin dissection, through an incision of a few millimeters at the hairline.  Once elastic lifting of the eyebrows has been completed, the wrinkles of the forehead are reduced by injecting the regenerative cell suspension into the dermis with a 25 G needle.
The suspension of living adipose and stromal cells does not function as a filler; rather, it exerts a regenerative effect on the tissues. This effect is directly proportional to the amount of suspension injected. This can be seen on observing the photographs and videos; where a larger amount is injected, the wrinkles disappear.
The volumetric suspension is now injected into the temporal fossae and the forehead, in order to make it more convex. Injection is carried out through a 21 G cannula.
Although the forehead and the temporal regions are of great esthetic importance, they are often neglected. Adipofilling can reduce or eliminate wrinkles, make the forehead convex, and correct the irregularities of the frontal bones that are manifested over the years as the skin becomes thinner. Filling the temporal fossae eliminates the emaciated appearance that is typical of the elderly face; it also enhances the shape of the eyes and tends to exert a lifting effect on the cheeks and neck. This lifting effect is more marked if Adipofilling is also performed in the more lateral regions of the face.

 

7.2 

The regenerative suspension of living adipose and stromal cells is injected intradermally into neck wrinkles and even into large areas where the skin is aged or damaged by exposure to the sun. Intradermal cellular Adipofilling can be used to rejuvenate: the glabella, the lips and the areas around the mouth; and, on the body, stretchmarks and deteriorated skin on the arms. All facial and bodily scars can be improved by means of intradermal cellular Adipofilling. In extensive areas, barrier anesthesia can be carried out with an anesthetic solution.
After 20 days, the result of intradermal regenerative Adipofilling of the neck is clearly visible. This result is stable over time.  
Our innovative research has enabled wrinkles to be eliminated and aged skin to be made youthful once again.

 

Capurro S. (2018): Subcutaneous volumetric Adipofilling® and intradermal regenerative Adipofilling for the treatment of wrinkles and aged skin.  CRPUB Medical Video Journal. Adipofilling section. //www.crpub.org

FAQ

Can the two main suspensions, which have different granulometry, be obtained by activating the Adipopimer for a set number of seconds?

To obtain the volumetric suspension, the Adipopimer is activated for 4 seconds; for the regenerative suspension, it is activated for 15 seconds. However, the granulometry obtained must always be checked by tilting the beaker, because the consistency and volume of the adipose lobules may vary from one patient to another. In addition, quantities of more than 100 mL of lipoaspirate may require a longer duration of fragmentation.

Are there any limits to the rejuvenating effect on the skin and to the elimination of wrinkles?

This technique is new and its limits are not yet clear. What is clear, though, is that the living adipose and stromal cells injected into the dermis exert the most powerful regenerative action known to date.

What advantages does Adipofilling have over the techniques of nanofat, microfat, etc?

Lipoaspiration is quicker; fragmentation of the biological material is atraumatic and rapid; the granulometry (tiny fragments of adipose tissue or a suspension of single cells) can be selected; the vitality of the adipocytes and stromal cells is maintained; and large quantities of lipoaspirate can be processed in a few seconds.
Moreover, it should be borne in mind that small-caliber cannulas damage the adipocytes; indeed, everything (except water) that touches the adipocytes will damage them.

So, doesn't that mean that the Adipopimer damages the adipocytes?

No. The adipocytes and stromal cells are separated by means of the aspiration vortex created by the Adipopimer. A volume of one third of lactate Ringer solution must be added to the washed lipoaspirate; this enables the vortex to separate the adipose tissue first into fragments, and then, after more prolonged fragmentation, into single cells.
Following centrifugation at 400 RPM (17RCF G), the cell suspension is topped by an extremely thin layer of supernatant oil, which demonstrates that the adipocytes remain intact.
Indeed, a smear of the cell suspension will show intact adipocytes. I advise anyone who performs micro-fat and nano-fat techniques to carry out this extremely simple examination. I believe it's useful to examine under the microscope what we inject. I think Tonnard did this with nanofat obtained from multiple filtration. Nanofat does not contain living adipocytes. Personally, I would never inject it. Injecting a pulp that does not contain adipocytes will not have any significant or lasting effect. Living adipocytes are essential, as they produced numerous substances that favor tissue regeneration.

What can you say about the use of an open system; is there any risk of infection?

We've always wondered why, in the hundreds of Adipofilling procedures that we have performed in the Department of Plastic and Reconstructive Surgery and the Burns Unit of San Martino regional hospital in Genoa, we have never had a single case of infection. We now know the answer; the adipocytes secrete potent antimicrobial substances, including the peptide cathelicidin.

We've seen the extraordinary result of intradermal Adipofilling. After only 20 days, the wrinkles had disappeared and a large area of elastosis and scarring had improved. It looks like a different neck…

Intradermal Adipofilling with living cells is extremely efficacious. We now propose to study the changes that occur in skin that is rejuvenated by means of this technique. The adipose and stromal cells injected into the dermis do not exert a volumetric effect; their effect is regenerative. In order to eliminate wrinkles, it is necessary to inject a quantity of cell suspension that extends well beyond the wrinkle itself.
Regenerative Adipofilling is a very important means of rejuvenating our patients' skin, and opens up a new era. Anyone who understands this can achieve previously unattainable results.

Adipofilling is known to eliminate orthopedic pains…

Yes. There's a whole world yet to discover.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

07. Adipofilling® volumetrico sottocutaneo e Adipofilling rigenerativo intradermico, per il trattamento delle rughe e della cute invecchiata

KEYWORDS: Adipofilling®, lipofilling, adipociti e cellule stromali viventi, ringiovanimento cutaneo, eliminazione delle rughe, Adipopimer®, sospensione cellulare rigenerativa, Parry Romberg

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Nell’Adipofilling il grasso lobulare è aspirato preferibilmente con una cannula di 4 mm di diametro. L’anestesia locale è una soluzione di Klein modificata: mepivacaina e epinefrina in una soluzione di Ringer lattato.  La lipoaspirazione è rapida. Il lipoaspirato è lavato con il Ringer lattato in una beuta dotata di rubinetto, fino a quando il liquido di lavaggio non diventa chiaro. Il lavaggio riduce l’anestetico e l’epinefrina ed elimina il sangue se presente. Il lipoaspirato lavato è versato in un beaker. È aggiunta una quantità di Ringer lattato pari a un terzo del lipoaspirato. La presenza della soluzione di Ringer consente al vortice aspirativo creato dall’Adipopimer (Korpo srl, Italia) di frammentare il grasso lobulare senza lesionare il materiale biologico.
I lobuli del grasso aspirato.
L’Adipopimer è immerso nel lipoaspirato lavato e, successivamente, messo in funzione. Il vortice aspirativo frammenta i lobuli. Pochi secondi di azionamento sono riducono i lobuli adiposi in piccoli frammenti di tessuto adiposo di più facile attecchimento.
Un 30% del lipoaspirato frammentato è versato nel secondo beaker.  Sul vetro del Beaker sono visibili i frammenti dei lobuli lipoaspirati che saranno iniettati nei tessuti sottocutanei per realizzare l’Adipofilling volumetrico.
L’Adipopimer frammenta ora, nel secondo beaker, il materiale già frammentato realizzando una sospensione di cellule adipose e stromali viventi con funzione prevalentemente rigenerativa.
Sul vetro del Beaker inclinato appare uno strato di cellule singole, trasparente e uniforme.
Realizzate le due granulometrie derivate dal grasso lobulare, la granulometria di frammenti di tessuto adiposo e quella di cellule singole, l’operatore prepara le siringhe da 20 ml con un tappo e segna con uno steri-strip le due siringhe dove verserà la sospensione cellulare. In altre due siringhe non contrassegnate verserà la sospensione volumetrica.
Le quattro siringhe sono centrifugate a 400 RPM per 4 minuti (17 RCF). Dopo la centrifugazione la soluzione di Ringer è in basso, subito sopra si vede lo strato di cellule stromali poi gli adipociti più pesanti, gli adipociti più leggeri e infine in alto un sottile strato di olio che dimostra che la procedura non ha danneggiato gli adipociti.
Con l’aiuto di un dito l’operatore elimina il Ringer lattato stando attento a non far uscire le cellule stromali, che comprendono le cellule staminali.
La sospensione di cellule adipose e stromali viventi è versata in un Beaker, spinta dallo stantuffo della siringa. Nella siringa rimane il sottile strato l’olio, circa ½ ml. Dopo aver versato nel Beaker la sospensione, l’operatore muovendo il Beaker ridistribuisce le cellule stromali, nella sospensione.

 

7.1

 

Quando le due componenti del tessuto adiposo sono insieme e distribuite in maniera geometrica si raggiunge la maggiore efficacia. La sospensione cellulare è ora versata in una siringa da 20 ml. Con un raccordo si riempiono siringe Luer lock da 1 ml.  La sospensione di cellule singole può essere iniettata nei tessuti sottocutanei delle aree più delicate o nel derma dove svolge una potente ed esclusiva azione rigenerativa, oppure potrà essere unita alla sospensione di piccoli frammenti di tessuto adiposo per potenziarne l’attecchimento.
Si rimuove ora il Ringer lattato dalle siringhe che contengono la sospensione volumetrica. La sospensione è agitata nel Beaker e versata in una siringa da 20 ml. Da qui trasferita in siringhe di piccole dimensioni.
Alcuni risultati.
Un raro caso di Parry Romberg bilaterale dopo tre Adipofilling.
Una ipotrofia del terzo inferiore del volto e una fronte sfuggente corrette con due Adipofilling.
Una ipotrofia delle guance trattata con un Adipofilling.
Un’ipotrofia del volto dopo due Adipofilling
Le piccole dimensioni dei frammenti dei lobuli adiposi consentono di iniettare la sospensione volumetrica, con una sottile cannula, nei tessuti sottocutanei delle regioni più delicate come la regione palpebrale. Questa regione può essere riempita, se incavata, o rigenerata in superficie con un sottile tappeto di fini frammenti di tessuto adiposo.
L’Adipofilling può correggere i nasi plurioperati.
Può simmetrizzare le mammelle o aumentarle di volume.
L’Adipofilling ringiovanisce il dorso delle mani invecchiate
L’Adipofilling ha eliminato in tre sedute il dolore provocato da una radiodermite cronica con esposizione di tre vertebre.
L’Adipofilling di cellule adipose e stromali viventi iniettato nelle smagliature le minimizza. Il risultato dell’iniezione dopo un anno.
L’Adipofilling è unito frequentemente all’Elastic Plastic Surgery.   Un filo elastico conizza la mammella e il tessuto adiposo frammentato riempie l’apice del cono mammario.
Il lifting elastico delle sopracciglia e della regione temporale si esegue senza scollamento della cute, attraverso una incisione di pochi millimetri alla attaccatura dei capelli. Terminato il lifting elastico delle sopracciglia si riducono le rughe della fronte iniettando la sospensione cellulare rigenerativa nel derma con un ago 25 G.
La sospensione di cellule adipose e stromali viventi non ha un effetto riempitivo ma ha esclusivamente un effetto rigenerativo dei tessuti, effetto direttamente proporzionale alla quantità di sospensione iniettata. Questo lo abbiamo compreso guardando le foto e i filmati. Dove abbiamo iniettato di più le rughe sparivano.
Si inietta ora la sospensione volumetrica nelle fosse temporali e nella fronte per renderla convessa. Per l’iniezione si utilizza una cannula 21 G.
La fronte e le regioni temporali sono spesso trascurate ma hanno una estrema importanza estetica. Con l’Adipofilling è possibile ridurre le rughe o farle sparire, rendere convessa la fronte e correggere le irregolarità delle ossa frontali che si manifestano con gli anni per l’assottigliamento della cute. Riempire le fosse temporali   elimina l’aspetto scheletrizzato del volto tipico dell’anziano e ha effetto sulla forma degli occhi e sul sollevamento delle guance e del collo. Questo effetto lifting è più marcato se l’Adipofilling è eseguito anche nelle regioni più laterali del volto.

 

7.2

 

L’Adipofilling rigenerativo di cellule adipose e stromali viventi è iniettato intradermico nelle rughe del collo e nelle aree anche estese dove la cute è invecchiata o lesa dall’elastosi solare. Possono essere ringiovanite con l’Adipofilling cellulare intradermico: la glabella, le labbra e le regioni intorno alla bocca e, nel corpo, le smagliature e la cute rovinata delle braccia. Tutte le cicatrici del volto e del corpo possono essere migliorate con l’Adipofilling cellulare intradermico. Le aree estese possono essere anestetizzate a barriera con una soluzione anestetica.
Dopo 20 giorni Il risultato dell’Adipofilling rigenerativo intradermico del collo è ben visibile. Il risultato è stabile nel tempo.  
La nostra ricerca innovativa ha reso possibile cancellare le rughe e rendere nuovamente giovane la cute invecchiata.

  

Capurro S. (2018): Adipofilling® volumetrico sottocutaneo e Adipofilling rigenerativo intradermico, per il trattamento delle rughe e della cute invecchiata.  CRPUB Medical Video Journal. Adipofilling section. //www.crpub.org

FAQ

Si possono realizzare le due principali granulometrie azionando l’Adipopimer per un numero prestabilito di secondi?

È possibile azionare il dispositivo per 4 secondi per l’Adipofilling volumetrico e per 15 secondi per quello rigenerativo. Bisogna comunque controllare sempre la granulometria raggiunta inclinando il Beaker, perché ogni paziente ha lobuli adiposi differenti come consistenza e volume e, quantità di lipoaspirato superiori a 100 ml, possono richiedere un azionamento di maggior durata.

Ci sono limiti al ringiovanimento della cute e alla eliminazione delle rughe?

La metodica è nuova e i suoi limiti non sono ancora conosciuti. Quello che si può dire è che le cellule adipose e stromali viventi iniettate nel derma hanno la più potente azione rigenerativa ad oggi nota.

Quali sono i vantaggi dell’Adipofilling rispetto alle metodiche di nanofat, microfat ecc.

Prelievo più veloce, frammentazione del materiale biologico atraumatica e rapida, possibilità di scegliere una granulometria di piccoli frammenti di tessuto adiposo o una sospensione di cellule singole, mantenimento della vitalità degli adipociti e delle cellule stromali, in pochi secondi possono essere processate grandi quantità di lipoaspirato.
Ricordo che le cannule piccole danneggiano gli adipociti, che i filtri danneggiano gli adipociti, che tutto quello che non è acqua e che tocca gli adipociti li danneggia.

L’Adipopimer non danneggia gli adipociti?

No. Gli adipociti e le cellule stromali sono separati dal vortice aspirativo creato dall’Adipopimer. Il lipoaspirato lavato deve contenere un terzo di soluzione di Ringer lattato per consentire al vortice di separare il tessuto adiposo in frammenti prima e in cellule singole dopo un numero maggiore di secondi.
La centrifugazione a 400 RPM (17RCF G) di una sospensione cellulare ha un sopranatante di olio estremamente sottile che dimostra che la procedura mantiene intatti gli adipociti.
Lo striscio della sospensione cellulare mostra adipociti integri. Questo esame estremamente semplice lo consiglio a tutti coloro eseguono tecniche di micro e nanofat. Ritengo che sia utile vedere al microscopio quello che si inietta. Tonnard penso che l’abbia fatto per il nanofat, ottenuto con filtrazioni multiple. Nel nanofat non ci sono adipociti viventi. Personalmente non lo inietterei mai. Iniettare una poltiglia senza adipociti non ha effetti di rilievo e duraturi. Gli adipociti viventi sono necessari perché producono numerose sostanze utili alla rigenerazione dei tessuti.

Cosa mi può dire dell’utilizzo di un sistema aperto, ci sono rischi infettivi?

Ci siamo sempre chiesti perché, nelle centinaia di interventi di Adipofilling che abbiamo eseguito nell’ospedale regionale S. Martino di Genova, Reparto di chirurgia Plastica Ricostruttiva e Centro Ustionati, non abbiamo mai avuto una infezione. A questa domanda possiamo rispondere oggi. Gli adipociti secernano potenti sostanze antimicrobiche, tra queste un peptide, la catelicidina.

Abbiamo visto lo straordinario risultato dell’Adipofilling intradermico. Dopo solo venti giorni la scomparsa delle rughe e il miglioramento di una ampia area di elastosi e cicatrici. Sembra un collo diverso…

L’Adipofilling intradermico di cellule viventi è estremamente efficace. Ci proponiamo di studiare i cambiamenti della cute ringiovanita con questa tecnica. Le cellule adipose e stromali iniettate nel derma non hanno effetto volumetrico ma rigenerativo. Per far sparire le rughe è necessario iniettare una quantità di sospensione cellulare che debordi largamente dalla ruga stessa.
L’Adipofilling rigenerativo è molto importante per ringiovanire la cute dei nostri pazienti e apre una nuova era. Chi lo capisce ottiene risultati prima non raggiungibili.


È noto che l’Adipofilling elimina i dolori ortopedici…

Sì è tutto un mondo ancora da scoprire.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet