By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

04. Correction of Severe Bilateral Facial Atrophy by Adipofilling®

KEYWORDS: Adipofilling®, autologous fat transplantation, facial atrophy, Parry-Romberg, lipofilling, Adipopimer®

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

Adipofilling easily corrects severe facial atrophy. Adipopimer mechanical fragmentation transforms lobular fat obtained from liposuction into a suspension of adipose and stromal cells that can be injected as a permanent living filler.
Reducing the size of the material obtained from liposuction allows us to inject greater volumes and distribute cells in several layers of the subcutaneous tissue, without risk.
Our prime objective is to avoid collateral effects, hardening, granulomas, necrosis and calcifications. This objective is particularly important when operating on the face and breasts.

4.0

Adipofilling® operating scheme.

 

As always in Adipofilling, we use an anesthetic composed of modified Klain solution containing 500 ml of Ringer’s lactate, 2 vials of 2% mepivacaine and ½ milligram of epinephrine.
Liposuction is performed by means of a 4-mm diameter cannula. Thinner cannulas damage the aspirated tissue to a greater extent.
The lobular fat extracted by means of liposuction is washed in an Erlenmeyer flask equipped with a tap. The fat lobules are washed with Ringer lactate solution. Washing continues until the solution coming out of the tap is clear and transparent.
The lobules are then placed in a beaker and fragmented mechanically with the Adipopimer (Korpo srl - Genova Italia). The Adipopimer is an economical, sterile, disposable device which exploits the principles of granulometry to obtain from the lobular lipo-aspirate a suspension of single cells or small clumps of cells that can be injected like a filler. Fragmentation takes only a few seconds. By inclining the beaker, the operator can check the degree of granulation of the suspension, from small cell clumps to single cells.
The lipo-aspirate has been placed in two containers so that the differences between the lobular material and the fragmented material can be seen macroscopically.
At the microscopic level, this smear of the suspension reveals the integrity of the adipocytes. We believe that adipose tissue should be grafted in the form of stromal and adipose cells.
The granulometry of the material fragmented with the Adipopimer is designed to be no less than 120 microns, which is the maximum size of an adipose cell in a non-obese living patient.
The lobules are then placed in a beaker and fragmented mechanically with the Adipopimer
Anesthesia is only performed at the points of entry of the needle.
After fragmentation, the suspension is poured into 2.5 ml syringes and is left to settle for a few minutes in order to eliminate any residual washing solution. The cellular suspension is injected as a filler. Using an 18 G needle enables the cells to be implanted at several levels.
The procedure does not include centrifugation. We only centrifuge the cellular suspension when we want to select the heaviest stromal and adipose cells to perform small specific corrections. In this case, the centrifuge is set to the minimum speed (300 RPM) and activated for approximately 5 minutes, so as not to damage the adipocytes.
It is interesting to observe the layers of distribution following mechanical fragmentation: from bottom to top, we see the thin stromal layer containing small quantities of stem cells, the heaviest adipocytes, cellular fragments and an extremely thin layer of oil. This signifies that fragmentation causes minimal cellular damage. The layer of oil is much thicker when the fat is aspirated through a 2-mm diameter cannula and centrifuged at high velocity (3000 revolutions for 3 minutes). During this process, the presence of a thick layer of oil indicates that numerous adipose cells have been ruptured.
The adipose and stromal cells implanted may persist to varying degrees, but the result is always clearly visible. The first Adipofilling procedure, however, yields a lesser result than subsequent procedures for a number of reasons. In this case of severe bilateral Parry-Romberg fat atrophy, which appeared at the age of 8 years, the most important factor is the small subcutaneous space in which the implanted cells can suitably be contained and nourishing.
In the second operation, the subcutaneous space able to receive the cellular suspension is greater, allowing a larger number of adipose cells to be implanted and nourished.
After four months, a second Adipofilling procedure may be performed.
After four months, the outcome obtained in terms of the dimensional characteristics of the cellular suspension from Adipofilling can be considered a realistic and permanent result. This means that the increase in volume is due to cellular rooting and not to inflammatory fibrous phenomena or necrosis and lobular calcification.
Six months after the second operation, correction seems quite satisfactory.


However, the simplicity of Adipofilling, the absence of complications and the patient’s desire to have a plumper face prompt us to carry out a third and final procedure.
The areas of the face where volume enhancement is to be performed are marked out. The cell suspension is injected into the subcutaneous tissue through an 18 G needle mounted on a 1 mL syringe. With thinner needles or cannulas, for example 21 G, we would have had to use a 1 mL Luer Lock syringe. Local anesthesia is carried out only at the entry points of the needle. Injection is superficial, as in the case of “volumetric revitalization”. A few minutes after being injected, the single cells or small clumps of cells become nested in the interstitial spaces in the fundamental substance, and the skin becomes smooth again.
In this third procedure, the receiving tissues are thicker and have greater trophism, owing to the biological action of the previous Adipofilling procedures. In these cases, over-correction is always carried out.
After more than five years, the adipose and stromal cells are still extremely well rooted and the result is perfectly stable. Thanks to its operational versatility and the simplicity and cheapness of the procedure, Adipofilling can today be considered the gold standard for the transfer of adipose tissue.

Correction of Bilateral Facial Atrophy by Adipofilling

Correction of Severe Bilateral Facial Atrophy by Adipofilling®

 

Capurro S. (2017): Correction of Severe Bilateral Facial Atrophy by Adipofilling®. CRPUB Medical Video Journal. Adipofilling section. //www.crpub.org

FAQ

This patient seems to be very thin. Was it difficult to obtain a sufficient quantity of fat to perform Adipofilling®?

Even if the patient is very thin, it is always possible to aspirate 100 mL of fat from one or both trochanters; this will become 60 mL of cell suspension, which is sufficient for these facial corrections.

Which regions is it best to take the fat from?

All regions are suitable, but in some the fat needs to be evaluated; for example, the knees are not always suitable because the adipose tissue may be too fibrous.

Does hardening ever occur?

After injecting the suspension, we normally massage the area gently to distribute the cells. Some areas may display hardening for a few hours, but the cells nevertheless find their proper location and the tissues become soft again.

Is anesthesia of the receiving area carried out?

Only at the entry points of the needle or micro-cannula.

How is the micro-cannula inserted?

The skin is pierced with an 18 G needle, and the cannula is inserted through this aperture.

How is the Adipofilling® implanted?

As Adipofilling® is a cell suspension, it can be uniformly distributed as if it were a “volumetric revitalization” agent. We avoid multiple insertions of the needle or cannula as this causes needless fibrosis, the effects of which nevertheless disappear in a relatively short time.

Which is the longest phase of this procedure?

Washing the lipoaspirate. First of all, I advise using mepivacaine as an anesthetic, because lidocaine prevents glucose from penetrating into the adipose cell. Next, I advise using an efficacious amount of epinephrine and waiting for a sufficiently long time before carrying out liposuction. There should preferably be no blood in the lipoaspirate. These small quantities of fat can be washed with lactate Ringer solution in the same syringe used for aspiration.
Fragmentation with the Adipopimer® (Korpo, Italy) takes only a few seconds.

Is the Adipopimer® that we see the market version?

Yes, it is the most recent version, which is the best suited to creating the ideal suspension. Correction of this facial atrophy was achieved with the prototypes that enables us to produce today’s market version.

Can the suspension be frozen?

Yes, but we prefer to use it fresh.

Is the result permanent?

In the face, the cells present after two months are permanent. Naturally, if the patient puts on weight, the grafted cells will also increase in volume; if the patient loses weight, they will decrease in volume. After Adipofilling® the patient must eat properly without going on a diet.

Is rooting always satisfactory?

By performing the technique correctly, we have always obtained good results, without complications. The volume enhancement that we seek to achieve is biological; in other words, it involves living cells. We are not interested in achieving increased volume due to surgical artifacts of traumatic fibrosis or to the insertion of adipose lobules containing apoptotic cells.
The first Adipofilling® procedure may seem disappointing, but it plays an important role in preparing for the subsequent cell graft.

Centrifuged Adipofilling offers the extraordinary possibility of obtaining stromal cells in a few minutes. When are these used?

The stromal cells in the fragmented material that is not injected are separated from the adipocytes by means of centrifugation at 300 RPM for about 5 minutes. These cells are remixed with the cell suspension that is to be injected. They are chiefly used for regenerative purposes in several fields, for example in the treatment of radio-dermitis or, by means of intradermal injections, to improve stretch marks on the skin.

Do you realize that Adipofilling and Adipopimer will revolutionize the fat transfer?

Sure

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

04. Correzione di una grave atrofia bilaterale del volto con l’Adipofilling®

KEYWORDS: Adipofilling®, atrofia del volto, sindrome di Parry-Romberg , lipofilling, Adipopimer®

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

L’Adipofilling corregge l’atrofia grave del volto. La frammentazione meccanica dell’Adipopimer trasforma il grasso lobulare lipoaspirato in una sospensione di cellule adipose e stromali che può essere iniettata come un filler permanente vivente.
La minimizzazione dimensionale del lipoaspirato ci consente di poter iniettare, senza rischi, elevati volumi e di poter distribuire le cellule nel tessuto sottocutaneo in più strati.
Il nostro primo obiettivo è comunque l’assenza di effetti collaterali, l’assenza di indurimenti, di granulomi, di necrosi e di calcificazioni. Questo obiettivo è particolarmente importante quando si opera sul volto e nella mammella.

4.1

Adipofilling® schema operativo.

 

Come sempre nell’Adipofilling utilizziamo un’anestesia con soluzione di Klain modificata contenente 500 ml di Ringer lattato, 2 fiale di mepivacaina 2% e ½ mg o 1 mg di epinefrina.
La liposuzione è eseguita con una cannula di 4 o 3 mm di diametro. Cannule più sottili ledono in maniera consistente il tessuto aspirato.
Il grasso lobulare lipoaspirato è lavato in una beuta dotata di rubinetto.
Il lavaggio dei lobuli di grasso è eseguito con la soluzione di Ringer lattato. Il lavaggio è effettuato fino a quando la soluzione di lavaggio non esce dal rubinetto chiara e trasparente.
I lobuli sono successivamente messi in un beaker e frammentati meccanicamente con l’Adipopimer (Korpo srl - Genova Italia). Il lipoaspirato è stato messo in due contenitori per vedere le differenze macroscopiche tra il materiale lobulare e quello frammentato.

L’Adipopimer è un dispositivo sterile economico monouso che sfrutta i principi della granulometria per ottenere dal lipoaspirato lobulare una sospensione di piccoli gruppi cellulari o di singole cellule viventi che possono essere iniettate come un filler. La procedura di frammentazione dura pochi secondi. Inclinando il beaker è possibile vedere il grado di granulazione ottenuto, piccoli gruppi cellulari o cellule singole in relazione all’intervento che si desidera effettuare.
Per quanto riguarda gli aspetti microscopici lo striscio della sospensione mostra l’integrità degli adipociti. Noi riteniamo che il trasferimento di tessuto adiposo debba essere costituito da cellule stromali e adipose viventi, sia per le applicazioni volumetriche, sia per quelle rigenerative.
La granulometria della frammentazione con l’Adipopimer è stata studiata per non scendere al di sotto dei 120 micron che rappresenta la dimensione massima della cellula adiposa nei pazienti non obesi
L’anestesia locale è eseguita solo nei punti di ingresso dell’ago.
Dopo la frammentazione si versa la sospensione in siringhe da 2,5 ml che si lasciano decantare per alcuni minuti per eliminare ulteriormente il liquido di lavaggio. La sospensione cellulare è iniettata come un filler. L’utilizzo di un ago da 18 G consente di realizzare un impianto cellulare a più piani.
Il procedimento non contempla la centrifugazione. Centrifughiamo la sospensione cellulare solo quando desideriamo selezionare le cellule stromali e le cellule adipose più pesanti per eseguire precise piccole correzioni In questo caso la centrifuga è regolata alla velocità minima (300 RPM) e azionata per circa 5 minuti.
È interessante osservare la distribuzione in strati del centrifugato dopo la frammentazione meccanica: dal basso verso l’alto si osserva il sottile strato stromale, che contiene in piccole quantità le cellule staminali, gli adipociti più pesanti, i frammenti cellulari e lo strato di olio che risulta sempre estremamente sottile. Questo significa che la frammentazione provoca una lesione cellulare minima. Lo strato d’olio è molto maggiore quando il grasso è aspirato con una cannula di 2 mm di diametro, e centrifugato ad elevata velocità (3000 giri per 3 minuti). La presenza di uno spesso strato d’olio indica la rottura di numerose cellule adipose. L’Adipopimer consente in pochi minuti di centrifugazione di estrarre le cellule stromali dal materiale che non deve essere iniettato per aumentare gli effetti trofici della sospensione cellulare iniettata.
La persistenza delle cellule adipose e stromali impiantate è variabile, ma sempre ben visibile. Il primo Adipofilling ha comunque un risultato inferiore rispetto ai successivi. Questo è determinato da numerosi fattori. Il più importante è certamente il ridotto spazio sottocutaneo idoneo ad accogliere e nutrire le cellule impiantate esistente in questo raro caso di grave Parry- Romberg bilaterale, manifestatosi nella prima decade di vita. Esattamente a otto anni. Il risultato dopo il primo Adipofilling mostra la persistenza delle cellule innestate.
Nel secondo intervento, dopo quattro mesi dal primo, lo spazio sottocutaneo in grado di accogliere la sospensione cellulare è maggiore e consente di impiantare e nutrire una maggiore quantità di cellule adipose.
Dopo quattro mesi è possibile intervenire con un secondo Adipofilling.
Dopo sei mesi le caratteristiche dimensionali della sospensione cellulare, consentono di affermare che il risultato ottenuto con l’Adipofilling è un risultato realistico e permanente. Questo significa che l’aumento volumetrico è dovuto all’attecchimento cellulare e non a fenomeni di fibrosi infiammatoria o di necrosi lobulare.
Dopo il secondo intervento la correzione appare già soddisfacente ma la semplicità dell’Adipofilling, l’assenza di complicanze e il desiderio della paziente di avere un viso paffuto ci inducono ad eseguire un terzo e ultimo intervento.
Si marcano le aree del volto dove sarà eseguito l’aumento volumetrico. La sospensione cellulare è iniettata nel tessuto sottocutaneo con una siringa di 1 ml e con un ago 18 G. Con aghi o con cannule più sottili, ad esempio del 21 G, avremmo dovuto utilizzare una siringa da 1 ml Luer Look. L’anestesia locale è eseguita solo nei punti di ingresso dell’ago. L’iniezione è superficiale, simile a quella che faremmo con la rivitalizzazione volumetrica. Dopo pochi minuti dalle iniezioni le cellule singole o i gruppetti di cellule si accomodano negli spazi interstiziali della sostanza fondamentale e la cute ritorna liscia.
In questo terzo intervento i tessuti riceventi, possiedono un maggiore spessore e un aumentato trofismo determinato dall’azione biologica dei precedenti Adipofilling.
Dopo più di 5 anni l’attecchimento delle cellule adipose e stromali è ottimale, il risultato è perfettamente stabile e naturale. L’Adipofilling per le sue possibilità operative e per la semplicità ed economicità della procedura può essere considerato oggi il gold-standard del trasferimento di tessuto adiposo.

Correction of Bilateral Facial Atrophy by Adipofilling

Correzione di Parry Romberg bilaterale con l’Adipofilling.

 

Capurro S. (2017): Correzione di una grave atrofia bilaterale del volto con l’Adipofilling®. CRPUB Medical Video Journal. Adipofilling section. //www.crpub.org

FAQ

La paziente mi sembra molto magra è stato difficile recuperare la quantità di grasso sufficiente ad eseguire l’Adipofilling®?

Anche se la paziente è molto magra è sempre possibile lipoaspirare da uno o da entrambi i trocanteri 100 ml di grasso che diventano 60 ml di sospensione cellulare sufficienti per queste correzioni del volto.

Quali sono le regioni più idonee per il prelievo?

Tutte le regioni sono idonee ma alcune necessitano di una valutazione del grasso, ad esempio le ginocchia non sono idonee al prelievo perche hanno un tessuto adiposo troppo fibroso.

Ci sono indurimenti?

Dopo l’innesto della sospensione normalmente facciamo un delicato massaggio per distribuire le cellule. Alcune aree possono indurirsi per alcune ore ma in breve tempo le cellule trovano la loro collocazione e i tessuti ritornano morbidi e lisci.

Si esegue l’anestesia dell’area ricevente?

Solo nei punti di ingresso dell’ago o della microcannula.

Come si inserisce la microcannula?

Si buca la cute con un ago del 18 G, e si introduce la cannula attraverso questo foro.

Come è innestato l’Adipofilling®?

Poiché l’Adipofilling® è una sospensione cellulare può essere distribuita uniformemente come se fosse un filler rivitalizzante. Evitiamo i passaggi multipli degli aghi o delle cannule perché provocano una fibrosi inutile.

Quale è la fase più lunga di questo intervento?

Certamente il lavaggio del lipoaspirato. Come prima cosa consiglio di utilizzare mepivacaina come anestetico. La lidocaina impedisce l’ingresso del glucosio nella cellula adiposa. Poi consiglio una efficace quantità di epinefrina ed un sufficiente tempo di attesa prima del prelievo dei lobuli. Nel lipoaspirato è preferibile che non ci sia sangue. Per piccole quantità il grasso aspirato può essere lavato con Ringer lattato, nella stessa siringa di aspirazione. La frammentazione con l’Adipopimer® (Korpo, Italia) richiede pochi secondi.

L’Adipopimer® che si vede è la versione industrializzata?

Sì è la versione più recente, quella con le caratteristiche idonee a realizzare la sospensione cellulare ideale. La correzione di questa atrofia del volto è stata ottenuta con i prototipi che hanno permesso di realizzare la versione industrializzata odierna.

La sospensione può essere congelata?

Certamente, può essere surgelata ma preferiamo utilizzarla fresca.

La durata è permanente?

Nel volto le cellule che sono presenti dopo due mesi sono permanenti. Naturalmente se il paziente ingrassa anche le cellule innestate aumentano di volume, se dimagrisce i volumi diminuiscono. Dopo l’Adipofilling® è necessario che il paziente si alimenti correttamente senza fare diete.

L’attecchimento è sempre soddisfacente?

Con una tecnica eseguita correttamente abbiamo sempre avuto buoni risultati senza complicanze. L’aumento volumetrico che ricerchiamo è biologico, ovvero di cellule viventi, non siamo interessati agli aumenti volumetrici dovuti agli artefatti chirurgici di fibrosi traumatica o alla persistenza nei tessuti di lobuli adiposi morti e calcificati.
Il primo Adipofilling® può essere deludente ma la sua funzione è importante perché prepara il successivo innesto cellulare.

L’Adipofilling centrifugato offre la straordinaria possibilità di ottenere in pochi minuti cellule stromali, quando si utilizzano?

Le cellule stromali del materiale frammentato che non è iniettato sono separate dagli adipociti con la centrifugazione a 300 RPM per circa 5 minuti. Queste cellule si miscelano nuovamente con la sospensione cellulare che sarà iniettata. L’utilizzo è prevalentemente rigenerativo in molteplici campi ad esempio per il trattamento delle radiodermiti o con iniezioni intradermiche, per migliorare le smagliature cutanee, ecc.

Si rende conto che l’Adipofilling e l’Adipopimer rivoluzionano il trasferimento del tessuto adiposo?

Certo.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet