By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. You can change this and find out more by following in "Read more" button.

English

36. Elastic Lifting of the Lower Neck

KEYWORDS: Elastic Lifting of the lower neck, Elastic Plastic Surgery, Elasticum suture, Jano needle

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

This patient underwent liposuction for a double chin and, at the same time, an Elastic Neck Lift with implantation of an elastic thread between the two fasciae of Loré. A year later, we are correcting the folds that form in the lower part of the neck when the patient bends her head forward. No skin is removed during this procedure; the tissues are simply repositioned. The excess cutaneous and subcutaneous tissue that is moved sideways and upwards will not only remain invisible, but will also serve to counteract wasting of the sides of the neck. Upward and lateral traction is applied to the skin of the neck with the fingers, in order to identify the best position for the oblique suspensive vectors that will be used to lift the excess skin in the infero-anterior region of the neck. In this case, only two vectors are needed; these are marked out. These lines bisect the angle of the isosceles triangle that will be created by the elastic thread in the subcutaneous tissue. The central point of the neck is also marked out. This is important because it enables us to check the symmetry of the elastic traction from the two sides. The apex of the triangle is about two finger-widths from the sternocleidomastoid muscle, at the central point between the medial edge of the muscle and the anterior center of the neck. The base of the triangle, which is about 4 cm long, is parallel to the hairline. Local anaesthesia with mepivacaine and epinephrine is carried out and the procedure begins. A N° 11 blade is used to make a 3 mm incision at one extremity of the base of the triangle. A Klemmer is then used to create a cavity, in which the knot will be housed. The 16.5 cm Jano needle is inserted. The elastic thread has previously been bathed in order to facilitate its transformation into a natural ligament. Having partially emerged from the other extremity of the base of the triangle, the two-tipped needle is rotated and follows the pre-established pathway until it reaches the apex of the triangle close to the area which is to be placed under lateral and upward traction. As the two-tipped needle travels through the tissues, the operator takes care to ensure that it is not too superficial, so as to avoid creating introflections of the skin. The Jano needle partially emerges 1 cm beyond the apex of the triangle, and the elastic thread is pulled through and placed under tension. The two-tipped needle is now rotated and travels towards the entry incision, where it emerges. The two elastic threads are placed under tension and knotted. The central point of the neck has been shifted by almost 2 cm.

The contralateral elastic thread is now implanted. A 3 mm incision is made at one extremity of the base of the isosceles triangle. A Klemmer is used to create the cavity in which the knot of the elastic thread will be housed. The Jano needle is inserted; this will anchor the elastic thread in the scalp at the hairline. The elastic thread does not cut into the tissues, is impalpable and is transformed into a natural ligament. For this reason, it can be anchored to the subcutaneous tissues: to the galea for lifting of the temple and eyebrow; to the subcutaneous tissues of the pectoral region in order to lift the breast; to the subcutaneous tissues in the case of large scar revision or the excision of large neoformations; to the subcutaneous tissues of the gluteal region in order to lift the bottom; and to the subcutaneous tissue of the scalp in order to lift the skin of the antero-inferior region of the neck. As always, a Klemmer is fixed to the end of the elastic thread.

The Jano needle partially emerges at the extremity of the triangle and the elastic thread is pulled through. The depth marks on the shaft of the needle are counted. When ½ cm of the posterior tip remains in the tissues, the two-tipped needle is rotated and travels towards the small entry incision. As always, it must be ensured that the pathway of the needle is not too superficial, in order to avoid creating skin introflections.

The needle now emerges from the entry incision. The patient’s face has been straightened. Once the thread that has just been implanted is placed under tension, the central point of the neck will return to its original position. Traction of the elastic threads has restored the central point of neck to its original position. The elastic thread is knotted. The small incisions are sutured. Elastic Lifting of the lower neck is now complete. The procedure causes minimal trauma and the result is optimal.

In this patient, who had already undergone a traditional lifting procedure, we implanted three elastic threads. Transposition of the cervical volumes rejuvenated the lateral regions of the neck. Correction is always tailored to the patient’s defects. Two, three or four Isosceles triangles may be drawn out; in this case, we opted for three. The smallest triangle is inside the largest one, which serves to redistribute the excess skin. The superficial irregularities will disappear within a few weeks and the cervical regions will no longer have an emaciated appearance; the patient will acquire a new youthful look. The procedures that act upon the neck region are: elastic MACS lifting, elastic neck lifting by means of suspension between the two fasciae of Loré, horizontal liposuction through a small cannula to treat a double chin, submental traction by means of elastic threads, elastic lifting of the lower neck and neck lifting procedure that uses safety pins. The small triangle is about to be completed. The knot of this second thread will also be lodged at the bottom of the small incision. The scars left by the previous traditional lifting procedure can be seen. The traction exerted by the elastic thread close to the area to be distended prevents the subsequent stretching of the skin. Once the elastic thread has been colonized by fibrohistiocytic cells and has been transformed into a ligament, it is able to limit subsequent drooping. Any small defects that might arise after a year can be corrected simply and cheaply in an ambulatory setting. Elastic Plastic Surgery can also be used to correct the results of traditional surgery. At the end of the procedure, if the condition of the skin is poor, Electroporo Cosmesis can be performed with a fractionated electrode, followed by the application of a saturated solution of resorcin in hydrogen peroxide; the solution is washed off once frosting has occurred. The result is pleasing and natural, and is obtained without having to perform any dissection. Another prejudice has been overcome.

36.0

This patient already subjected to Basic Elastic MACS and Neck lift was subjected to elastic lifting of the lower neck. The patient is much improved. A further improvement could be obtained with the recent Elastic Neck lift with safety pins.

Capurro S. (2017): Elastic Lifting of the Lower Neck. CRPUB Medical Video Journal. – Elastic Plastic Surgery section. http://www.crpub.org

FAQ

Traditional neck lifting has always required ample dissection, incision of the platysma and the removal of skin. Elastic Plastic Surgery has revolutionized our consolidated procedures: no incision of the platysma, no removal of skin, no incision under the chin and no dissection – just simple repositioning of the superficial tissues by means of traction close to the areas to be lifted. Is that right?

es. The Jano needle enables the elastic thread to be implanted exactly where it is needed, close to the visible defect. Moreover, the thread is colonized by fibrohistiocytic cells within a few weeks and is transformed into a ligament. The cutaneous and subcutaneous tissues return to their natural position and are not removed.
The drooping of the neck tissues is the result of the gravitational ptosis of the face, even though it can be treated separately, such as in the case of double chin, for instance.
Let’s take a couple of examples. If we are faced with a drooping neck, we place both hands on the two angles of the jaw and raise the skin; the folds in the neck disappear. This is what happens when we do a MACS lift, which leaves a small scar that runs around the sideburn and stops at the tragus. In this case, the excess vertical skin is removed (this is the only case of skin removal in elastic lifting of the face). The newly implanted ligament supports the supero-lateral portion of the neck.
The elastic thread running between the two fasciae of Loré restores the cervico-mandibular angle. The first pathway of the elastic thread is exactly at the depth of the cervico-mandibular angle. The return pathway of the thread may be about 1 cm above the previous one, as in this case of double chin, or about 1 cm below the previous one. In the former case, the thread supports the tissues under the chin; in the latter case, it lifts the anterior and lower tissues of the neck. Restoring the cervico-mandibular angle reduces the excess skin. If we were to dissect the skin of the neck and the skin anterior to the ear, the excess skin would cover 2/3 of the ear. However, once the elastic thread has been implanted between the two fasciae of Loré, the excess skin is reduced to less than ½ cm. Indeed, almost all the excess skin serves to restore the cervico-mandibular angle. Obviously, there is no point in dissecting the area and creating a pre-auricular scar, which will always remain visible, in order to remove a small amount of skin, which, as it is no longer subjected to traction, easily diminishes and becomes irrelevant.
For what concerns the submental region, I personally recommend checking for the presence of excess adipose tissue, even as little as a few cc. This can be aspirated with a 2 mm diameter cannula through two small lateral incisions made with a N° 11 blade. Liposuction must be rigorously horizontal in order to exploit the retraction of the scar. Following liposuction of a double chin, it is very important to maintain elastic compression for three weeks.
If there is no excess adipose tissue, the correction and prevention of skin folds under the chin are carried out by implanting an elastic thread on both sides; this thread is anchored to the fascia of Loré and applies traction to the platysma immediately below the mandibular arch. The two-tipped needle is used to implant the thread and, naturally, no dissection is carried out.
The last procedure described in this video is elastic lifting of the lower neck, which lifts and applies traction to the anterior portion of the neck. These procedures can be completed by peeling, which makes the skin firm. We use physical/chemical peeling with resorcin.

Is elastic lifting of the lower neck the last procedure to be carried out on the neck?

Normally, yes. Elastic lifting of the lower neck is carried out last. As slight differences in the slackness of the tissues between the right and left regions of the neck may emerge after the procedure, another elastic thread can always be implanted.

Are there any problems with the veins, for example the external jugular?

If there are evident veins, we mark them out and, if necessary, we create a small tumescence above the vein; this enables the two-tipped needle to pass over the vein without risk. However, we have never encountered any significant bleeding.

Where do you recommend making the small incision through which the 16.5 cm Jano needle is inserted: at the upper angle of the base of the isosceles triangle or at the lower end?

I prefer to insert the needle through a 3 mm incision made at the upper angle of the base of the isosceles triangle. I find it easier to insert the Jano needle and to anchor the elastic thread to the subcutaneous nuchal tissue from above.

Compared with traditional procedures, the mentality here seems to be different.

Yes, it’s very different. We implant a predetermined number of elastic threads. Once the technique has been mastered, the results are always very good. If, a year later, the patient has a desire for further improvement, we implant further elastic threads. Let’s take an example: suppose we implant four elastic threads in order to lift the buttocks. If one buttock has a slightly different shape, owing to a natural asymmetry, we can simply implant another elastic thread. Another example: we lift the breasts by means of four elastic threads. Two years later, the patient decides to lift the breasts further; in this case, we implant another two threads.
In practice, these procedures, especially in patients with a high degree of ageing, utilize the implantation of elastic threads. Let’s take another example. Suppose we carry out a first-time procedure of MACS and elastic neck lifting in an elderly patient; at the same time, we implant two threads to lift the submental platysma and perform liposuction of the double chin. The MACS lift will not need to be repeated, as the drooping of facial volumes and stretching of the skin are prevented by six ligaments implanted in the cheeks. In a second procedure, we perform elastic lifting of the temporal region and lower neck and peeling of the neck. A further procedure will then be carried out to reduce wrinkles and to perform Adipofilling of bags under the eyes, the nasolabial folds, the temporal fossa, the area around the mouth and the cheeks. In this way, suspension is combined with the volumetric and biological effects of the adipose and stromal cells and of peeling. The patient is completely rejuvenated and has a natural appearance, which is our main objective.

POST-PUBLICATION REVIEW

No comments yet

Italian

36. Lifting elastico del collo basso

KEYWORDS: lifting del collo basso, Elastic Plastic Surgery, Elasticum, ago a due punte

You must have the Adobe Flash Player installed to view this player.

La paziente è stata sottoposta a liposuzione del doppio mento e al contemporaneo Elastic Neck lift, con l’impianto di una sutura elastico tra le due fasce di Lorè. Dopo un anno correggiamo le pieghe che si formano nella parte bassa del collo, quando la paziente piega in avanti la testa. Anche in questo intervento non c’è alcuna asportazione cutanea ma un semplice riposizionamento dei tessuti. L’eccesso dei tessuti cutanei e sottocutanei trasportato lateralmente e in alto non solo non risulterà visibile ma servirà a contrastare la scheletrizzazione laterale del collo.
Con le dita si esegue una trazione in alto e laterale della cute cervicale, per individuare la posizione ottimale dei vettori sospensivi obliqui, necessari per trazionare l’eccesso cutaneo della regione infero-anteriore del collo. In questo caso sono sufficienti solo due vettori che sono marcati. Essi sono la bisettrice dell’angolo isoscele che sarà realizzato nel tessuto sottocutaneo dal filo elastico.
Si segna anche il punto centrale del collo, importante perché consente di verificare la simmetria della trazione elastica dai due lati. In questa paziente l’apice del triangolo di trazione è a circa due dita dal muscolo sternocleidomastoideo, nel punto centrale tra il margine mediale del muscolo e il centro anteriore del collo. La base del triangolo, circa 4 cm, è parallela alla attaccatura dei capelli. Eseguita l’anestesia locale con mepivacaina con epinefrina si inizia l’intervento. Un taglio di 3 mm è effettuato con una lama numero 11 a una delle estremità della base del triangolo. Con una Klemmer si realizza la cavità dove sarà alloggiato il nodo. S’ introduce ora il Jano needle da 16,5 cm. Il filo elastico è stato preventivamente bagnato per rendere più rapida la sua trasformazione in un legamento naturale. Uscito parzialmente dall’altra estremità della base del triangolo, l’ago a due punte ruota e prosegue il suo decorso per raggiungere l’apice del triangolo posto in vicinanza dell’area da trazionare lateralmente e in alto secondo il progetto preoperatorio. L’operatore durante il passaggio dell’ago a due punte sta attento a non essere troppo superficiale per non creare introflessioni cutanee. Superato l’apice del triangolo per 1 cm, il Jano needle esce parzialmente, e il filo elastico è ritirato e messo in tensione. L’ago a due punte è ruotato e si dirige nell’incisione di ingresso dove esce. I due fili elastici sono trazionati e annodati. Il punto centrale del collo si è spostato di quasi due centimetri.
Si procede ora all’ impianto del filo elastico controlaterale. Si esegue una incisione di 3 mm ad una estremità della base del triangolo isoscele. Con una Klemmer si realizza la cavità comoda dove sarà alloggiato il nodo della sutura elastica. Si introduce ora il Jano needle che fisserà il filo elastico nel cuoio capelluto all’attaccatura dei capelli. Il filo elastico non taglia i tessuti, è impalpabile e si trasforma in un legamento naturale, per questo motivo può essere fissato ai tessuti sottocutanei: alla galea per il lifting temporale e del sopracciglio; ai tessuti sottocutanei della regione pettorale per sollevare la mammella, ai tessuti sottocutanei per la revisione delle cicatrici larghe o per l’escissione delle neoformazioni di grandi dimensioni, ai tessuti sottocutanei della regione glutea per ricompattare e sollevare il sedere e al tessuto sottocutaneo del cuoio capelluto per trazionare la cute della regione antero-inferiore del collo

Una Klemmer è fissata , come sempre, all’estremità del filo elastico.
Il Jano needle esce parzialmente all’estremità del triangolo. Il filo elastico è ritirato. Si contano le tacche di profondità. Quando rimane ½ cm di punta nei tessuti l’ago a due punte è ruotato e diretto in direzione dell’apice del triangolo dove esce un centimetro più medialmente. Il filo elastico è ritirato. Si contano le tacche di profondità. Quando rimane ½ cm di punta nei tessuti il Jano needle è ruotato e diretto nella piccola incisione di ingresso. Come sempre, è necessario che il tragitto dell’ago non sia troppo superficiale per non creare introflessioni cutanee.
L’ago ora esce dall’incisione di ingresso. Il volto della paziente è raddrizzato. Si nota lo spostamento del punto centrale del collo che dovrà diventare nuovamente centrale dopo la trazione della sutura appena impiantata.
La trazione dei fili elastici ha reso nuovamente centrale il punto del collo.
La sutura elastica è annodata. Le piccole incisioni sono suturate. L’Elastic Neck lift basso è completato. Il trauma dell’intervento è minimo e Il risultato è ottimale. Dopo un anno nonostante il forte dimagramento, più di 7 Kg, la paziente mantiene il miglioramento ottenuto con l’intervento.
In questa paziente già sottoposta in passato a un lifting tradizionale, abbiamo impiantato tre suture elastiche, la trasposizione dei volumi cervicali dona giovinezza alle regioni laterali del collo.
La correzione è sempre personalizzata ai difetti dei pazienti. I triangoli isosceli possono essere due, quattro o, come in questo caso tre. Il triangolo più piccolo dentro il triangolo più grande. Che è stato eseguito per ridistribuire la cute in eccesso. Le irregolarità superficiali spariranno dopo poche settimane e le regioni cervicali non avranno più l’aspetto scheletrizzato donando nuova giovinezza al paziente. Gli interventi che hanno effetto nella regione cervicale sono: il MACS lift elastico, il Neck lift elastico con sospensione tra le due fasce di Loré, la liposuzione orizzontale con cannula piccola del doppio mento, i fili elastici di trazione sottomentonieri, il Neck lift elastico basso e il recente Neck lift elastico con le spille da balia.
Il triangolo piccolo sta per ellere completato. Anche il nodo di questa seconda sutura sarà alloggiato nel fondo della piccola incisione. Sono visibili le cicatrici del precedente lifting tradizionale.
La trazione esercitata dal filo elastico vicino all’area che deve essere distesa, costituisce una prevenzione al successivo allungamento della cute. Quando il filo elastico è colonizzato dalle cellule fibroistiocitarie e si trasforma in un legamento è in grado di limitare la successiva ptosi gravitazionale. Appare evidente che la correzione di eventuali piccoli difetti che si dovessero presentare dopo un anno è molto semplice, economica e ambulatoriale. L’Elastic Plastic Surgery può essere utilizzata anche per correggere i risultati della chirurgia tradizionale. Al termine dell’intervento quando la cute è particolarmente rovinata eseguiamo un’Electroporo Cosmesis con un elettrodo frazionato e applichiamo una soluzione satura di resorcina in acqua ossigenata, che viene lavata dopo il frost. Il risultato, ottenuto senza alcuno scollamento, è piacevole e naturale. Un altro tabù è stato infranto.

36.0

Questa paziente già sottoposta al MACS e Neck lift elastico basico è stata sottoposta al lifting elastico del collo basso. La paziente è molto migliorata. Un ulteriore miglioramento potrebbe essere ottenuto con il recente lifting elastico del collo con le spille da balia.

Capurro S. (2017): Elastic Neck lift basso. CRPUB Medical Video Journal. – Elastic Plastic Surgery section. http://www.crpub.org

FAQ

La chirurgia tradizionale dei Neck lift collo ha sempre richiesto ampi scollamenti, incisioni del platisma e rimozione della cute.  L’Elastic Plastic Surgery rivoluziona le procedure consolidate: nessun taglio del platisma, nessuna asportazione cutanea,  nessun taglio sotto il mento, nessuno scollamento ma una semplice riposizione dei tessuti superficiali con trazioni vicine alle aree che devono essere sollevate. E così?

Sì, con il Jano needle Il filo elastico può essere impiantato esattamente dove è necessario, vicino al difetto visibile e, in poche settimane, colonizzato dalle cellule fibroistiocitarie, il filo si trasforma in un legamento. I tessuti cutanei e sottocutanei riprendono la loro sede naturale e non sono rimossi.
I tessuti cadenti del collo rientrano nella ptosi gravitazionale del volto, anche se possono essere trattati singolarmente, ad esempio, in caso di doppio mento.
Facciamo alcuni esempi. Se siamo di fronte a un collo cadente mettiamo le due mani sui due angoli della mandibola e solleviamo la cute, ecco le pliche del collo scomparire. Questo è quello che avviene nel MACS lift con cicatrice che circonda la basetta e si ferma al trago. La cute verticale in eccesso è tutta rimossa (questa è l’unica rimozione cutanea dei lifting elastici del volto). I nuovi legamenti impiantati sollevano anche la porzione supero-laterale del collo.
Il filo elastico sospensivo tra le due fasce di Loré ripristina l’angolo cervico mandibolare. Il primo passaggio del filo elastico è esattamente nella profondità dell’angolo cervico mandibolare. Quando il filo elastico ritorna il suo tragitto può essere circa 1 cm sopra il precedente impianto, come in questo caso di doppio mento, oppure circa 1 cm sotto il primo passaggio. Nel primo caso sostiene i tessuti sottomentonieri, nel secondo caso solleva i tessuti anteriori e bassi del collo. Il ripristino dell’angolo cervico mandibolare riduce l’eccesso cutaneo. Se io scollassi la cute del collo e quella anteriore all’orecchio otterrei un eccesso cutaneo che mi permetterebbe di coprire i 2/3 dell’orecchio. Dopo aver impiantato il filo elastico tra le due fasce di Loré l’eccesso cutaneo si riduce a meno di ½ cm. Quasi tutto l’eccesso cutaneo serve per ripristinare l’angolo cervico mandibolare. Appare evidente come non sia conveniente scollare l’area e creare una cicatrice pre-auricolare, sempre visibile, per rimuovere una piccola quantità di cute che, non più sottoposta a trazione, si riduce facilmente e diventa irrilevante.
Per quanto riguarda la regione sottomentoniera, personalmente consiglio di valutare la presenza di un eccesso adiposo, anche minimo, pochi centimetri cubici che sarà aspirato con cannula di 2 mm di diametro attraverso due piccole incisioni laterali, eseguite con una lama n°11. La liposuzione deve essere rigorosamente orizzontale, per sfruttare la retrazione cicatriziale. Dopo la liposuzione del doppio mento è di rilevante importanza il mantenimento per tre settimane di una contenzione elastica
Se non c’è alcun eccesso adiposo, la correzione e prevenzione delle pliche cutanee sotto-mentoniere si effettua con l’impianto da entrambi i lati di un filo elastico di trazione che parte dalla fascia di Loré e traziona il platisma subito sotto l’arco mandibolare, naturalmente sempre senza scollamento, utilizzando l’ago a due punte.
Come ultimo intervento il lifting elastico del collo basso, descritto in questo video, che solleva e traziona la porzione anteriore del collo. Gli interventi possono essere completati con peeling che rassodano la cute. Utilizziamo peeling fisico/chimici con resorcina.

L’Elastic Neck lift basso è l’ultimo intervento che si esegue nel collo?

Normalmente si, L’Elastic Neck lift basso si esegue per ultimo. Poiché ci possono essere delle piccole differenze di lassità dei tessuti tra la regione destra e quella sinistra del collo, che appaiono dopo l’intervento, è sempre possibile impiantare un altro filo elastico.

Ci sono problemi con le vene ad esempio con la giugulare esterna?

Se ci sono vene evidenti le segniamo e, se è necessario, eseguiamo sopra la vena una piccola tumescenza che ci permetta di oltrepassarla con l’ago a due punte senza rischi. Non si è comunque verificato alcun sanguinamento di una rilevabile importanza.

Dove conviene effettuare la piccola incisione per entrare con il Jano needle da 16,5 cm, alla estremità superiore della base del triangolo isoscele oppure a quella inferiore?

Preferisco entrare in una incisione di 5 mm effettuata all’estremità superiore della base del triangolo isoscele. L’introduzione del Jano needle e il fissaggio del filo elastico al tessuto sottocutaneo nucale risulta più facile dall’alto.

Mi sembra che la mentalità richiesta dai lifting elastici sia diversa rispetto agli interventi tradizionali.

Sì, è molto diversa. Noi preventiviamo l’impianto di un certo numero di fili elastici. I risultati, se si conosce la tecnica sono sempre molto buoni. Se la paziente dopo un anno desidera un ulteriore miglioramento, impiantiamo altri fili elastici, senza fare scollamenti Facciamo un esempio: impiantiamo 4 fili elastici nei glutei per sollevarli. Se un gluteo per una asimmetria naturale ha una forma leggermente diversa, impiantiamo un altro filo elastico. Un altro esempio: solleviamo le mammelle con 3 fili elastici. Dopo due anni la paziente decide di sollevarle ancora, in questo caso impiantiamo altri due fili.
In pratica gli interventi, soprattutto nei pazienti anziani con un elevato grado di invecchiamento, si calcolano a numero di suture elastiche. Si inizia con un numero di impianti standard. Se il paziente desidera ulteriori miglioramenti si impiantano altri fili elastici, che costituiscono un altro intervento, non una correzione del primo.
Un altro esempio. Nel volto anziano eseguiamo un primo intervento di MACS e Neck lift elastico, contemporaneamente impiantiamo due fili di trazione del platisma sotto mentoniero e una liposuzione del doppio mento. Il MACS lift una volta eseguito non dovrà più essere rifatto perché la ptosi volumetrica, con il relativo allungamento cutaneo, è bloccata dai sei legamenti impiantati nelle guance. Nel secondo intervento: lifting elastico temporale, lifting elastico del collo basso e peeling del collo. Nel terzo intervento: riduzione delle rughe della marionetta e Adipofilling delle occhiaie, delle pliche nasolabiali, della fossa temporale, della regione peribuccale e delle guance. In questo modo uniamo la sospensione agli effetti volumetrici e biologici delle cellule adipose e stromali e dei peeling. Il paziente è ringiovanito con un aspetto naturale, che è quello a cui noi teniamo maggiormente.

Mi sembra che la mentalità sia diversa rispetto agli interventi tradizionali.

Sì, è molto diversa. Noi preventiviamo l’impianto di un certo numero di fili elastici. I risultati, se si conosce la tecnica sono sempre molto buoni. Se la paziente dopo un anno desidera un ulteriore miglioramento, impiantiamo altri fili elastici. Facciamo un esempio: impiantiamo 4 fili elastici nei glutei per sollevarli. Se un gluteo per una asimmetria naturale ha una forma leggermente diversa, impiantiamo un altro filo elastico. Un altro esempio: solleviamo la mammella con 3 suture elastiche. Dopo due anni la paziente decide di sollevarle ancora, in questo caso impiantiamo altri due fili.
In pratica gli interventi , soprattutto nei pazienti anziani con un elevato grado di invecchiamento, vanno a suture elastiche. Un altro esempio. Nel volto anziano eseguiamo un primo intervento di MACS e Neck lift elastico, contemporaneamente impiantiamo due fili di trazione del platisma sotto mentoniero e una liposuzione del doppio mento. Il MACS lift una volta eseguito non dovrà più essere rifatto perché la ptosi volumetrica, con il relativo allungamento cutaneo, è bloccata dai sei legamenti impiantati nelle guance. Nel secondo intervento: lifting elastico temporale, lifting elastico del collo basso e peeling del collo. Nel terzo intervento: riduzione delle rughe della marionetta e Adipofilling delle occhiaie, delle pliche nasolabiali, della fossa temporale, della regione peribuccale e delle guance. In questo modo uniamo la sospensione agli effetti volumetrici e biologici delle cellule adipose e stromali e dei peeling. Il paziente è tutto ringiovanito ed ha un aspetto naturale, che è quello a cui noi teniamo maggiormente.

POST-PUBLICATION REVIEW

 No comments yet